Vinyl

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Vinyl
Anno: 1965
Genere: commedia (bianco e nero)
Note: Messa in scena dello stesso romanzo ("A clockwork orange" di Anthony Burgess) da cui è stato tratto "Arancia meccanica".
Numero commenti presenti: 4
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 28/12/07 18:11 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Uno dei più intriganti film di Warhol, e anche uno dei più "film" (ma sempre troppo lungo): a ben vedere c'è persino la trama, rara avis in altri prodotti della factory. Naturalmente molti elementi di culto, dalla genesi letteraria che anticipa com'è noto Kubrick, alla presenza - di per sè mitica - di Edie Sedgwick, musa inquietante fra le più inafferrabili degli anni '60 (e non solo, come dottamente ricorda Mughini). Tuttavia sarebbe troppo negare che la noia, a un certo punto, faccia capolino...

Lucius 17/03/13 00:33 - 2948 commenti

I gusti di Lucius

Nonostante l'immagine fissa, l'opera prende forma grazie ai cambi di scena in diretta e il risultato è uno dei film più autoriali di Andy Warhol (preceduto solo da Blue movie, che resta il suo gioiello). Impregnato di sadomasochismo puro, evita ogni volgarità e si concentra sul senso della pratica. Kubrick con Arancia meccanica e Madonna con "Sex" affronteranno lo stesso argomento. Il risultato può sconvolgere, ma può anche piacere...

Saintgifts 28/10/16 19:44 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non voglio dire che se un film di questo tipo fosse stato girato da un emerito sconosciuto nessuno lo conoscerebbe (oltretutto nel 1965 Youtube forse era solo nei sogni fantascientifici di qualche novello Verne, per cui giusto qualche intimo e paziente amico del regista lo avrebbe visionato), ma lo dico lo stesso e con convinzione. A Warhol posso riconoscere l'idea di tradurre in pellicola lo scritto di Burgess e di averlo fatto in estrema economia, forse per divertirsi. Apprezzo l'arte di Warhol in altre espressioni, non nel cinema. Curioso.

Leandrino 24/10/21 10:03 - 294 commenti

I gusti di Leandrino

Esile messa in scena per un'intensa rivisitazione del libro di Burgess. I drughi operano all'interno di un locale, tra una nascosta tortura a base di cera di candela e il ballo sfrenato del loro leader; gli attori perlopiù improvvisano, seguono una traccia. L'effetto è straniante e a volte inquieta: simbolo ne è la Sedgwick imbambolata, attivata solo nel momento del ballo. Un po' ridondante verso la chiusura - la "cura" impartita a Victor, estremamente diluita - ma in ogni caso opera underground decisamente di alto livello.

Andy Warhol HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Lucius • 17/03/13 00:41
    Scrivano - 8795 interventi
    Il film vede l'intero cast assemblato in un'unica inquadratura, con la macchina da presa che resta immobile a riprendere un unico punto per tutta la durata.
    Gli attrezzisti si muovono in diretta, on stage, trasformando l'unico set come a teatro.