Sei gradi di separazione

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Six degrees of separation
Anno: 1993
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "6 gradi di separazione".
Numero commenti presenti: 9
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 15/09/07 22:50 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Curioso e inizialmente intrigante, grazie all'indubbia bravura di Smith (gli attoroni anziani invece appaiono professionali ma svogliati), questo finisce però con l'accartocciarsi su se stesso, come sovente capita ai film "di sceneggiatura", nei quali l'eccesso di rifinitura dei dialoghi finisce per far perdere di vista che non è un radiodramma. Forse troppe ambizioni. Rimane comunque un oggetto singolare, ed è certamente guardabile.

Galbo 16/09/07 20:01 - 11348 commenti

I gusti di Galbo

Ottima commedia, Sei gradi di separazione parte dall'assunto dei possibili collegamenti tra persone diverse ed è tutto giocato su dialoghi brillanti e ben scritti e su una diligente regia di impronta teatrale. Gli attori sono molto bravi, sia Smith che i veterani S. Channing e D. Sutherland. Il limite del film è forse nell'essere eccessivamente sbilanciato sui dialoghi; è poco film insomma e più rappresentazione teatrale. Rimane un esempio di intrattenimento di gusto.

Stefania 10/02/10 23:46 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Sceneggiatura logorroica ma divertente, satira abbastanza pungente di una buona società intellettuale le cui contraddizioni emergono grazie all'intrusione di un outsider. Il che porta le "vittime" a riflessioni, analisi e recriminazioni, ma forse non ad un reale cambiamento. Non hanno l'energia e la fantasia del loro ospite! Insolito impostore-affabulatore, Will Smith qui è un attore di grande presenza ed eleganza. Interessante.

Pigro 29/08/10 08:39 - 7735 commenti

I gusti di Pigro

Ottima struttura della sceneggiatura basata su un'oscillazione temporale tra azione e racconto in flashback: un lieve sbandamento delle coordinate narrative che corrisponde all'imbarazzante svelamento di apparenze e ipocrisie in una facoltosa coppia newyorkese spiazzata dall'epifania di un fascinoso truffatore gay che sembra cercare più affetto e joie de vivre che non ricchezza. Ma i dialoghi teatrali sono talvolta pretenziosi, la regia tende superficialmente al brillante e gli attori (tranne Will Smith) sono piuttosto piatti.

Saintgifts 24/12/10 01:42 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Mi è sembrato un po' forzato attribuire alla teoria dei sei gradi di separazione, attraverso i quali qualsiasi individuo può arrivare a chiunque altro, i contatti tra persone e ceti diversi raccontati in questo film. Qui semplicemente un giovane gay si introduce nella vita di altri attraverso informazioni avute e alla sua disinvoltura nel servirsene. Al di là di questo il film incuriosisce nella prima parte, dove Paul dà sfoggio di una conoscenza apparentemente profonda dell'arte e della vita riuscendo ad ingannare marpioni dell'alta borghesia.
MEMORABILE: Divertente la reazione dei figli al college, di fronte alla sciocca ingenuità dei ricchi genitori.

Nancy 21/01/13 02:27 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Schepisi dirige un film basandosi su una sceneggiatura che poteva essere ispirata ma che risulta poco incalzante e non soddisfa appieno lo spettatore nella ricerca delle motivazioni che stanno alla base del film, che rimangono fondamentalmente inappagate. Ottimo tuttavia Will Smith, anche se non si comprende fino in fondo il suo personaggio. Bellissima tutta la prima parte della cena a casa di Sutherland. Per certi versi ricorda certo cinema di Bogdanovich con forti influenze alleniane nei discorsi "seri" dei newyorkesi. Non male comunque.

Daniela 22/10/14 12:43 - 9233 commenti

I gusti di Daniela

Una coppia di ricchi intellettuali newyorkesi offre ospitalità ad un giovane brillante e dai modi affabili, che si è presentato loro come un compagno di college dei loro figli... Opera sull'identità e sulle apparenze sceneggiata dallo stesso autore della commedia da cui è tratta: teatro filmato, certo, ma di gran classe, con dialoghi tennistici ed interpreti tutti all'altezza, a partire da Smith la cui parlantina sciolta è qui pienamente funzionale (non sempre accade) al disegno di un personaggio che seduce ed inganna chi in fondo non chiede altro che d'essere sedotto ed ingannato.
MEMORABILE: La cena, con sfoggio di conoscenze culinarie

Paulaster 17/06/19 11:47 - 2731 commenti

I gusti di Paulaster

Giovane di colore fingerà di essere figlio di Poitier. Trama divisa in due (l'imbroglio e le ripercussioni) che riguarda il desiderio di farsi accettare. Buon ritmo nei discorsi ubriacanti di Smith che ammaliano e per i quali ci si domanda quale sia la verità. Nel prosieguo il suo personaggio implode come le varie vicende di contorno e anche il finale non ha una grande morale (si parla solo di soldi, ma siamo pur sempre a Manhattan). Discreti ragionamenti su Salinger.
MEMORABILE: Il ballo della coppia di ragazzi; La Cappella Sistina da vicino; La camicia rosa.

Rambo90 4/09/19 17:32 - 6318 commenti

I gusti di Rambo90

Una buona commedia, che tradisce subito l'origine teatrale tra dialoghi serrati e location per lo più fisse. Il gioco di finzione di Will Smith cattura da subito, anche se rimane più di un dubbio alla fine sul perché dei suoi comportamenti, ma soddisfa nel modo in cui cambia (nel bene e nel male) le vite dei personaggi che incontra. Ben amalgamato il cast, con una Channing che si trasforma credibilmente col passare dei minuti. Finale amaro, non del tutto in linea con il resto della storia ma riuscito.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 22/10/14 13:11
    Consigliere massimo - 5075 interventi
    Tratto dalla commedia dallo stesso titolo di John Guare, autore anche dell sceneggiatura del film. Il personaggio interpretato da Smith si ispira a David Hampton, "artista della truffa" che, facendosi passare per il figlio di Sidney Poitier, negli anni Ottanta spillò ingenti somme di denaro a facoltose famiglie newyorkesi.

    Notizie di Hampton si trovano qui: http://en.wikipedia.org/wiki/David_Hampton