FX - Effetto mortale

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: F/X - Murder by illusion
Anno: 1985
Genere: thriller (colore)
Note: Aka "F/X effetto mortale".
Numero commenti presenti: 9
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

L'idea di scegliere come protagonista della storia un maestro degli effetti speciali è piuttosto originale: sono loro gli illusionisti del cinema (mica un caso se per i titoli di coda si è scelta la "Just an Illusion" degli Imagination), capaci di farti credere in una falsa realtà avvalendosi di tecniche all'avanguardia; per questo è plausibile che anche le forze dell'ordine se ne possano servire, in casi estremi. Dovendo proteggere De Franco (Orbach), un testimone scottante che ha deciso di tradire la criminalità organizzata, la polizia decide di fingere che sia morto per non doversi troppo preoccupare degli inevitabili agguati. Ma per farlo ha bisogno di un'azione eclatante che tolga...Leggi tutto ogni dubbio sul trapasso e per questo ingaggia Roland Tyler (Brown), effettista in campo horror che prepara così un delitto coi fiocchi in un ristorante italiano ("La gente"!): Roland stesso, travestito da gangster, spara a bruciapelo contro De Franco e lo stende in un tripudio di sangue. Tutto come previsto? Sì, ma il nostro non sa ancora che i poliziotti che l'hanno pagato sono corrotti e schierati dalla parte dei gangster! Tentano infatti di farlo fuori quanto prima, ma lui si salva e fugge pensando a come risolvere il suo grosso problema. Un noir d'azione, scritto meglio della media e con una vena ironica che non dispiace, perlopiù appannaggio del personaggio sicuramente più centrato che è quello di Leo McCarthy, lo sbirro buono, un Brian Dennehy baffuto che, rude e risoluto come sempre, sa dare una bella svolta grintosa al film; perché fin lì, con Brown protagonista, ci si era limitati all'ordinaria amministrazione contando soprattutto sulla trama e le singole trovate spettacolari (meno del previsto a dire il vero: gli effetti speciali non si sprecano). Con una regia (di Robert Mandel) poco brillante, spunti meno fantasiosi dello sperato e un ripiego su elementi tipici da guardie e ladri, non si sfruttano a dovere le grandi potenzialità dell'idea di base. Ci sono le solite maschere, il furgoncino attrezzato con ogni diavoleria pronto a trasfomarsi in una specie di Aston Martin bondiana, bombe ed esplosioni incendiarie, colpi a salve, illusionismo da maghi alle prime armi (la parete a specchio colpita dai proiettili di chi ci vede riflesso il buon Tyler) e un accenno di sesso troncato quasi subito: non c'è spazio per romanticherie inutili, bisogna pensare a portare a casa la pelle e non tutti ce la fanno. Quando è con la sua assistente (Gehman) Roland agisce citando i film che hanno realizzato insieme per farle capire l'effetto di cui ha bisogno e ogni tanto, anche per questo, emerge una certa artificiosità, con un protagonista piuttosto debole e una colonna sonora che inchioda subito il film alla sua epoca (pieni Ottanta), di cui F/X rappresenta l'anima "nobile" e di successo, pur non facendosi ricordare per nulla in particolare. Funziona lo spunto di base insomma, attorno al quale si cuce una storia come tante appena più stratificata nella sua costruzione ma decisamente banale.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/05/08 DAL BENEMERITO CAESARS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 4/12/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 12/05/08 22:06 - 3837 commenti

I gusti di Undying

Rollie Tyler (Bryan Brown) è un tecnico degli effetti speciali che viene a trovarsi coinvolto nella simulazione d'un omicidio: la "virtuale" vittima è un potente Boss mafioso, sotto il mirino dei malviventi perché probabile "collaboratore". Una volta messa in scena la falsa esecuzione, per Rollie inizia una rocambolesca fuga, perché diventato improvviso bersaglio delle forze dell'ordine. Interessante pellicola di stampo fantastico, con buoni effetti speciali (come il titolo lascia intendere) ed una storia nient'affatto banale...

Lovejoy 26/05/08 23:06 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Divertente thriller teso e ritmato al punto giusto. Storia e personaggi interessanti, colpi di scena a volontà e un cast d'attori da brivido. Brown nel ruolo della vita e Dennehy come sempre azzeccato nel ruolo del poliziotto. Da segnalare un Jerry Orbach in grande spolvero. Belle scene d'azione. Con un seguito altrettanto divertente.

Galbo 5/06/08 20:11 - 11520 commenti

I gusti di Galbo

Nell'epoca (siamo a metà degli anni '80) in cui gli effetti speciali diventano parte integrante importante nella realizzazione di alcuni film, agli stessi è dedicato un thriller piuttosto godibile che ha per protagonista un esperto del settore al centro di un complotto. Il film è ben realizzato, girato con il giusto ritmo per un'opera del genere e con protagonisti impeccabili e ben calati nei loro ruoli.

Tomastich 22/10/08 14:01 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

Il Brian de Palma di Omicidio a luci rosse riletto in chiave action-thriller. Gli anni '80 sono sempre quelli (stupendamente) patinati, ma la storia è naturalmente più leggera che quella del maestro de Palma. Tuttavia Brown e Dennehy sono una buonissima coppia e questo film (ai più sconosciuto) merita un posto nella top 20 dei thriller USA. Naturalmente ben fatti gli effetti speciali.

Daniela 20/11/09 15:55 - 9837 commenti

I gusti di Daniela

Assoldato dai servizi segreti per mettere in scena il falso assassinio di un testimone prezioso, ossia un boss nel mirino della mafia, un tecnico degli effetti speciali si trova invischiato in una trappola e dovrà far ricorso a tutta la sua abilità per salvare la buccia. Bel thriller, divertente e pieno di colpi di scena, con un cast impeccabile in cui Brown e Dennehy sono due antagonisti coi fiocchi. Finale molto ingegnoso e post-finale ancora più gustoso. Non un capolavoro, ma un ottimo film di genere, conosciuto meno di quel che merita.
MEMORABILE: il manichino investito - la pistola appiccicosa

Lythops 9/10/14 09:07 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Un gradevole thriller dal vago sapore depalmiano sicuramente da vedere (anche) perché costituisce una testimonianza di molti effetti speciali in voga negli anni '80 attualmente in gran parte obosleti. Scritto e girato con classe, con attori perfettamente a loro agio nella parte, il film lo si può aggiungere anche al genere "niente è ciò che sembra". A commentare musicalmente un azzeccato tema di Bill Conti. Cinque anni dopo uscirà un sequel.

Myvincent 7/05/15 20:38 - 2662 commenti

I gusti di Myvincent

Un tecnico di film horror assoldato come finto killer di un boss malavitoso si troverà nei guai fino al collo, in un crescendo di azioni spericolate. Ma se il racconto è ben sostenuto da un bravo e atletico Bryan Brown, la resa finale si traduce in un prodotto al di sotto delle aspettative, finendo col risultare un po' troppo insipido.

Rambo90 22/10/18 01:49 - 6520 commenti

I gusti di Rambo90

Interessante thriller, soprattutto per il mestiere del protagonista, che regala più di una sorpresa e di un tocco ironico. L'intreccio si fa seguire, incalzante nel ritmo, con i giusti twist e qualche scena action ben girata. Brown e Dennehy funzionano, soprattutto il secondo nei panni di poliziotto ostinato e dai metodi spicci. Finale quasi da commedia. Notevole.

Anthonyvm 8/01/21 15:49 - 2290 commenti

I gusti di Anthonyvm

Divertentissimo action-thriller dalle beffarde sfumature depalmiane che rende pienamente giustizia al titolo che porta. Sono quindi gli effetti speciali il fulcro della vicenda, in un gioco rocambolesco di metacinema e citazionismo variegato (da Il padrino a Zombi 2 di Fulci passando per La tentazione impura). Ritmo perfetto per un plot che avanza a suon di colpi di scena e sequenze adrenaliniche da manuale, con l'accoppiata Brown-Dennehy a impreziosire la messinscena. Finale "libertario" che chiude con la giusta dose d'ironia uno dei più godibili prodotti della sua epoca. Da vedere.
MEMORABILE: Il mostrone davanti alla porta; La sparatoria al ristorante; Il manichino della vecchia in mezzo alla strada; Il finale con un tripudio di trucchi.

Robert Mandel HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 20/12/18 14:09
    Pianificazione e progetti - 22291 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (mercoledì 3 febbraio 1988) di FX - Effetto mortale :