Rabbia in pugno

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 2011
Genere: drammatico (colore)
Note: Il film è stato diretto dal regista mentre era in libertà vigilata ed è stato girato interamente all'interno di una grande palestra di Roma, dove sono stati ricreati tutti gli ambienti necessari. (Wikipedia)
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Calvagna si rituffa nel noir per raccontare una storia di delinquenza col morto (anzi, la morta): la ragazza di un campione di kickboxing sogna di fare l'attrice e in discoteca si fa abbindolare dal solito sottaniere senza scrupoli (Maurizio Mattioli), che le promette un ruolo da protagonista senza nemmeno provinarla. Lei ci casca, viene drogata e ubriacata e una volta in camerino ci resta secca. Il kickboxer medita vendetta e parallelamente alla polizia conduce le sue indagini, facendosi aiutare dagli amici (tra questi lo stesso Calvagna, in un ruolo minore come spesso gli capita nei suoi film). Discretamente descritto l'ambiente romano, immerso in una fotografia bluastra di buon effetto, efficace (nei limiti) la regia di Calvagna mentre al...Leggi tutto solito carenti la sceneggiatura e la direzione del cast; o più probabilmente il cast stesso (penalizzato oltretutto da un brutto sonoro in presa diretta), che al di fuori di un Mattioli nettamente superiore agli altri (in una parte importante, molto presente sul set) non trova attori di grande levatura. Nonostante ciò il film mantiene una sorta di “realismo trash” che resta uno dei punti di forza del cinema di Calvagna. La vicenda si segue con agilità, ogni tanto col sorriso sulle labbra per certe situazioni ben poco credibili. II kickboxing c'entra poco...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/12/14 DAL BENEMERITO MARKUS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/12/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 10/12/14 11:20 - 3512 commenti

I gusti di Markus

Ennesima variante de Il giustiziere della notte (la fidanzata di un campione di kick-boxing muore a causa di uno stupro, di lì la ricerca dei responsabili). Calvagna fotografa gli ambienti dello sport violento e del sottobosco criminale della Capitale. Tra attori professionisti e non, il regista si barcamena con una certa efficacia nella narrazione; talvolta, però, scivolando nel grottesco involontario per l’incapacità interpretativa di gran parte del cast (che definisco, con un certo azzardo, "neorealista").

Stefano Calvagna HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Kaciaro • 18/07/16 21:54
    Galoppino - 494 interventi
    io l'ho trovato di una banalita' disarmante..recitazione nulla...