All the boys love Mandy Lane

Media utenti
Titolo originale: All the boys love Mandy Lane
Anno: 2006
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/01/10 DAL BENEMERITO BRAINIAC
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Brainiac 6/01/10 22:36 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

Affitti mo a sniffare eau-de-horreur giovanilistico se il corpo di Mandy è bramato da pischelli con la bava alla bocca peggio dei miei coetanei ai tempi di Nadia Cassini. Fatichi un tot a farci empatizzare se le problematiche adolescenziali convergono invariabilmente su dispute a chi ce l'ha più lungo modello Pierino. Perchè questa è l'essenza di Mandy Lane: pura pulsione (omo)erotica verso l'oggetto del desiderio sessuale. La regia sembra quella del giovane Dawson e nonostante qualche colpo basso l'assedio a la Van Sant non sortisce che l'effetto del teen-horror per adolescenti arrapati.
MEMORABILE: Un tuffo in piscina finisce dannatamente male.

Schramm 23/03/10 18:44 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Viola baciava tutti, Mandy Lane non la dà proprio a nessuno. Tutti la vogliono tutti la cercano ma lei non è la fucktotum della città. Intanto c'è chi le fa il vuoto attorno, totemizzandola al punto da immolarle vite, perché si sa cosa tira più di un carro di buoi. Teenage-slasher come mille altri ne abbiam sorbettati, più preoccupato dell'eleganza della confezione che di farci prendere tanto di spaghetto, di tale bruttezza e inutilità che vien voglia di spoilerare il doppio twist finale, uno più imbecille e improbabile dell'altro.

Daniela 23/05/11 08:05 - 9206 commenti

I gusti di Daniela

All boys sbavano dietro Mandy, biondina bonazza che si comporta da educanda: non beve, non sniffa, non mignotteggia. Nella speranza di spulzellarsela, un ragazzo ricco la invita nel suo ranch, insieme ad altri coetanei simpatici come un pestone sui calli. Un killer poco misterioso e altrettanto poco fantasioso sfoltirà la comitiva, fino ad un colpo di scena finale bifido da rara insensataggine. Ci sono horrorini insignificanti ma almeno ben fatti (vedi il recente Husk) ed altri insignificanti e pure sciatti, come questo, brutto senza attenuanti a parte la bellezza di Amber Heard.

Deepred89 4/03/12 20:50 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Uno strano slasher. Se si considerano le varie componenti il film va cestinato all'istante: regia videoclippara, pessima fotografia, musiche inserite a casaccio, trama scontata, dialoghi idioti, colpi di scena poco convincenti. Eppure il tutto si segue bene e l'infinita sequela di elementi poco riusciti convive con un'anima insolita, vagamente fascinosa e seventees, che l'ammasso di stupidaggini e canzonette non riesce ad affossare del tutto. Attori nella media del genere, violenza ben dosata. Gli appassionati provino a dargli un'occhiata.

Dusso 6/03/14 00:17 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Slasher molto particolare che ipnotizza grazie alla protagonista (una Amber Heard dalla grande sensualità), alla fotografia calda e a indovinate scelte musicali. Il soggetto del film con questa ragazza vergine e angelica a cui tutti i maschi mettono gli occhi addosso si sviluppa poi in modo prevedibile ed è un gran peccato che il finale non spieghi bene alcune cose (e non era difficile far un po' meglio). Alcuni omicidi sono discreti ma è la pellicola ad avere un suo fascino in alcuni passaggi, nonostante altre cose poco convincenti.

Buiomega71 11/07/20 01:14 - 2229 commenti

I gusti di Buiomega71

Lo slasher teen brucia sotto il sole del Texas hooperiano. Se la Able che fa pipì, la seduzione lesbo col dito in bocca e la morbosetta sbirciata dalla finestra alla Animal house sono più interessanti del solito bodycount ( non male però la bocca spaccata con la canna del fucile), alla fine, tra furiose lotte corpo a corpo nel fango e fosse con carcasse di bovini, arriva un finale spiazzante, tra i più cinici e cattivi mai girati (al pari di quello di Scream) in cui la bastardaggine è ancora femmina. Gustosamente tarantiniani i frame pulp in coda sulle note di "Sealed With A Kiss".
MEMORABILE: La canzonetta misogina mentre l'auto insegue la spaurita Chloe; Le corse solitarie di Mandy; L'improvvisa fucilata; L'abbattimento del bovino.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 11/07/20 10:16
    Pianificazione e progetti - 21752 interventi
    Lo slasher teen sotto il cocente e torrido sole del Texas hooperiano.

    Se nell'inelaiatura da tipico slasheretto (a parte l'incipit con il mortale tuffo in piscina dal tetto della casa) il body count (non male, però, la bocca spaccata con la canna del fucile) e la tensione sono messe in ombra da ben altre cose molto più interessanti (la Able che fa la pipì, i tagli dei peli pubici sul water, la seduzione lesbo con dito in bocca, a tette nude davanti alla finestra in una versione morbosetta di Animal house, la porcaggine di Madlin e la Heard che fa le sue corsette in solitaria, immaginando, che profumini deliziosi possano emanare quelle sue scarpette da ginnastica) potrebbe significare che il lato meramente "orrorifico" non stia funzionando per niente, colpa pure di certe scelte di regia parecchio discutibili (stop frame messi a casaccio, alterazione dell'immagine da più pacchiano videoclip , una fotografia digitale a volte terribile che lo fa sembrare un prodottino amatoriale) con il vago sentore fastidioso di stare a buttare il proprio tempo dietro all'ennesimo (e inutile) filmaccio più getta che usa.

    Ma verso la dirittura di arrivo tutto cambia e la situazione si rivolta (sorprendentemente) come un calzino.

    Essì, perchè la svolta narrativa (che arriva come un pugno dritto nello stomaco) è tra le più cattive e ciniche mai girate fin dai tempi del prefinale di Scream, tra furiose e selvagge lotte corpo a corpo nel fango, putride fosse con carcasse di bovini, voltafaccia improvvisi, le pasticche NON ingoiate e la ferocia e fin dove può arrivare la spietatezza dell'animo umano (fattore che mi ha sempre affascinato tanto da decretare The hole come uno dei migliori film del nuovo millenio) esplode in tutta la sua crudeltà e ferinità dove la bastardaggine è ancora femmina e dove i bellissimi stop frame pulpeschi tarantiniani prima dei titoli di coda e sulle note riarrangiate e ficcanti  di Sealed with a Kiss  (facendo poi, un rewind mentale-e si ritorna alla sequenza iniziale della piscina e del perchè il ganzo si è buttato dal tetto- della terrifica e agghiacciante faccenda e riascoltandola viene la pelle d'oca avendo in mente il personaggio parecchio disturbato che mette in moto la carneficina per po fare ciao ciao con la manina e ancora più disturbante il fermo immagine sul suo volto che pare, ma non lo è, spensierato).

    In mezzo alcuni momenti notevoli come il flashback dell'abbattimento del bovino malato, la Able che corre a perdifiato seguita dalla macchina con la canzonetta misogina, i capelli della Heard sporchi di sangue, la fulminea fucilata che fredda una dei ragazzi, lo sterminato campo di sangue con le balle di fieno che troneggiano, e la Heard che gira per tutto il film desiderata un pò da tutti, con quell'aria innocente, fanciullesca, distratta, assente e un pò superficiale.

    Stupisce anche una non poco larvata problematica sulla sfera sessuale giovanile (la Able che cerca la perfezione del corpo aumentandosi le misure del seno con delle protesi, il bulletto che ha il complesso del pene piccolo, la ragazzetta vogliosetta che cerca l'amore ma riesce solo ad andare di fellatio) superiore alla media dei classici slasheretti di campagna.

    A Levine (al suo primo film, prima di dedicarsi completamente alle commedie) il merito di essersi sporcato le mani e di aver dato una sterzata sadica, viscerale e malvagia tra le più brutali in questo (de)genere di film, che fa dimenticare i difetti (che non sono nemmeno pochi) e ripaga completamente della visione, laciando quel retrogusto al fiele che non fa sconti e non ha pietà di niente e nessuno.

    Quindi, per quel che mi concerne, un piccolo fiore sbocciato nel fango, parecchio più intenso e "carnale" di certi blasonati thrilleretti da salotto pulitini e snob.

    E ancora una volta il cuore nerissimo dell'animo umano tocca i nervi più scoperti.

    Da noi, con tutta la robaccia che esce, ancora inedito. Ho il blu ray francese della Wild Side, con un'ottima definizione audio e video, ovviamente senza il nostro idioma.

    Ora, quando riascolterò Sealed with a Kiss , non sarà più la stessa cosa e la mente andrà sempre a Mandy Lane.

    Tutti i ragazzi desiderano ardentemente Mandy Lane, per loro sfortuna...
    Ultima modifica: 11/07/20 14:47 da Buiomega71