Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/10/15 DAL BENEMERITO MEDUSA71
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Medusa71 21/10/15 18:52 - 41 commenti

I gusti di Medusa71

Un anziano contadino (Gabin), tirannico patriarca, cerca di riportare sulla retta via lo scapestrato nipote (Porel) che si è impelagato con il narcotraffico; non tarderà la violenta risposta dei criminali. Nonostante la banalità della trama da western metropolitano, è un film avvincente e con un paio di sequenze spettacolari. Fa parte di quei noir d'ambientazione rurale in voga nei primi anni '70. Dopo il trionfo de Il clan dei siciliani, la parola clan divenne un must nei titoli. Gabin (65 anni) è sempre una garanzia, così come le musiche di Gainsbourg.
MEMORABILE: Gabin che frusta il nipote (Marc Porel); Lo spettacolare massacro del bestiame da parte dei delinquenti.

Fauno 30/04/17 21:52 - 2075 commenti

I gusti di Fauno

Film sensazionale per un Gabin fantastico; una volta tanto mi son sentito gratificato ad aver risposto tante volte come lui a chi mi diceva che il mondo è cambiato. Ma ancora di più per la reazione esemplare, secca e "a fatti" che viene data a chi usurpa un qualcosa che funziona bene da secoli. E c'è chi si ostina a dire che certe reazioni sono populiste, tipiche di frange estremiste o perfino che si va all'inferno... Io dico che la scena della bomba rudimentale non ha eguagliato il salto sul cofano di Maniac ma ne è una nipotina delle più discole.
MEMORABILE: Anche l'orario calcolato male è stratosferico, il chè dimostra che niente e nessuno è imbattibile.

Nicola81 27/05/19 22:48 - 2394 commenti

I gusti di Nicola81

Una delle migliori regie di Granier-Deferre: un noir con echi western dalla trama piuttosto semplice ma teso, serrato, stringato e anche piuttosto violento per gli standard dell'epoca. Impegnato in un ruolo simile a quello che ricoprirà nel successivo L'affare Dominici, Gabin giganteggia nei panni dell'anziano patriarca che non si lascia intimidire dai criminali, ma rifiuta di affidarsi alla giustizia. Buono anche il cast di contorno in cui spiccano il giudice istruttore di Dux e il commissario di Guiomar. Belle musiche di Serge Gainsbourg.

Keyser3 12/04/20 22:28 - 280 commenti

I gusti di Keyser3

Granier-Deferre si conferma artigiano valente e abile nel trarre il meglio dai suoi film. La vicenda, condensata in appena 80 minuti, è vagamente ispirata all'affaire Dominici, che sarà oggetto tre anni dopo dell'omonimo film sempre con Gabin. Il quale è sopra tutti, ça va sans dire, coriaceo nel difendere la propria famiglia dagli attacchi esterni e autoritario nei rapporti con i consanguinei; azzeccata anche la scelta di affidarne il doppiaggio alla voce secca di Corrado Gaipa. Il titolo italiano è ovviamente un tributo al Clan di Verneuil.
MEMORABILE: La raggelante strage degli animali.

Rufus68 18/01/22 20:07 - 3542 commenti

I gusti di Rufus68

A mezzo tra il poliziesco e il western, Deferre gira un’opera ruvida, imperfetta e quasi grezza nelle scene d’azione (la molotov, l’uccisione del gangster). Poco male dato che le asperità ben si attagliano al personaggio di Gabin, patriarca dittatoriale e fedele agli antichi valori, inamovibile custode del sangue e della terra attorno al cui carisma gira inevitabilmente l’intero film e tutto il cast. Regia old style che ha il pregio di conservare la storia essenziale e serrata.

Pierre Dux HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Fauno • 25/11/17 15:22
    Compilatore d’emergenza - 2638 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film:

  • Homevideo Digital • 28/05/20 15:50
    Portaborse - 3450 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 18/6/2020.