Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONCineprospettive

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

E se la Sacra Rota annullasse il vostro matrimonio perché allora officiato da un falso prete? E' la bizzarra situazione che capita a quattro coppie che navigano in acque molto diverse e la cui rescissione del vincolo causa effetti inattesi. Vito (Volo), ad esempio, ha già divorziato da Sara (Angiolini), ma l'annullamento - come precisa l'avvocato (Storti) di lui - comporta il non dover più pagare gli alimenti, il poter vedere di più il figlio... Sembrerebbe un indubbio vantaggio e invece forse qualcosa è da riconsiderare. Più complessa la situazione di due coppie che si conoscono e frequentano da anni: Edo (Bizzarri) e Marco (Kessisoglu) sono grandi...Leggi tutto amici e le loro mogli, rispettivamente Giada (Crescentini) e Viola (Gerini), sono abituate a trascorrere lungo tempo insieme fin dal viaggio di nozze a quattro, quando sulla spiaggia Viola ed Edo aprirono una relazione clandestina che ancora prosegue. “E se decidessimo di sposarci noi due, invece che rifarlo con i coniugi che non amiamo?” propone Edo... Ma lei non ci sta, il suo rapporto con Marco in fondo è solido... A chiudere Andrea (Nigro) e Paola (Pandolfi): sono felici, legalizzare nuovamente non sarebbe un problema, ma lui vorrebbe un figlio mentre lei pensa più al lavoro e non ha il coraggio di smettere di prendere la pillola, benché a lui dica il contrario. In parte li aiuterà il rapporto con i genitori di lui (Scarpa e Monti). Storie semplici, di scarsa originalità quanto l'anonimo titolo ma portate in scena con grazia e soprattutto supportate da un buon cast che permette di renderle vive e a tratti intense. Ben diretti da Paolo Costella, gli otto protagonisti dei tre episodi si incrociano impercettibilmente in un dramma rosa dai toni soft, curato soprattutto nella sceneggiatura (giocoforza destinata a costituire la base principale su cui il film poggia) perché in realtà il soggetto non propone varianti decisive a vicende generalmente ordinarie e non ne ha nemmeno l'intenzione; guarda agli analoghi film con episodi debolmente intrecciati all'americana, ne mantiene la leggerezza e certi fievoli rierimenti al sesso (nell'episodio con amici & amanti), si concede rarissime incursioni nella commedia (giusto nella figura dell'avvocato interpretato con la consueta causticità da Bebo Storti o in qualche osservazione di Volo: "Sei l'unico bambino che conosco a cui non piace la pizza. Cosa ti piace... il brasato?"), prepara il terreno per un finale che sappia in qualche modo dare una svolta nonché suggerire risposte alla domanda sottesa all'intera operazione: se vi annullassero il matrimonio vi risposereste? Delle tre storie la più completa e intrigante è quella a quattro: quando sotto la cenere cova l'amante nascosto pronto a disintegrare l'armonia familiare, l'attesa per capire come finirà o quando si scoprirà l'imbarazzante verità c'è sempre; in aggiunta, la complicità e l'affiatamento di Luca e Paolo ben si sposano a una Gerini ancora una volta impeccabile e a una Crescentini che ispira tenerezza. Volo e la Angiolini recitano come ci si aspetta conferendo credibilità ai loro personaggi: meno sorprese per il segmento forse più povero d'idee, per quanto comunque accettabile. Più in ombra la Axen nel ruolo di nuova compagna di Vito. Ottimamente assortiti Nigro e la Pandolfi, che sanno far sentire il peso di una convincente prova interpretativa trasmettendo bene i sentimenti e la fragilità che si nascondono dietro a scelte difficili da prendere con la necessaria decisione. Intensa la prova della Monti (più marginale il pur bravo Scarpa), madre malata e saggia. Nulla nell'insieme che si faccia particolarmente ricordare (a cominciare dal titolo, come si diceva), ma un intrattenimento di discreta qualità costruito sul “come” piuttosto che sul “cosa”: non conta tanto ciò che accade ma il modo in cui i problemi si affrontano. Piuttosto ridondante il finale in flashback con la celebrazione dei quattro matrimoni originali montati sulle note della calzante "Prima volta" dei Negramaro.

Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/11/21 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ira72 7/04/22 14:25 - 1315 commenti

I gusti di Ira72

Un film nostrano discreto che ben calibra sentimenti e sentimentalismo tra ripensamenti, tradimenti, paure e rimpianti, intercalando qua e là la giusta dose di leggerezza senza mai sconfinare in siparietti patetici. La sceneggiatura non racconta nulla di nuovo (coppie che scoppiano e coppie fedifraghe che tengono inspiegabilmente), ma l'incipit è l'occasione per ripensare se davvero valga la pena di rinnovare le promesse. E così ogni interprete, ben calato nel ruolo, mette in scena molto realismo e pochi fronzoli.

Markus 20/11/21 13:26 - 3695 commenti

I gusti di Markus

Quattro contemporanee storie matrimoniali che s'intrecciano. Le più classiche delle tiritere sentimentali elargite nella formula di commedia con venature "drammatiche". All'evidente mancanza di originalità (scappatelle extraconiugali e cornuti contenti perché non sanno di esserlo) subentra una convincente interpretazione del nutrito cast, con una regia attenta a evitare momenti di tedio. Per certi frangenti, un ritratto non felicissimo dell'esser coppia negli squallidi anni 2000. Forse conviene restare single e seguitare a mangiare pizze surgelate da soli... ma felici.

Rambo90 24/11/21 00:13 - 7707 commenti

I gusti di Rambo90

Meno leggero e spiritoso di quanto si possa pensare dallo spunto, questo film ha invece un tono apprezzabilmente realistico per tutta la sua durata e non cerca soluzioni assurde ai suoi problemi. Sono storie di coppie dai toni né troppo drama né troppo comedy, che si mantengono sulla linea grazie a una sceneggiatura calibrata e alla recitazione nelle righe da parte di tutti gli interpreti (per una volta in un film italiano si litiga senza strepiti). Riuscito, anche coinvolgente, senza guizzi ma nemmeno demeriti.

Pinhead80 29/03/22 12:51 - 4813 commenti

I gusti di Pinhead80

Alcune coppie che ricevono l'annullamento del matrimonio (causa falso prete) per decisione da parte della Sacra Rota si ritrovano a dover mettere nuovamente in discussione il loro rapporto. Nulla sarà più come prima. Il film di Paolo Costella funziona molto bene anche perché è lo specchio di una società poco edificante in cui i rapporti affettivi vengono continuamente massacrati in nome dell'egoismo. A parte la Axen, che non convince più di tanto, tutte le "coppie" funzionano bene e il film si gusta fino in fondo, nonostante si capisca presto come andranno a finire le cose.

Galbo 16/04/22 07:17 - 12419 commenti

I gusti di Galbo

Al di là dello spunto iniziale, oggettivamente piuttosto debole, il senso del film è quello di una riflessione sulla vita di coppia e sull’istituzione matrimoniale. La sceneggiatura tende ad approfondire le psicologie dei personaggi, con risultati alterni: a momenti interessanti si alternano parti che sembrano un puro riempitivo, con una continua ricerca di location “patinate” che nasconde forse una mancanza di ispirazione nella scrittura di dialoghi. Attori in parte, i migliori sono Nigro e la Pandolfi.

Hearty76 27/03/23 23:20 - 259 commenti

I gusti di Hearty76

Esempio di apprezzabile film italiano attuale e socialmente ben allineato. A metà strada tra dramma e commedia in misura calibrata, senza untuosità retoriche né sciocche gag riciclate. S'incrociano storie di coppie che non sanno, dopo l'annullamento dei loro matrimoni causa truffa, se risposarsi oppure no. Ne scaturiscono situazioni e scenari incalzanti ma anche riflessivi, dai risvolti un po' bizzarri però nel complesso garbatamente verosimili. Squisita la performance degli attori, che pur maturi d'età ed esperienza emanano un'accattivante allure giovanile. Meritevole e consigliato.

Furetto60 4/02/24 18:50 - 1197 commenti

I gusti di Furetto60

C’è chi è costretto a rifare l’esame di maturità e chi a ricelebrare le nozze. Forse o forse no. Partendo da un presupposto leggero, il film analizza unioni matrimoniali traballanti per rappresentare, nelle intenzioni, situazioni tipo alla ricerca di intenzioni più “alte”, ma la riuscita è a macchia di leopardo, con scivoloni nel banale e si ha l’impressione che anche gli interpreti non ne siano del tutto convinti tant’è che la scena si rianima solo quando passa dalle parti di Nigro e della Angiolini.

Xamini 29/02/24 12:36 - 1256 commenti

I gusti di Xamini

Spunto interessante che rimette in discussione la vita di quattro coppie dagli alterni decorsi (si va dai divorzianti agli apparentemente felici) e che, pur nel contesto di una commedia leggera, apre alla riflessione. Cosa è durevole? Cosa no? Cosa resiste al tempo che corre? I colori sono patinati, la riflessione non va in profondità, si gioca un po' con gli attori in campo, con qualche buona battuta, con variegate possibilità di immedesimazione, per un finale un po' sornione che fa scaturire quel sorriso dolce amaro adatto a un lavoro di questo tipo.
MEMORABILE: "Sei l'unico bambino che conosco a cui non piace la pizza. Cosa ti piace... il brasato? "

Redeyes 8/04/24 08:23 - 2454 commenti

I gusti di Redeyes

Costella, dopo una serie di regie poco felici, si cimenta nel raccontarci queste quattro storie dai destini collegati partendo da uno spunto azzeccato. Si apprezzano le buone prove attoriali, che danno credibilità a una sceneggiatura che poco osa e che, quando lo fa, mostra lacune. Si apprezza anche un'azzeccata colonna sonora. Al netto delle sbavature di sceneggiatura si giunge comunque con piacere al finale, che ha una sua dignità.

Paolo Costella HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Tutti gli uomini del deficienteSpazio vuotoLocandina Amore con la S maiuscolaSpazio vuotoLocandina A Natale mi sposoSpazio vuotoLocandina Dio vede e provvede
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Buiomega71 • 30/12/21 19:32
    Consigliere - 26085 interventi
    E' mancato Renato Scarpa
  • Discussione Neapolis • 30/12/21 20:59
    Call center Davinotti - 3110 interventi
    Robertino di Troisi e Cazzaniga il direttore dell'Alfa Sud di De Crescenzo. Rip
    Ultima modifica: 30/12/21 21:05 da Neapolis
  • Discussione Von Leppe • 1/01/22 00:24
    Call center Davinotti - 1111 interventi
    Il dottor Verdegast 
  • Discussione Caesars • 6/01/22 21:19
    Scrivano - 16818 interventi
    Mitico anche in Suspiria.
    R.I.P.