LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/01/09 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 18/01/09 10:55 - 7704 commenti

I gusti di Pigro

Lui è povero, vince una fortuna e si innamora di un industriale. Film didattico, quasi brechtiano, sulla differenza delle classi sociali, sul denaro e l'amore, sullo sfruttamento. Il lavoro, infatti, segue un andamento a tappe che mostra il paradossale sfruttamento del proletario da parte dell'industriale: in verità, una storia simbolica, pur nella sua fisicità realistica, come dimostrano anche alcuni momenti palesemente teatrali e "costruiti". Finale amaro in cui Fassbinder racconta la società presente e futura: barbara, avida e cinica.

Undying 23/04/10 23:27 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Fassbinder si cala qui anima (come regista) e corpo (come perdente protagonista) in una pervadente critica sociale. Mira alto, a denunciare usi e abusi - al solito - perseguiti da rappresentati dell'alta borghesia: l'élite, ovverosia, la classe benestante e (pre)dominante è prima causa del conflitto sociale. L'idea del riscatto, con inattesa svolta esistenziale del disoccupato, cede posto al pessimismo più estremo, alla concezione di un destino costretto a soccombere dinanzi all'ingannevole cinismo del nostro mondo. La spoliazione allegorica (prima beni materiali, poi vestiti) dice tutto...

Homesick 16/11/10 12:06 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La spietatezza dei rapporti individuali e collettivi, punto cruciale dell’intero corpus fassbinderiano, giunge alla sua forma più cruda e compiuta in una variazione omoerotica del mito di Pigmalione, che dimostra l’amaro teorema della legge del più forte applicando gli schemi marxisti dell’alienazione e dello sfruttamento del proletario ingenuo (benché arricchito) da parte del capitalista colto e ingannatore. Splendidamente interpretato da Fassbinder stesso e dal fior fiore del suo entourage, un melodramma fisico e nichilista concluso da un finale cinico e di allarmante attualità.
MEMORABILE: Il finale in stazione: terribile profezia della società di oggi, atomistica e approfittatrice delle disgrazie altrui.

Giùan 27/03/12 12:54 - 2879 commenti

I gusti di Giùan

Parafrasando Brecht diremmo La resistibile ascesa di Franz Bieberkopf. Una delle pellicole più longeve di Fassbinder, personalmente una delle più amate. Merito di una esemplarità da fiaba nera che vivifica e innerba una concettualità altrove sterile e respingente. Tutto è linearmente perfetto in questo melò che guarda negli occhi la implacabile sopraffazione operata dalla cultura borghese ai danni della "natura" umana. Disarmato e inesorabilmente perdente, Rainer attore è commovente, quanto spietata e terribile la maschera gelidamente satanica di Bohm.
MEMORABILE: L'incipit al baraccone da fiera; La scena in cui Eugen (accompagnato da Bohm in bianco) accommiata Fox; Fox disperato al bar "pago tutto io..."; Il finale.

Jandileida 22/10/12 22:21 - 1237 commenti

I gusti di Jandileida

Bene: il poveraccio (il popolo, "le bon sauvage") si arricchisce con la lotteria e, lungi dall'accettare questa fortuita redistribuzione della ricchezza, uno scaltro imprenditore (la borghesia, le costrizioni della società) fa di tutto per spillargli fino all'ultimo marco per pagarsi i debiti e la bella vita. Da applausi, oltre che, ahimè, di stringente attualità. Inoltre il nichilismo di fondo fassbinderiano colpisce sempre nel segno. Male: per dire questo si ricorre a un simbolismo troppo forzato e a tratti irreale (oltre che a 45 minuti di troppo).

Pinhead80 13/03/14 17:44 - 3837 commenti

I gusti di Pinhead80

In questo film c'è un distillato di Fassbinder allo stato puro. L'essere umano si annienta nella relazione amorosa (che corrisponde a una sorta di sfruttamento di classe) che si poggia su di una dinamica dove l'amore dato è inversamente proporzionale a quello ricevuto. Il rifugio nell'alcool come forma di ristoro dalla crudeltà della vita accompagna la parabola discendente del protagonista. Anche in questo film è come se Fassbinder ci anticipasse il suo destino o forse quello di una società intera.

Cotola 18/03/14 21:51 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Il tema del film (lo sfruttamento attuato pervicacemente dalla borghesia ai danni del proletariato) non è certo nuovo: eppure il film risulta perfettamente riuscito. Merito non solo di un'ottima confezione che esalta una messa in scena, al solito, di grande eleganza, ma anche e soprattutto di una sceneggiatura che è rigorosa ed inappuntabile nel portare avanti il suo discorso. Fassbinder al solito è spietato e non concede nulla allo spettatore ed ai suoi personaggi (su tutto, vedi il feroce finale). Molto bello e, anche se non molto celebre, essenziale nella filmografia del regista tedesco.
MEMORABILE: Il finale in metropolitana.

Lucius 14/12/14 19:09 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Il potere acuisce la sua essenza nei confronti dei più "deboli", anche nella fattispecie in cui non dovrebbe essere presente alcuna "prevaricazione sociale", come ad esempio nel caso della coppia del film, unita da un rapporto erotico-affettivo. L'opera di Fassbinder trasuda puro cinema, può contare su interni anni settanta di rara bellezza e su dialoghi lungimiranti. Gli interessi economici possono soppiantare l'amore? Uno dei più validi film del regista, qui anche interprete.

Alex75 8/06/15 09:37 - 661 commenti

I gusti di Alex75

Raccontando l’ascesa e la caduta di un inetto sottoproletario, Fassbinder mette a nudo l’ipocrisia di un mondo raffinato e al tempo stesso gretto che, pur ghettizzato, ripete le brutali dinamiche di sfruttamento tipiche del capitalismo, in un ritratto freddo e al tempo stesso sofferto fino alla disperazione (come dimostrano la scelta del regista di impersonare il protagonista e la sgradevolezza di tutti i personaggi); fondamentale il ruolo del denaro, misura di tutto (anche degli affetti).
MEMORABILE: “Contanti! Se ripeti una parola troppo spesso non sai più cosa significa”; Hedwig insulta gli “amici” di Fox: in vino veritas!; Il desolato finale.

Deepred89 21/07/15 14:13 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

La storia è sempre la stessa, con ascesa e crollo della coppia, con l'elemento debole che si fa umiliare almeno per tutto il secondo tempo (e indovinate come va a finire?), ma tutto ciò che sta attorno funziona egregiamente, con confezione sfavillante e un'ironia di fondo che, per una volta, riesce a smussare il lato melodrammatico trasformando il film in una godibile e coloratissima sarabanda di sfighe e angherie sentimentali (e infatti fosse terminato 5 minuti prima sarebbe apparso decisamente più maturo e meno scontato).

Magi94 14/04/19 10:39 - 650 commenti

I gusti di Magi94

Film-teorema, che si sa già dove andrà a parare nonostante le due ore di durata. Gli attori rivestono quindi quasi ruoli teatrali, ben schematici nei loro panni; eppure allo stesso tempo sorprendono per la profondità delle emozioni che riescono a trasmettere (su tutti lo stesso Fassbinder). Gioco beffardo filmato con molta maestria, a volte raggelante e insopportabile, altre volte curioso e intrigante, ma sempre di grande interesse. Curiosa e funzionale la quasi totale presenza di uomini omosessuali (fioraio compreso!).

Fedeerra 25/05/20 02:54 - 401 commenti

I gusti di Fedeerra

Un film estremamente diretto, che non si nasconde di fronte al cinismo borghese, ai preconcetti politici e ai giochi di ruolo e di potere. Personaggi intrappolati in un’arena d’ipocrisia, avvolti da spiragli di luce e fulmini di estremo buio. Come nel freddissimo e spietato finale, dove si annulla completamente la dignità umana. Certi momenti potevano forse essere ammaestrati con più leggerezza, ma resta un documento fondamentale e imprescindibile nella filmografia del genio tedesco.

Mickes2 30/05/20 16:18 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Soffertamente dedicato a Armin Meier, "Fox and his friends" è l’altra faccia di Petra Von Kant. Durissimo affresco sul capitalismo e le prevaricazioni tra individui derivanti anche dalle differenze sociali e di appartenenza. Tra i più sulfurei mai visti il tratteggio della famiglia borghese repellente all’intruso “della plebe”, che pur piegato ai loro voleri economici senza scrupoli rimane oggetto esecrabile, da schivare. Urlo disperato sul sentimento più puro e ingenuo. Tra i finali più nichilisti e al contempo commoventi di sempre. Eccelso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Alex75 • 9/06/15 13:47
    Call center Davinotti - 593 interventi
    Il nome di Fox, Franz Biberkopf, appare un evidente omaggio al romanzo di Alfred Doblin Berlin Alexanderplatz, poi trasposto sul piccolo schermo da Fassbinder nel 1980.
  • Homevideo Buiomega71 • 27/09/15 19:00
    Pianificazione e progetti - 21657 interventi
    In dvd per Ripley's Home Video, disponibile dal 25/11/2015 http://www.amazon.it/gp/product/B015NRH4XU?qid=1443373009&ref_=sr_1_588&s=dvd&sr=1-588
  • Homevideo Xtron • 11/09/16 14:39
    Servizio caffè - 1829 interventi
    Ecco il dvd RHV Audio italiano e tedesco Sottotitoli in italiano Formato video 4/3 Durata 1h58m51s Extra: Trailer, conversazione con Antonio Latella immagine a 17:56
    Ultima modifica: 11/09/16 16:13 da Zender
  • Musiche Alex75 • 23/06/20 14:34
    Call center Davinotti - 593 interventi
    Il disco che Franz mette sul piatto del giradischi nel suo nuovo appartamento è una versione tedesca (della quale non sono riuscito a reperire l'interprete) di Angelitos Negros, composta in origine dal poeta venezuelano Andrés Eloy Blanco. In una scena al bar frequentato da Franz si può invece sentire, in sottofondo Le Méteque, di Georges Moustaki, mentre in un'altra scena notturna il protagonista ascolta dall'autoradio della sua De Tomaso Pantera Bird On The Wire di Leonard Cohen.
    Ultima modifica: 23/06/20 14:34 da Alex75