Parigi, 13 Arr. - Film (2021)

Parigi, 13 Arr.
Media utenti
Titolo originale: Les Olympiades, Paris 13e
Anno: 2021
Genere: sentimentale (bianco e nero)
Note: Aka "Parigi, 13Arr.". Soggetto dai racconti a fumetti "Amber Sweet" e "Morire in piedi" dello statunitense Adrian Tomine.
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/04/22 DAL BENEMERITO PAULASTER
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Paulaster 14/04/22 09:57 - 4353 commenti

I gusti di Paulaster

In un quartiere multirazziale parigino si intrecciano storie di trentenni. Se vuole essere un ritratto generazionale fa percepire voglia di leggerezza e sensualità, ma in fondo son tutti precari che non combinano chissà che. Situazioni alla Rohmer e chiacchiere come Godard, con un bianco e nero che aiuta a far scorrere bene le storie; i momenti intimi evitano l’effetto pruriginoso. Le dinamiche spaziano dalle gioie alle incomprensioni, lasciando una sensazione di evanescenza propriamente figlia dei tempi attuali.
MEMORABILE: La foto in discoteca; Il pugno alla ex amica universitaria; La finta visita alla nonna.

Daniela 22/06/22 19:26 - 12579 commenti

I gusti di Daniela

In un quartiere residenziale alla periferia di Parigi, la centralinista Emilie si innamora del suo coinquilno Camille attratto a sua volta da Nora che scopre di essere la sosia di "Amber Sweet", star di un canale porno a pagamento... Girotondo sentimentale all'insegna della precarietà dei rapporti, costellato da delusioni e equivoci ma culminante di un epilogo inaspettatamente rasserenante. Adattando un graphic novel, Audiard, dopo essersi fatto affiancare da Sciamma in sceneggiatura, dirige un film formalmente elegante e ben interpretato che ricorda certe commedie rohmeriane.

Thedude94 5/08/23 01:48 - 1082 commenti

I gusti di Thedude94

Notevole opera di Audiard il quale, attraverso la sua visione autoriale che mixa il classico alla modernità, riesce a raccontare in maniera delicata e soddisfacente la vita amorosa e le relazioni di trentenni parigini alle prese con un futuro che dire incerto è dire poco. Grazie alla bravura dei protagonisti, una fotografia di livello e una colonna sonora ben costruita per ogni scena, il film tiene per tutta la durata e non stanca mai. Ottime anche le scene d'amore più spinte e in generale i dialoghi, scritti con intelligenza e vivacità. Un film da vedere.

Galbo 16/09/23 17:57 - 12369 commenti

I gusti di Galbo

Jacques Audiard realizza un film sulla fluidità e precarietà dei rapporti umani in un quartiere di Parigi e compie una brusca "sterzata" rispetto ai suoi ultimi film sia come genere che come stile. Realizzato in un elegante bianco e nero, il film si concentra su pochi personaggi (il resto è un rumore di fondo) seguendoli nelle loro interazioni, ma il risultato è incostante, con momenti pregevoli alternati ad altri meno interessanti. Da segnalare la buona prova degli attori e un finale conciliatorio forse non adeguato allo spirito del film.

Cotola 3/11/23 23:32 - 8980 commenti

I gusti di Cotola

Girotondo amoroso, firmato da Audiard con la collaborazione della Sciamma e non solo, che consta sostanzialmente di due storie, prima divise poi intrecciate tra loro. Al di là della labilità dei rapporti amorosi, ma non dei sentimenti (Emile ama Camille sin dall'inizio), uno dei temi principali dell'opera è la solitudine con cui tutti si è costretti prima o poi, una volta o l'altra, a fare i conti. Scritto bene per carità e girato ugualmente bene (ma perché il bianco e nero?), non riesce però a convincere fino in fondo, forse perché non coinvolge emozionalmente come potrebbe.

Achab50 1/12/23 09:12 - 71 commenti

I gusti di Achab50

C'è di bello in quest'opera che la multietnia caratteristica dei quartieri periferici di Parigi non viene presentata nelle sue difficoltà di convivenza ma semplicemente come incontro e a volte scontro a livello sentimentale ed esistenziale; notevole la scelta del bianco-nero, adeguata la prova dei tre protagonisti. Al netto di questo il film lascia qualcosa di inespresso, di non completamente maturato che è difficile da spiegare. Buona opera con limiti.

Giùan 9/12/23 10:20 - 4511 commenti

I gusti di Giùan

Inattesa commedia sentimentale per Audiard (con la Sciamma allo script) che, mettendosi in scia al coevo cinema di Assayas e riprendendo la lezione di Rohmer, squaderna con apparente leggerezza ma profonda complessità la deriva affettiva della (neo?) classe operaia intellettuale, che al disorientamento economico vede aggiungersi quello urbanistico (l'imperversare dell'argomento immobiliare) e relazionale (l'invadenza social). Il finale ottimistico è una chiara cesura autoriale ma pure uno sberleffo agli strascicamenti di tanta menosa serialità. Splendono Merlat e Zhang, sciapo Samba.
MEMORABILE: I tentativi a letto della Merlat; La parrucca bionda di Amber Sweet; La sorella di Camille e lo stand up.

Reeves 11/12/23 08:12 - 2119 commenti

I gusti di Reeves

Bella commedia ambientata in uno dei tanti quartieri multietnici di Parigi, con le tematiche sociali collocate decisamente sullo sfondo a vantaggio dei rapporti umani e delle vicende sentimentali, raccontate con grazia e passione. Non ci si può non innamorare della protagonista per come vive la sua storia d'amore e Jacques Audiard si conferma regista sagace e completo.

Didda23 22/12/23 09:48 - 2419 commenti

I gusti di Didda23

Un'opera sostanzialmente riuscita che poggia molto sulla modernità dell'agire quotidiano, frutto di pulsioni immediate, evanescenti e superficiali con l'unico scopo di soddisfare il proprio individualismo che non cura l'altrui aspettativa. Immersa in un ragguardevole bianco e nero, la pellicola di Audiard si caratterizza per una buona regia e una sceneggiatura che sfrutta dialoghi ben scritti e scelte narrative spesso non banali. Il finale non convince interamente, nel mentre - invece - si apprezza la buona e sentita recitazione dell'intero cast. Autoriale, ma adatto a ogni palato.
MEMORABILE: Nora che viene presa in giro all'università perché scambiata per la sex worker Amber Sweet; L'arrivo del coinquilino; Le azzeccate location.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Oh les filles!Spazio vuotoLocandina Anatomia di una cadutaSpazio vuotoLocandina Un battito d'amoreSpazio vuotoLocandina Shelter
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.