Attacco al potere

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/03/07 DAL BENEMERITO MAGNETTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 20/03/07 11:45 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Prodotto altamente fuori moda. L'avevo visto poco dopo l'uscita. Allora aveva un po' (poco) senso. Ora, con tutto quello che è successo (11 settembre incluso) e dopo aver visto Fahrenheit 9/11, è quasi improponibile. L'inizio si può vedere, poi si scade in una descrizione approssimativa del conflitto americani-terroristi arabi, in cui tutti escono con una pessima immagine. Altamente diseducativo. La figura peggiore la fa l'esercito americano, quasi fosse la causa di tutti gli atti di terrorismo.

Capannelle 19/12/07 11:55 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Sollo sfondo del solito attacco terrorista, parte il confronto tra i metodi del generale reazionario (Willis), che non esita a instaurare la legge marziale e a ghettizzare la popolazione araba, e quelli del funzionario dell'FBI (Washington) più riflessivo e rispettoso dei diritti civili, che preferisce indagare senza colpire nel mucchio. Ma la riflessione etico-politica è solo un pretesto e rimane in superficie. Tanti luoghi comuni e una trama poco avvincente.

Lovejoy 16/02/08 00:50 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Thriller d'azione quasi profetico, visto cosa mette in scena. Ben scritto e ben diretto dal bravo Zwick, si avvale di un ottimo ritmo (specie nella seconda parte) e di un ottimo reparto attori. Washington e la Bening sono in ottima forma, ma a rubare a tutti la scena è un inedito Bruce Willis nel ruolo dello spietato generale reazionario. Non così brutto come si crede.

Galbo 18/02/08 06:02 - 11310 commenti

I gusti di Galbo

Film che sfrutta non troppo abilmente, anzi in maniera piuttosto rozza la fobia degli americani nei confronto degli arabi e che si rivela la solita "tirata" reazionaria ben illustrata dalla figura del generale poco legalitario rappresentato da Bruce Willis. A questo si contrappone la parte buona (Denzel Washington) ma il film risulta troppo manicheo nella rappresentazione della realtà e anche la parte squisitamente d'azione aggiunge poco risultando ripetitiva e già vista.

Ciavazzaro 5/11/08 14:55 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Insomma. Attacchi terroristici di matrice islamica contro New York portano il generale interpretato da Willis a imporre campi di concentramento per arabi. Molto negativo, sia da una parte che dall'altra, si avvale di un cast più che sufficiente e alcune scene ben realizzate. Ma il film si fa guardare una volta e niente più.

Anna 16/01/10 12:28 - 90 commenti

I gusti di Anna

Film d'azione con dialoghi soporiferi. Non basta la presenza di Denzel Washington per alzare la media, forse perché neanche lui ci crede. L'unica cosa interessante è il precorrere un drammatico evento futuro. Prevedibili colpi di scena e scontatissimo finale.

Cangaceiro 16/01/10 20:31 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

L'esatto presagio di ciò che è successo dall'11 Settembre in poi: New York colpita per la prima volta nel proprio ventre da attacchi terroristici, un asfissiante clima di guerra contro un nemico invisibile e il disumano pugno di ferro dell'esercito americano (clamorosa l'analogia con Guantanamo). Il nuovo millennio è caratterizzato da tutto ciò e il film lo anticipa in modo sbalorditivo, mantenendosi fino a oggi fresco ed attuale sia nella forma che nel contenuto. Spicca l'ottima prova di Tony "Monk" Shalhoub mentre Willis da cattivo è fuori parte.

Nando 31/03/11 16:55 - 3453 commenti

I gusti di Nando

Gli Stati Uniti subiscono una serie di attentati di matrice araba sin quando un colluso generale... Action-movie fantapolitico in cui si cerca il sensazionalismo nonostante un valido Washington ed un poco credibile Willis. Non aggiunge molto alla filmografia di genere benchè siaintrigante l'utilizzo della Benning appassionata di uomini mediorientali.

Piero68 13/05/11 08:27 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Incredibilmente profetico rispetto a quello che sarebbe successo da lì a tre anni. L'aria che si respira è la stessa che hanno respirato i Newyorchesi all'indomani dell'11 settembre. Peccato che nel complesso il film non eccella. Willis rende poco nel suo ruolo e la sceneggiatura non è particolarmente ricercata. Scene di azione quasi assenti e anche i dialoghi, che dovrebbero essere la ciccia soprattutto nel confronto/scontro tra i due attori principali, lasciano troppe volte a desiderare. Resta comunque a mio avviso un film da vedere per riflettere.

Furetto60 10/11/14 12:19 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Realizzato prima dell'11 settembre, la parte che si fa più ricordare è quella con le inquadrature sullo sfondo delle torri gemelle; per il resto è piuttosto pesante ma, fatti alla mano, la fobia appare purtroppo giustificata. Il film presenta anche il tema già precedentemente (e successivamente) affrontato dei conflitti tra le varie parti dello Stato, tra parte "buona" e parte "deviata" (definizioni da prendere con beneficio d'inventario e per le quali il film, invece, vuole dare una risposta). Efficaci le interpretazioni e gli effetti speciali.
MEMORABILE: La riunione al vertice che decide per l'avvento della corte marziale.

Toporosso 18/05/15 15:49 - 77 commenti

I gusti di Toporosso

Profetico fanta-thriller di fine millennio che, pur con una miriade di difetti, pone un quesito non secondario: a quanta libertà è lecito rinunciare in cambio di una (presunta) sicurezza? La domanda è stuzzicante, la risposta fornita dalla pellicola un po' troppo sicura e priva di chiaroscuri. La regia è diligente, il cast di prima scelta, eppure si percepisce più di uno scricchiolio. Buoni troppo buoni e cattivi troppo cattivi disturbano la necessaria riflessione. Denzel Washington a fine anni '90 prometteva moltissimo. Ha mantenuto assai poco.

Saintgifts 15/10/15 16:26 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Per quanto il cinema proponga la cosiddetta fantapolitica, non arriverà mai alla reale politica che supera di gran lunga la fantasia di scrittori e sceneggiatori. A testimoniare ciò, in questo Attacco al potere, sono le due torri gemelle che svettano ancora sullo sfondo delle vedute aeree di Manhattan. FBI, CIA e Esercito, più che combattere i terroristi che operano a New York sembra si combattano tra di loro: ognuno vuole sistemare la faccenda a modo suo. Molto sullo sfondo la figura del Presidente, che demanda ai suoi collaboratori.

Taxius 8/03/17 22:50 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Una serie di attentati mette in ginocchio la città di New York con una conseguente caccia all'islamico. Film profetico che anticipa di tre anni quello che sarebbe poi realmente successo. Storia interessante che mescola fanta politica a ottime scene d'azione con notevoli esplosioni e belle sparatorie. Sicuramente non è un film memorabile ma nel complesso è più che sufficiente.

Rigoletto 28/03/18 18:19 - 1483 commenti

I gusti di Rigoletto

L'azione non manca, ed è praticamente l'unica cosa che invogli lo spettatore ad aspettare i titoli di coda. È pur vero che Washington è una garanzia e Shalhoub una piacevole sorpresa, ma lo sguardo da duro non aiuta un Willis fuori forma. A suo modo è un film di propaganda (oggi, con il politicamente corretto, si direbbe "di denuncia") nel quale i cattivi di turno sono di volta in volta l'esercito americano e dei pazzi religiosi. La morale finale, visti i tempi, pare accettabile per chi ha vocazioni suicide, ma all'epoca sembrava fantapolitica.

Mco 21/04/18 18:03 - 2126 commenti

I gusti di Mco

Ansiogeno lavoro di Zwick, capace di far rendere al meglio l'ottimo cast a sua disposizione. Le scene di sangue, che siano uno scontro a fuoco o un'esplosione, sono raggelanti per la dose di triste verosimiglianza approntata. Le vittime corrono per strada, in cerca di un conforto che nemmeno lo stesso esercito pare possa fornire. Il duello di nervi tra Washington e Willis è vinto senza dubbi dal primo, ma è la sensuale Bening a eccellere nel suo ruolo mai troppo cristallino. Una pellicola che rende al meglio su(l) grande schermo.
MEMORABILE: La donna che scende le scale senza un avambraccio; La pizza a domicilio.

Rambo90 6/09/18 01:43 - 6272 commenti

I gusti di Rambo90

Non male, ma poteva essere migliore, magari velocizzando qualche passaggio incredibilmente lento considerato il tipo di film. Comunque la trama in sé funziona e ha i suoi buoni momenti, come l'agghiacciante attentato al pullman o tutta la parte della legge marziale. Washington sempre in parte, offre bei duetti sia con la Bening che con Shalhoub, Willis invece sprecato in un ruolo che non gli permette di esprimere granchè. Poca azione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 8/07/09 11:31
    Vice capo scrivano - 5595 interventi
    Questa pellicola divento' uno dei film del genere piu' noleggiati dopo l'11 settembre.
  • Homevideo Galbo • 3/07/11 08:17
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Disponibile il BR con queste specifiche tecniche (fonte dvd-store.it) Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p Formato audio 5.1 DTS: Italiano Tedesco Spagnolo 5.1 DTS HD: Inglese Sottotitoli Italiano Inglese Tedesco Spagnolo Danese Finlandese Svedese Norvegese extra Commento audio del regista e del produttore esecutivo La mente di un terrorista Attacco a New York La libertà è storia Making of Trailer cinematografico