La llamada del sexo

Media utenti
Titolo originale: La llamada del sexo
Anno: 1977
Genere: thriller (colore)
Note: Aka "Dulcemente morirás por amor".
Numero commenti presenti: 1

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/09/17 DAL BENEMERITO FAUNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 12/09/17 01:28 - 1918 commenti

I gusti di Fauno

Non merita un miglior giudizio per via di un finale deludente e scontato, ma vedere un Hilton a capo di un'impresa di pubblicità mettersi nelle mani di Garcia (nel film veggente e parapsicologo) onde proteggersi dalle insidie del lavoro e ancor più da una moglie che gli vuole imporre un divorzio da ridurlo sul lastrico ha già dell'incredibile. Ancora più belli i flashback d'un'infanzia travagliata da una conoscenza carnale precoce con la sorella, sperimentata a forza di spiare gli ubriachi dei festini della madre, testimoniati dai disegni sui muri...
MEMORABILE: La tremenda gelosia di Carlos verso Karin; Gli occhi da Mandrake che spiano tutto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Fauno • 12/09/17 01:34
    Compilatore d’emergenza - 2533 interventi
    Il titolo è uno spasso perché ci sta come poche altre volte mi è capitato di notare.
    Ha di buono che è un film sia per collezionisti che per amanti del trash.

    Quello che mi ha fatto morir dal ridere sono la figura e il ruolo di Andres Garcia, come leggerete, ma ancor più perché sembra appena "digerito" e forse "rimesso" da Tintorera.
    Straordinario poi l'attore che interpreta Dino, che fra l'altro non era neanche accreditato. Si chiama Don Forrest, ma per me è un nome americanizzato.
  • Discussione Ciavazzaro • 13/09/17 01:08
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Ancora lodi carissimo.

    Altro titolo nella mia lista delle visioni, da anni, e prima e poi colmerò la lacuna.

    Ricordo ancora l'intervista a Hilton in cine70 in cui ricorda che lasciò il set perchè non pagato, e che quindi dovettero usare una controfigura per finire il film !
  • Discussione Fauno • 13/09/17 16:18
    Compilatore d’emergenza - 2533 interventi
    In effetti si vede che è un budget limtatissimo, ma chiunque ormai sa che io valuto centomila volte di più le idee che le tecniche cinematografiche, e di idee buone ce ne sono parecchie. Ma chi come me ha visto e apprezzato Tintorera non può non rimanere esterrefatto, anche perché alla prima visione non avevo capito di botta quale ruolo avesse quest'uomo con una vestaglia da santone, e una volta di più dico "ma che rovinata si è preso Hilton in MIO CARO ASSASSINO? la stessa che Milian si è presa in NON SI SEVIZIA UN PAPERINO", perché qui sebbene Hilton sia a pezzi per tutto il film è comunque in un ruolo consono a lui e va sempre bene, mentre là è assolutamente fuori ruolo, quindi lo sfacelo è assoluto...

    P.S. Ti ho mandato un messaggio sulla casella Davibook
  • Discussione Lucius • 13/09/17 21:03
    Scrivano - 8326 interventi
    Tintorera è girato più che bene. Non per nulla in alcuni stati è considerato un cult movie.
    Ultima modifica: 13/09/17 21:08 da Lucius
  • Discussione Ciavazzaro • 21/09/17 00:45
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Ho sempre pensato che il basso budget stimoli la creatività.

    Tutti quei bellissimi low-budget thriller e horror degli anni 50, girati con pochissimi soldi, ma con trame creative e complicate (in positivo).

    p.s. ti ho risposto sul davibook !
    Ultima modifica: 21/09/17 01:16 da Ciavazzaro