Manon

Media utenti
Titolo originale: Manon
Anno: 1949
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: Leone d'oro al miglior film alla 14ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.
Numero commenti presenti: 2

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/03/14 DAL BENEMERITO PINHEAD80
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pinhead80 6/03/14 18:25 - 3845 commenti

I gusti di Pinhead80

Clouzot ci offre una Manon Lescaut affascinante e disperatamente ossessionata dal denaro e dalla bella vita. Un film a due facce che incanta fino a quando si parla del passato della coppia di innamorati in fuga e che invece si dilunga troppo nella parte finale diventando pure troppo melenso. Indimenticabile per bellezza e furbizia la "piccola" Manon.

Cotola 4/07/15 23:31 - 7413 commenti

I gusti di Cotola

E' facile capire perché il film abbia avuto una vita così dura. Per l'epoca (1949) dovette essere uno shock assistere ad un ritratto così duro, nero ed impietoso non di una singola persona (Manon) ma di un intero paese abbrutito moralmente e finito sotto le macerie materialmente e psicologicamente di cui la protagonista è solo l'incarnazione. Facile e assolutorio, che tutti si scaglino contro di lei. Siamo anche dinanzi ad una splendida storia di amor fou che vive di momenti indimenticabili così come incancellabile è il personaggio di Manon intepretata divinamente dalla Aubry. Capolavoro.
MEMORABILE: Gli ultimi dieci minuti nel deserto sono da antologia: su tutti le immagini finali con tanto di "dichiarazione d'amore" di Robert a Manon.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 2/10/09 16:04
    Scrivano - 7638 interventi
    Hanno scritto... "Il sadismo di Manon è molto diffuso e raffinato: c'è nell'impostazione stessa delll'opera, c'è nel destino dei due amanti che si compie per gradi sino alla catastrofe, c'è infine nella crudeltà di quella scena finale dove il sadismo oggettivo dello schermo sembra autentica, personale espressione del regista, tanto è goduto, curato, insistito attraverso un linguaggio asservito ai valori sadici (ivi compresa la necrofilia) i quali sovrastano e travolgono ogni altro significato." Gian Piero Brega, in film, 1963
  • Curiosità Columbo • 23/03/11 11:44
    Magazziniere - 1104 interventi
    Leone d'oro a Venezia, fu inopinatamente bloccato dalla censura italiana che ne permise la distribuzione solo nel 1950 nell'edizione francese senza sottotitoli, mutilato soltanto di un bacio in chiesa. (Fonte Dizionario Mereghetti)
  • Curiosità Columbo • 23/03/11 11:46
    Magazziniere - 1104 interventi
    Oltre alla splendide opere liriche di Massenet (1884) e Puccini (1893), il romanzo dell'abate Prevost ha avuto innumerevoli riduzioni teatrali, cinematografiche e una televisiva in Italia, diretta da Sandro Bolchi con Monica Guerritore.