L'ultima legione - Film (2007)

L'ultima legione

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/08/08 DAL BENEMERITO FLAZICH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 29/08/08 12:06 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Un minestrone di storia e leggenda, l'ultima legione narra la storia del giovane Romolo Augusto e di Odoacre. Del Vallo di Traiano e del mago Merlino. Del film si salva solo la fotografia perché il resto, a partire dalla storia, è di una noia mortale. E fa male vedere un attore come Ben Kingsley ridotto a combattere con un bastone il cattivo di turno. Anche il finale sembra affrettato e raffazzonato come se il regista si fosse stancato e volesse prendersi una pausa.

Soga 29/04/09 19:29 - 125 commenti

I gusti di Soga

Patetico. Da un libro già non esaltante è stato tirato fuori questo giocattolone d'altri tempi, nel quale i personaggi sono stati svuotati di quel poco che avevano su carta e fatti muovere su una trama tirata per i capelli, che strizza l'occhio alla storia ma naviga nei cliché fantasy più vetusti, si trascina senza mai incidere veramente fino ad un finale tanto scontato quanto malfatto. Ricostruzioni e battaglie, che dovrebbero essere i punti di forza, sembrano roba da Disneyland e gli attori brillano per la capacità di irritare lo spettatore.
MEMORABILE: La scena di Kingsley che comanda le catapulte. Personalmente, mi fa spanzare dal ridere.

Greymouser 5/05/11 10:47 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Un buon cast coinvolto in una catastrofe cinematografica: questo, in sintesi, l'unico commento possibile per un film che mescola in modo scriteriato elementi pseudo-storici e pseudo-fantastici, riuscendo - per fortuna - a farsi dimenticare in un batter d'occhio. Del resto, cosa mai dovrebbe essere ricordato di un simile esempio di inutilità narrativa? L'oblio, in questo caso, sia benedetto.

Belfagor 10/05/11 10:36 - 2660 commenti

I gusti di Belfagor

Ennesima tirata per i capelli della storia antica: questa volta viene preso di mira il crollo dell'impero romano d'Occidente e il destino di Romolo Augustolo. Svuotata di pressoché qualunque riferimento storico, la pellicola si riduce ad una mera storiella dal retrogusto fantasy ma non troppo, carica di banalità e piuttosto derivativa. Decisamente sprecata la presenza di attori quali Firth e Kingsley.

Nancy 15/06/13 15:41 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Insopportabile affresco totalmente erroneo di un'epoca, quella della caduta dell'Impero Romano, descritta senza un filo di interesse storico ma solo utilizzata come pretesto per mettere in piedi un film d'avventura senza sale. Non so se la colpa sia del romanzo di Manfredi o degli sceneggiatori, ma veramente l'effetto è quasi comico e senza un minimo di climax. Gli attori sono anche bravi (Kingsley, Firth), ma la pessima regia di Lefler ammazza il tutto. Il finale è ultra-posticcio, certe scene (quella della catapulta!) al limite del comico.

Galbo 17/06/13 09:09 - 11933 commenti

I gusti di Galbo

Autore di grande successo, Valerio Massimo Manfredi viene decisamente maltrattato dalla riduzione cinematografica di una delle sue opere. L'ultima legione è un film che ignora il contesto della vicenda sembra incerto della direzione da prendere tra opera fantasy e pellicola di genere storico. Dialoghi inaudibili ed effetti speciali mal fatti peggiorano il tutto e poco può fare il buon cast impiegato.

Piero68 20/06/13 09:13 - 2889 commenti

I gusti di Piero68

Da un romanzo di (mediocre) successo di Valerio Massimo Manfredi, un film girato a basso budget nonostante alcune presenze importanti. Si sfrutta la teoria di alcuni storici in base alla quale il ciclo Arturiano potrebbe essere fatto risalire al tempo della caduta dell'Impero romano, come già proposto anche da King Arthur di Fuqua. Ma mentre quest'ultimo prende la cosa sul serio, Lefler si limita a mischiare troppe cose cadendo troppo spesso nel ridicolo puro e prendendosi troppe licenze dal romanzo. Eppure attirò molta gente a cinema. Firth sprecato.

Saintgifts 5/04/16 10:31 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Da Roma al Vallo di Adriano in Britannia, passando per Capri, unendo la decadenza dell'Impero Romano a re Artù in un salto temporale piuttosto improbabile ma non determinante per il film. Storia e fantasia, ispirate al romanzo di Valerio Massimo Manfredi, si mischiano in un prodotto non eccelso ma comunque godibile e impreziosito dall'avvenente Aishwarya Rai, che ci sa fare anche con spade e pugnali. Non troppo curato nelle scenografie al computer e con una regia che si accontenta, o limitata, ma con interpreti che sanno fare il loro lavoro.

Wangyu 5/04/16 22:14 - 93 commenti

I gusti di Wangyu

Da vedere e giudicare come film di fantasia, mescola un po' di elementi, Re Artù e Braveheart, la Roma dei Cesari ormai che sta per esalare ormai l'ultimo respiro. Mi è piaciuta anche la colonna sonora e mi ha sorpreso come combatte Aishwarya Rai. Non mancano suspance e scene cruente. Un prodotto di buon intrattenimento.

Magerehein 15/02/22 15:07 - 417 commenti

I gusti di Magerehein

Maldestro adattamento di un'opera di Valerio Massimo Manfredi. Nonostante il cast importante (Firth e soprattutto Kingsley ci mettono l'anima per risultare credibili) la storia risulta insapore. Il romanzo di partenza è tradito in più punti, inoltre alcuni suoi passaggi interessanti vengono omessi in favore di ripetitive battaglie da videogame e siparietti umoristici del tutto evitabili. Di dramma o epicità non c'è traccia. Sembra quasi che non si siano volute prendere sul serio le vicende trattate (grave in un film del genere; il simile King Arthur almeno l'aveva fatto). Evitabile.
MEMORABILE: L'esilarante trucco delle palle di fuoco.

Peter Mullan HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 23/12/20 00:49
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Nulla di trascendentale, ma comunque un pò sottovalutato.

    E' senz'altro un film di attori, dal non ricchissimo budget, semplificato ma godibile quel minimo da garantirgli un suo perchè.

    Medio.