La donna del bandito - Film (1948)

La donna del bandito
Media utenti
Titolo originale: They Live by Night
Anno: 1948
Genere: gangster/noir (bianco e nero)
Note: Aka "Disperazione". Soggetto dal romanzo pubblicato nel 1937 "Ladri come noi" (in originale "Thieves Like Us"), dello scrittore statunitense Edward Anderson.
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/11/09 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 13/11/09 23:47 - 9052 commenti

I gusti di Cotola

Magnifico film noir firmato da Ray che impasta e mescola con rara maestria crimine e romanticismo regalandoci un'opera che resta nella memoria. Il coinvolgimento dello spettatore aumenta col passare dei minuti fino ad essere travolgente nella parte conclusiva che è coronata da un finale che dà i brividi e non si dimentica facilmente. Ha influenzato non poco il cinema di genere a venire (e Ray era appena al primo lavoro da regista). In una parola: imperdibile.

Saintgifts 26/10/11 22:37 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Commovente fino alle lacrime. Una commozione che arriva piano piano, vivendo assieme ai due giovani, sprovveduti, che si amano, che amano per la prima volta e scoprono nel volgere di poche ore la vita, quella vera (anche se la vivono "di notte") scappando da un destino dal quale non si può sfuggire. Asciutto ed essenziale, diretto con grande maestria in un suggestivo b/n. Ottime le interpretazioni, specie quella di Cathy O'Donnell. Ben caratterizzate anche tutte le figure di contorno. Espressioni e dialoghi misurati, ma di grande spessore.

Rebis 16/06/15 12:26 - 2339 commenti

I gusti di Rebis

Si dischiude nella tenebra come un noir, poi il melodramma dilaga boicottandone la logica narrativa, occultando la topografia del gangster movie con audaci ellissi di montaggio; rimane l'ordito ineludibile del fato a perseguitare due ribelli senza causa, Bowie e Keetchie (splendida Cathy O'Donnell), colpevoli di troppo amore in una fuga impossibile verso l'innocenza. Primo film di Nicholas Ray, è già una rivoluzione stilistica che assalta la politica dei generi e il decoupage classico, mette al centro il disagio giovanile e colloca sull'orizzonte del road movie il miraggio del sogno americano.

Daniela 18/04/17 02:39 - 12670 commenti

I gusti di Daniela

Evaso insieme a due compagni, un giovane mette a segno una serie di rapine. Dopo essersi innamorato di una ragazza, la sposa e fugge con lei ma... Al suo primo film, Ray dirige un noir on the road romantico, prendendosi i suoi tempi per farci affezionare ai personaggi interpretati da Granger e O'Donnell, una versione di Bonnie e Clyde in grado di suscitare la nostra compassione per l'impacciata tenerezza del loro amore, il desiderio impossibile di cambiare una vita che non hanno scelto. Epilogo struggente indimenticabile per un film destinato a diventare un punto di riferimento del genere.
MEMORABILE: "Che ora segna il tuo orologio?"

Berto88fi 29/05/19 11:20 - 216 commenti

I gusti di Berto88fi

Notevole esordio per Ray: un mix di generi che va dal noir-melò al road movie, focalizzato sulla malinconica love story dei due protagonisti, sempre braccati e mai davvero liberi. Grandiosa fotografia di George Diskant, gestione della mdp dinamica e moderna per l'epoca, ottime interpretazioni della O'Donnell e Da Silva. Un peccato aver lasciato fuori campo tutte le azioni criminali; finale melodrammatico non pienamente soddisfacente.
MEMORABILE: Il primo incontro tra i protagonisti, scandito da una serie di "può darsi"; I matrimoni da 20 dollari.

Giùan 4/02/20 10:21 - 4562 commenti

I gusti di Giùan

Splendido esordio alla regia di Nick Ray con un film che testimonia già la chiarezza di idee di un autore in grado fin da subito di plasmare la cornice noir del racconto di Anderson alla propria personale visione della vita e del cinema, trasformandola in un melò giovanile intensamente romantico e di "ingenua" complessità psicologica. A contare sono così i meravigliosi personaggi di Keechie e Bowie (restituiti dal viso esitante di Granger e dal corpo fragile della O'Donnell), ragazzi traditi alla disperata quanto vana ricerca di un posto nel mondo.
MEMORABILE: Ray regala all'orbo di Howard Da Silva un ultimo primo piano prima che Bowie gli intimi di lasciare l'auto su cui stanno fuggendo.

Nicola81 27/09/21 19:15 - 2862 commenti

I gusti di Nicola81

Non al livello della sua grande fama. In realtà, se escludiamo la concitazione delle battute iniziali e la drammaticità di quelle conclusive, la storia si dipana piuttosto piattamente, anche a causa della discutibile scelta adottata da Ray di relegare fuori campo le azioni criminali (che avrebbero dovuto essere il piatto forte) per privilegiare il lato sentimentale e romantico. Granger ha la faccia giusta ma non strappa applausi, brava la O'Donnell, attrice che avrebbe meritato una carriera migliore.

Reeves 15/06/22 07:43 - 2224 commenti

I gusti di Reeves

Esordio strepitoso al cinema per l'autore che ha fatto sognare Godard ("il cinema oggi è Nicholas Ray") e Wenders. La vicenda di un piccolo delinquente che trova in modo completamente inaspettato l'amore e uno scopo per la sua vita randagia è raccontata con passione, senza nascondere i sentimenti ma proponendoli con intensità e al tempo stesso con pudore. Straordinario.
MEMORABILE: La sirena del treno nella sequenza finale.

Cerveza 23/02/24 16:20 - 371 commenti

I gusti di Cerveza

Più che una donna e un bandito, due teneri ragazzi. Lui ha la stessa espressione stranita di Domenico Cantoni, solo che, invece di doversi uniformare ai vizi impiegatizi, è trascinato nel malaffare. Anche lui ha la sua Antonietta, si chiama Keechie, maschiaccio per necessità, femmina per scelta, con tanta voglia di fuggire e diventare donna. Umanità scabre e sbrigative, molto americane nella forma, ma altamente efficaci. La brama giovanile del "tutto e subito" fatta di sogni spesso scollegati da una realtà troppo grande. Se poi c’è l’amore che ti acceca, ogni speranza è perduta.
MEMORABILE: Le riprese aeree da perfetto road movie.

Howard Da Silva HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Giorni perdutiSpazio vuotoLocandina Il sergente YorkSpazio vuotoLocandina Mammina caraSpazio vuotoLocandina Gli invincibili
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Cotola • 13/11/09 23:50
    Consigliere avanzato - 3845 interventi
    Incredibile ma vero. Questo fior di capolavoro
    mancava al Davinotti. Lacuna rimediata.

    Per chi volesse vederlo al Torino Film Festival
    c'è ancora una possibilità:

    16 novembre ore 20,30 Cinema Greenwich Village
  • Curiosità Lucius • 26/09/12 18:25
    Scrivano - 9051 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, una riproduzione della locandina originale, firmata da Farley Granger in persona:

  • Homevideo Rebis • 16/06/15 11:08
    Compilatore d’emergenza - 4422 interventi
    Assai modesta l'edizione in dvd proposta da Elleu, che, al contrario di quanto dichiarato in fascetta (formato 1.37:1) presenta il film nel formato 1.33:1 con conseguente perdita di una porzione di fotogramma laterale (molto evidente nelle didascalie iniziali). L'immagine è sgranata e deperita, con segni e graffi, senza alcun lavoro di restauro. L'audio originale è sporco ma comprensibile, e ha i sottotitoli opzionabili. L'audio italiano è pulito ma si tratta di un discreto ridoppiaggio.

    Esiste anche un'edizione a doppio disco con la versione colorizzata (assolutamente evitabile, direi).
  • Curiosità Daniela • 18/04/17 02:47
    Gran Burattinaio - 5928 interventi
    Soggetto dal romanzo pubblicato nel 1937 Ladri come noi (in originale Thieves Like Us), dello scrittore statunitense Edward Anderson.

    Lo stesso romanzo è stato nuovamente portato sullo schermo da Robert Altman nel 1974 con Gang, protagonisti Keith Carradine e Shelley Duvall.
  • Discussione Reeves • 15/06/22 07:40
    Segretario - 700 interventi
    Rai movie lo propone in una versione colorizzata