Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• SHINING (3 PUNTATE)

All'interno del forum, per questo film:
®• Shining (3 puntate)
Titolo originale:Stephen King's Shining
Dati:Anno: 1997Genere: fiction (colore)
Regia:Mick Garris
Cast:Steven Weber, Rebecca De Mornay, Courtland Mead, Melvin Van Peebles, Wil Horneff, Pat Hingle, Elliott Gould, Mick Garris, Stephen King
Note:Aka "The Shining".
Visite:1159
Il film ricorda: Amityville possession (a Buiomega71), Amityville horror (a Buiomega71)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 23/11/06


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 20/7/08 20:17 - 10780 commenti

Benchè Stephen King abbia in parte disconosciuto il film di Kubrick tratto dal suo celebre lavoro letterario e curato personalmente questa trasposizione televisiva, bisogna ammettere che ci si trova di fronte ad un lavoro alquanto mediocre di chiaro ed evidente stampo televisivo e in cui il paragone con la versione cinematografica è impietoso in modo particolare per la prolissità eccessiva del racconto e per lo scarso spessore degli interpreti (il protagonita in particolare).
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 11/7/07 21:01 - 3875 commenti

Fotocopia sbiadita di un capolavoro, destinata al pubblico televisivo: i suoi limiti sono tutti dovuti alla divergenza di un cast poco fedele ai talenti del predecessore. Lungo oltre il sostenibile (oltre 4 ore e mezzo, ripartite su 4 episodi) non riesce comunque a condensare, come fece in maniera esemplare Kubrick, il succo del romanzo vergato dalla mano del prolisso scrittore del Maine. Si distingue solo la De Mornay. La cosa curiosa è che lo stesso King ha sancito definitivamente un legame con Garris, criticando più volte la regia di Kubrick.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Ciavazzaro 8/12/08 11:07 - 4707 commenti

Brutto oltremodo. Se non fosse per la Mornay sarebbe inguardabile. Del romanzo originale di King rimane poco e niente, la miniserie è eccessivamente lunga e tediosa, le interpretazioni sono abbastanze penose (Weber è davvero improponibile). C'è Pat Hingle, ma il risultato è patetico. Anche gli interni dell'Overlook hotel non sono ben fatti.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Herrkinski 17/7/08 23:04 - 4212 commenti

Trasposizione dal libro di King curata dallo stesso scrittore, presentata originariamente in 4 episodi. Visto tutto d'un fiato il film è pesante (seppur più aderente al romanzo originale) e gli interpreti non possiedono minimamente lo spessore recitativo di quelli del film di Kubrick; in particolare Weber ha un volto molto anonimo e non comunica l'inquietudine dovuta. Il finale viene reso più simile a quello del libro, rispetto allo stravolgimento kubrickiano, ma non basta a risollevare un film non disdicevole ma dall'impianto televisivo.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Hackett 7/4/08 20:47 - 1588 commenti

Con questo maxi film Garris cerca di ricreare al cinema la vera storia scritta da King, stravolta da Kubrick nel suo bellissimo lungometraggio. Lo stesso King aveva espresso malumore per la mancanza di attinenza del precedente film con il suo romanzo e la lezione sembrava essere stata capita dal buon Garris. Dico "sembrava" perché dopo tre quarti di film praticamente uguale al libro (e non disprezzabile), il regista rovina tutto il lavoro fatto. Le scene conclusive, buoniste e posticce, non c'entrano con il libro né con il buon gusto.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Rambo90 29/3/19 3:04 - 5581 commenti

I fan di King gradoiranno questa versione fedele e completa del romanzo. Si arriva al culmine spiegando bene i vari passaggi e la figura di Torrance non appare solo come quella di un alcolizzato pazzoide. I fantasmi fanno il loro come è giusto che sia e la confezione televisiva non limita la tensione e la paura, verso la fine davvero palpabili. Weber non è Nicholson ma se la cava molto bene, mentre sono preferibili la De Mornay e Van Peebles ai loro corrispettivi cinematografici. Notevole.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Buiomega71 1/2/13 1:00 - 1921 commenti

Lo spettro del capolavoro kubrickiano incombe, ma Garris fa un ottimo lavoro. Prima parte che vira decisamente al drammatico, tra problemi familiari e l'incubo dell'alcolismo, molto lenta e dialogata ma comunque interessante. La seconda sfocia nell'horror, tra putridi fantasmi, grottesche feste ectoplasmatiche e Torrence/Weber che prende a mazzate Wendy (qui molto più crudo e feroce del capostipite di Kubrick). Eccetto le ridicole siepi a forma di animali e il pre-finale buonista, la miniserie garrisiana regala momenti mozzafiato e qualche sano brivido.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La colorata e grottesca festa dei fantasmi, con Stephen King direttore d'orchestra; Il ghigno malefico di Jack, stile Sonny Montelli in Amityville possession.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Von Leppe 29/11/11 19:03 - 909 commenti

Serie televisiva tratta dal romanzo di King, che parte bene ma nel finale perde colpi, allungando il brodo del sentimentalismo. C'è una bella atmosfera nell'hotel tra i monti, molto più americana rispetto al precedente film di Kubrick (che non si può fare a meno di citare e confrontare). Gli attori non sono male (escluso il bambino, che purtroppo non è il massimo) e devo dire che qui Jack Torrance sembra sin dall'inizio più pazzo di Nicholson (senza fare paragoni), mostrando i suoi trascorsi da alcolista e con una faccia da brav'uomo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I volti putrefatti e Torrance che picchia Wendy con la mazza.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Mdmaster 13/9/10 19:20 - 802 commenti

Mi sfugge il motivo per cui sia così facile la comparazione tra la miniserie diretta da Garris e curata da King con il film di Kubrick. Sono palesemente due cose nate con intenti diversi e, per quanto originati dalla stessa fonte, andrebbero trattate in modo separato. Qui King resta fedelissimo al libro, ai suoi dialoghi, ai suoi personaggi. Non è aiutato dal cast, né tantomeno dal soporifero doppiaggio italiano, ma il lavoro è di discreta fattura. Almeno la computer grafica poteva lasciarla a casa. Bravo Steven Weber, da uccidere il bimbo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La de Mornay che guarda un inquietante vecchio film in televisione.
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Pesten 25/6/17 11:07 - 448 commenti

King ha sempre criticato il lavoro di Kubrick dando invece pieno appoggio a questa versione televisiva del suo libro. Già questo faceva presagire un risultato di basso livello, dato che reputo intoccabile il film di Stanley. Film/miniserie lunga e tediosa, con una recitazione spesso approssimativa e poco credibile, che per forza di cose viene sempre messa a confronto con il suo famoso predecessore. Curioso da vedere una volta per cercare differenze e cose simili, ma niente di più.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)

Smoker85 27/7/10 23:32 - 349 commenti

Fare un remake su un film di Kubrick è già un'impresa che nasce disperata. C'è da dire però che questa miniserie non è da buttare. Certo non può essere all'altezza del film con Jack Nicholson; non solo per demeriti intrinseci (il cast kubrickiano era ovviamente pregno di una qualità che non si può pretendere dalla De Mornay e da Weber) ma soprattutto perché c'è una maggiore fedeltà al libro, che per me è un difetto. Miniserie gradevole.
I gusti di Smoker85 (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Werebadger 12/2/15 15:24 - 270 commenti

Il contrario del film di Kubrick: se da una parte si ha una maggiore fedeltà alle vicende del libro, va detto che il pur bravo Garris non ha un decimo della professionalità di Kubrick e le interpretazioni non sono certo all'altezza di Nicholson, Duvall ecc. Ne risulta un prodotto discreto, non privo di bei momenti ma nulla più. Weber non è Nicholson, ma se la cava più che bene. Doppiaggio italiano discreto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Jack rompe il braccio al piccolo Danny gridando: "Ti sistemo io piccola canaglia!".
I gusti di Werebadger (Animazione - Fantastico - Horror)