LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/09/10 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 18/09/10 05:55 - 11617 commenti

I gusti di Galbo

Sull’isola di Ventotene, Salvatore, muratore e barcaiolo, si innamora di Martina, una turista genovese. Il film di Alessandro D’Alatri, tratto da un romanzo di Anna Pavignano, anche autrice della sceneggiatura, è una storia in cui i protagonisti sono come ingabbiati da un forte sentimento reciproco che paradossalmente trova proprio in un luogo solitario come un’isola la sua realizzazione. Pregevole la prova del cast, composto da giovani attori poco conosciuti tra i quali spicca il protagonista, che ha il volto sensibile di Dario Castiglio.

Luchi78 24/01/12 16:21 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Le magnifiche scenografie offerte dall'isola di Ventotene e dalla minore isola di Santo Stefano aiutano tantissimo il film ad acquisire un significato importante indissolubilmente legato all'amore e all'isola. La storia di per sè è piuttosto semplice, condita da dettagli che la rendono molto poetica, ma non aspettiamoci chissà quali filosofie. L'isola di Santo Stefano con il suo carcere vengono spacciati per futura location di un albergo 5 stelle: ovviamente falso, trattasi di zona protetta, purtroppo anche difficilmente visitabile.

Cloack 77 30/06/12 11:46 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Un film delicato, leggero nonostante alcuni temi trattati. Avrei evitato di tratteggiare Martina come una sottospecie di dark lady misteriosa, maledetta e inquietante nei suoi silenzi, ma d'altro canto l'idea delle due stagioni di Ventotene, delle due stagioni della vita, delle due stagioni dell'amore, ha pareggiato debolezze, anche di recitazione, che comunque ci sono.

Mco 6/09/13 18:03 - 2187 commenti

I gusti di Mco

Poesia degli episodi, delle emozioni e dei sentimenti. Sullo sfondo di un'isola che vive solo con l'arrivo della stagione calda, un po' come il bel protagonista. Il duo di giovincelli che si danno amore è occasione per riscoprire l'animo fragile che riposa nelle piccole delusioni, in quei tramonti che visti in piena solitudine perdono tutta la loro carica romantica. Regia perfetta, con le dovute pause e l'accento sulla semplicità delle situazioni (le parentesi culinarie, con le specialità del posto è gustosissima). Interpreti adeguati.
MEMORABILE: "Se sei capace di fotterti quella da domani puoi tornare a lavorare".

Homesick 13/09/13 18:12 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’accorto D’Alatri evita il rischio di incagliarsi nelle banalità e nelle melensaggini del genere sentimentale appigliandosi al realismo descrittivo dei paesaggi marini, delle genti e della gastronomia dell’isola di ed impartendo l’ordine di una recitazione fresca e colloquiale (sembra ormai che gli attori sconosciuti o presi dalla strada lavorino molto meglio di quelli famosi). Il finale favolistico-visionario sa di puerile, ma non guasta il sapore gradevole fino a quel momento apprezzato.
MEMORABILE: L’incidente occorso all’operaio di colore; la rozza frase del padre al figlio dopo che la ragazza va a fare i bagagli.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.