Outrage coda

Media utenti
Titolo originale: Outrage Coda
Anno: 2017
Genere: gangster/noir (colore)
Note: Terzo capitolo di una trilogia iniziata con "Outrage" (2010) e proseguita con "Outrage Beyond" (2012).
Numero commenti presenti: 4
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/05/18 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 3/05/18 14:25 - 10920 commenti

I gusti di Daniela

Per aver subito uno "sgarbo", una potente organizzazione criminale sudcoreana pretende un risarcimento da parte di un clan yakuza, a sua volta alle prese con una lotta intestina per la conquista del potere... La trilogia dedicata al personaggio di Otomo, laconico gangster che spara con la stessa facilità a pesci e uomini, si conclude con un altro bagno di sangue ma in calando: tecnica sempre eccellente ma troppo di routine il contorno che circonda il protagonista, unico motivo di interesse in una vicenda piuttosto opaca.

Minitina80 23/06/19 08:00 - 2644 commenti

I gusti di Minitina80

Di nuovo, come nei due capitoli precedenti, è soltanto il potere a fare la differenza. A contare sono i conflitti interni ai clan e i continui sovvertimenti di poltrone, mentre tutto il resto non esiste. Considerando che si tratta di un terzo capitolo, alla lunga stanca perché non ci sono variazioni sul tema. La polizia è sempre relegata ai margini e perennemente collusa, mentre non esistono figure femminili, se non prostitute. Un po' troppo invincibile e senza paura la figura di Otomo. Quasi sembra una telenovela sulla Yakuza.
MEMORABILE: “Voglio sapere il tuo nome, chi sei?” “Il mio nome è levati dai coglioni!”

Giùan 22/11/20 09:59 - 3503 commenti

I gusti di Giùan

Chiusura col botto (di Otomo) e smitragliate (agli Anabishi) per la trilogia di Outrage, con cui Kitano regola (momentaneamente?) i conti con lo yakuza-eiga e continua a disarticolare con fulgida intelligenza registica e consapevolezza clownesca (l'indugiare sulla propria maschera amorfa e un corpo non in-forma) l' "autorialità" del suo cinema. Particolarmente stordente la divergenza tra dilanianti faide mafiose e un protagonista malinconicamente fuori dallo spazio-tempo che pure attraversa a suon di spari e colpi. Nishida e Shiomi facce da anime gokudo. Takeshi beats another blow.
MEMORABILE: L'inizio al mare in Corea del sud con Otomo e il fido Ichikawa a pescar pesci piccoli.

Puppigallo 27/10/21 16:20 - 4716 commenti

I gusti di Puppigallo

Se non fosse per l'effetto domino provocato da una somma pagata come risarcimento sembrerebbe una riedizione delle vicissitudini dei clan impegnati nella lotta per il potere. Invece, grazie all'idea dell'escalation partita da un fatto di poca importanza, che verrà usato come prestesto per scatenare violenze, ecco che il tutto acquisisce un suo perché. Ovviamente quella sensazione di déjà vu rimane, ma non ne inficia la visione; e il finale rappresenta piuttosto bene il credo e la tempra del protagonista, uomo tutto d'un pezzo. Non male.
MEMORABILE: "Il mio nome è levati dai coglioni, bel nome vero?"; Gli sgherri "Benvenuto!"; La domanda che frega il sicario; Carneficina in sala.

Ken Mitsuishi HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Kaciaro • 4/05/18 00:03
    Galoppino - 491 interventi
    invecchia anche il mitico takeshi lontano anni luce dai capolavori iniziali
  • Discussione Daniela • 4/05/18 15:23
    Gran Burattinaio - 5693 interventi
    Kaciaro ebbe a dire:
    invecchia anche il mitico takeshi lontano anni luce dai capolavori iniziali

    Purtroppo, i tempi di Sonatine sembrano irripedibili. Intendiamoci: mica è brutto questo Outrage Code, la tecnica c'è, le rare scene d'azione sono ben girate, anche se a prevalere sono i discorsi dei boss grandi e piccoli seduti attorno ad un tavolo, però, se non si affacciasse ogni tanto il personaggio strambo e spiccio di Otomo, non lascerebbe proprio alcuna traccia nella memoria.
  • Discussione Daniela • 4/05/18 15:30
    Gran Burattinaio - 5693 interventi
    x Zender

    perché è stata modificata la nota che avevo scritto al momento di inserimento nella scheda?
    "Secondo sequel" suona male, trattandosi del terzo capitolo di una trilogia che porta a termine uno stesso filo narrativo trovo più utile citare sia il primo Outrage del 2010 che Outrage Beyond del 2012, entrambi presenti nel database.
  • Discussione Zender • 4/05/18 16:03
    Consigliere - 45088 interventi
    Perché da tempo non mettiamo tutti i sequel di un film, altrimenti non si finirebbe più. Perché non metterne tre quando son quattro allora, e via dicendo. Se si mette il primo si è certi di non sbagliare, perché è quello a cui si fa riferimento.
  • Discussione Daniela • 4/05/18 16:34
    Gran Burattinaio - 5693 interventi
    Quel che dici va certo bene per le saghe, per le quali basta citare il primo della serie, dato che quel che contano sono i personaggi - tanto è vero che i registi dell'uno o dell'altro capitolo possono benissimo essere diversi.
    Torna meno per i film di uno stesso autore che portano avanti la stessa narrazione come la presente trilogia: ad esempio nessuno definirebbe Il padrino 3 come il secondo sequel del Padrino.

    Quindi dissento, ma ovviamente mi adeguo.
  • Discussione Zender • 4/05/18 16:54
    Consigliere - 45088 interventi
    D'accordo, visto che è una trilogia si può fare. Detto che di solito quando l'ascendenza è ovvia (tipo "Il padrino" appunto, non scriviamo secondo sequel perché è ovvio) nemmeno mettiamo nulla, qui il titolo cambia un po' quindi ok, si può fare.
  • Discussione Kaciaro • 7/05/18 19:52
    Galoppino - 491 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Kaciaro ebbe a dire:
    invecchia anche il mitico takeshi lontano anni luce dai capolavori iniziali

    Purtroppo, i tempi di Sonatine sembrano irripedibili. Intendiamoci: mica è brutto questo Outrage Code, la tecnica c'è, le rare scene d'azione sono ben girate, anche se a prevalere sono i discorsi dei boss grandi e piccoli seduti attorno ad un tavolo, però, se non si affacciasse ogni tanto il personaggio strambo e spiccio di Otomo, non lascerebbe proprio alcuna traccia nella memoria.


    si lascia vedere si ma e' una tristezza infinita pensare hai primi 5 /6 capolavori ....
  • Discussione Daniela • 7/05/18 20:14
    Gran Burattinaio - 5693 interventi
    Kaciaro ebbe a dire:
    ]

    si lascia vedere si ma e' una tristezza infinita pensare hai primi 5 /6 capolavori ....


    Dai, non perdiamo la speranza, magari non è morto (come grande autore), ma solo mezzo addormentato...
    Ultima modifica: 7/05/18 20:14 da Daniela
  • Discussione Buiomega71 • 24/02/19 23:48
    Pianificazione e progetti - 23330 interventi
    E' mancato Ren Osugi

    http://www.asahi.com/ajw/articles/AJ201802220050.html