LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/12/09 DAL BENEMERITO ATTICUS85
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Atticus85 28/08/11 11:24 - 107 commenti

I gusti di Atticus85

Tratto da una pièce teatrale di Natalia Ginzburg, il film è una travolgente analisi di coppia in piena era reazionaria (il '68 era alle porte). Stile volutamente frammentario e naif che esalta ancor di più la performance di una Vitti letteralmente straordinaria: il ruolo della giovane moglie incastrata tra velleità piccolo borghesi e nuove tendenze liberal-sentimentali è tratteggiato da questa grande attrice con punte ora malinconiche ora stralunate ora esilaranti. Ottimi anche Albertazzi e l'adorabile Buccella. Un Salce da ritrovare.
MEMORABILE: Il disastroso pranzo con la suocera!

Il Gobbo 18/06/12 09:35 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Salce riprende una commedia della Ginzburg scritta per Adriana Asti e insieme ad Age e Continenza la rimodella sulla Vitti che si scatena in una delle sue classiche performances stralunate, con tripudio delle celebri, splendide gambe. Ma il vero punto di forza è la messa in scena che, con l'apporto decisivo di Di Palma, Poletto (scenografie) e Piccioni, trasforma il film in una delle più consapevoli operazioni pop-art del cinema italiano.

Gugly 18/03/14 19:27 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

Il color pop sessantiano c'è, Albertazzi è giovane e sornione, ma la Vitti seppur bellissima e dalle lunghe gambe è spaventosamente logorroica, ideale prototipo dei personaggi che incarnerà con ancor maggior fortuna in alcuni film di Sordi (soprattutto Amore mio aiutami, una sorta di vicenda speculare a questa pellicola) e così ammazza il messaggio "libertario"; il ritmo è solo a tratti ravvivato dalla consueta "bambolaggine" della sempre brava Buccella. Per patiti dei favolosi anni 60, gli altri si dotino di caffè.
MEMORABILE: "Lamberto Genova"; I favolosi vestitini della Vitti.

Deepred89 20/06/16 18:55 - 3293 commenti

I gusti di Deepred89

Tripudio pop con una Vitti al top della sua contagiosa simpatia, quasi da camera (rare le scene lontane dall'appartamento) ma caloroso e inventivo nelle inquadrature e brillante nei dialoghi. Trama semplicissima ma piacere sommo, da gustare col sorriso sulle labbra sorseggiando con godimento il fascino (discreto o indiscreto poco importa) della borghesia sessantottina. Trama a ben vedere ridotta all'osso, ma film assolutamente adorabile.

Faggi 7/06/17 22:53 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

Esiste un aspetto orchestrale del cinema dove il regista è il direttore di singoli talenti e geni che danno forma a un insieme. Questo, qui, si vede bene; su una scrittura (partitura) solida (Ginzburg) Salce dirige posseduto da sincera ispirazione pop-art (compresa nella sua forza innovativa e innestata sul gusto italiano); la Vitti è il genio solista che incanta e sorprende; scenografie perfette, ottima musica e l'essenziale Albertazzi completano l'opera e il quid determinante (lo scarto dalla regola) si manifesta. Splendore sessantiano.

Markus 18/03/20 00:29 - 3311 commenti

I gusti di Markus

Riduzione cinematografica di una pièce di Natalia Ginzburg del 1966 (Renzo Montagnani, Adriana Asti, Italia Marchesini) che ebbe un buon successo di pubblico. Il prolifico Luciano Salce spreme il limone della celebrità della commedia di derivazione e mette in campo Monica Vitti (la storia ruota attorno a lei; qui di bellezza straordinaria), Giorgio Albertazzi e Maria Grazia Buccella per un film... smisuratamente logorroico. L'ambientazione alto borghese, con l'arredamento psichedelico 60's, è poi una ruffiana cornice. Pellicola stagionata.

Daniela 20/03/20 16:45 - 9534 commenti

I gusti di Daniela

Giovanotto di buona borghesia sposa dopo una breve conoscenza una ragazza disinibita e di condizioni sociali molto più modeste... Salce mantiene il format teatrale negli spazi, nei dialoghi ed anche nella suddivisione in capitoli: noiosissimi per eccesso di chiacchiere i primi due, più spiritoso il terzo con l'entrata in campo della madre di lui, molto mal disposta nei confronti della nuora. Nel complesso si tratta di una trasposizione poco felice, molto invecchiata col tempo, in cui risulta stucchevole anche Monica Vitti, abbigliata con vestitini coordinati con l'arredamento in stile pop.
MEMORABILE: Al momento del pranzo con suocera e cognata, i tentativi come cuoca improvvisata alle prese con un risotto tenace che non vuol mollare il mestolo
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 12/12/09 13:40
    Capo scrivano - 1378 interventi
    Dal 23 febbraio 2010 in dvd per Cecchi Gori.
    Ultima modifica: 12/12/09 13:40 da Homesick
  • Musiche Ciavazzaro • 1/04/10 11:15
    Scrivano - 5604 interventi
    Sempre Piccioni:
    http://www.youtube.com/watch?v=IKvqit_eJAU
  • Discussione Lucius • 12/04/11 19:33
    Scrivano - 8319 interventi
    Scusate ma non penso che sia Villa Torlonia, Villa Torlonia è sulla Nomentana.
  • Discussione Zender • 12/04/11 19:36
    Consigliere - 43619 interventi
    La chiamano così, villa Torlonia al Gianicolo. Mi sembrava na villa importante, il nome ci stava tutto anche se so che quella ufficiale sta sulla Nomentana... Altri nomi non ne ho trovati e mi pare strano non ne abbia uno
  • Curiosità Samuel1979 • 2/04/16 15:15
    Call center Davinotti - 2954 interventi
    Il fumetto di Diabolik presente nella camera da letto di Giuliana (Monica Vitti) si intitola "Notte di sangue" e uscì il 29/05/1967: