Il Santo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The saint
Anno: 1997
Genere: spionaggio (colore)
Numero commenti presenti: 13
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Phillip Noyce è l'autore di uno dei thriller più noti (e in parte sopravvalutati) degli ultimi anni: quell’ORE 10: CALMA PIATTA dall’ottima fotografia e dall’ambientazione insolita imbastito però piuttosto banalmente e fitto di colpi di scena telefonati. Con IL SANTO Noyce riconferma la sua professionalità, confezionando impeccabilmente (dal punto di vista puramente estetico) l'ennesima rivisitazione del mito del ladro gentiluomo, fenomenale nei travestimenti quanto nei rapporti con l'altro sesso. Scelto come protagonista l’algido Val Kilmer, il regista ci costruisce attorno una trama veramente pretestuosa (il solito...Leggi tutto estremista russo che vuol mettere le mani sul progetto della fusione fredda) con il solo scopo di divertire lo spettatore attraverso i travestimenti (un paio davvero riusciti) del camaleontico protagonista. Cosa dire di un film così? Innanzitutto che le situazioni assurde, le incongruenze, i momenti decisamente improbabili, le coincidenze ridicole, rendono IL SANTO poco più che un fumettone ancora meno plausibile di MISSION: IMPOSSIBLE. E poi suvvia: quante volte ancora dovremmo vedere i fuggitivi che risolvono l'inseguimento fingendosi due innamorati che si baciano in piena strada? O il protagonista che si confonde, sempre per sfuggire ai suoi inseguitori, tra i componenti di un corteo? IL SANTO passa in rassegna tutti i luoghi comuni dei film “alla Harrison Ford” e li fa suoi, mancando totalmente di personalità e suonando fasullo anche nelle scene di sesso. Inoltre è spiegato male e farraginoso. Restano un buon ritmo e il mestiere di Noyce. Troppo poco!
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 19/10/07 23:26 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Il punto forte del film poteva essere la corretta scelta di Val Kilmer per interpretare Simon Templar, ma l'occasione è stata sprecata con una storia molto banale in cui i cattivi non fanno paura a nessuno, riuscendo persino a non far brillare il bravo caratterista Serbedzjia (ottimo in Snatch). Un film troppo leggero.

Capannelle 26/02/08 08:44 - 3745 commenti

I gusti di Capannelle

Val Kilmer di solito ha maggiori chance come attore comprimario ma in questa occasione fa la sua figura. Merito di una storia cucitagli addosso e dal buon ritmo. Lasciamo stare invece la credibilità, perché eccessi (i troppi travestimenti, misero sfondo geopolitico) e incongruenze (l'incontro e la storia con l'autrice della formula segreta) si sprecano: il solito plot ad uso dell'americano medio che dopo il film può raccontare di essere stato in Europa. Per Noyce un passo indietro rispetto a Ore 10 calma piatta.

Galbo 29/02/08 17:57 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Trasposizione cinematografica di un serial televisivo di successo negli anni '60, Il Santo si rivela un film piuttosto mediocre anche per le indecisioni di tono che oscillano di continuo tra un giallo-rosa, una spy story e un film sentimentale. Tralasciata qualunque pretesa di realismo e le ridicole implicazioni psicologiche, il film ha ben poco da dire con il protagonista infelicemente interpretato da Val Kilmer attore dall'assai scarso carisma. Molto meglio Elizabeth Shue.

Rickblaine 21/10/08 09:42 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Il santo sembra una trovata improvvisata anche se è ripreso da un libro. Ad un certo punto sembra anche interessante, ma poi si perde come una misera foglia in un oceano. Gli attori non soddisfano, fatta esclusione per la Shue. E' la solita trovata americana dove i protagonisti si ritrovano in terra straniera fra gli ingiusti e dove gli eroi sono sempre quelli a stelle e strisce. Storia scontata. Finale ridicolo.

Sunchaser 21/10/08 14:27 - 127 commenti

I gusti di Sunchaser

Da una serie di telefilm con Roger Moore che ebbero un buon successo negli anni '70, una trasposizione Hollywoodiana che funziona poco sotto tutti i punti di vista. Da quando ha lasciato l'Australia per Hollywood Phillip Noyce ha fatto più male che bene (da salvare "Giochi di potere" e Ore 10: Calma piatta). Val Kilmer, nonostante il trasformismo del suo personaggio, conferma la sua mediocrità.

Enzus79 22/10/08 18:21 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

Film d'azione senza azione (scusate il gioco di parole). Sembra più un Dr. Zivago degli anni '90... Val Kilmer è poco credibile come "santo". Si salvano solo la Shue e la colonna sonora. Il finale è buonista all'eccesso come solo gli americani possono fare...

Ciavazzaro 27/12/08 11:55 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

A me Val Kilmer piace, ma neanche lui in questo caso offre un interpretazione più che convincente. La traspozione in celluloide della serie tv, delude (come ci si aspettava) le aspettative, consegnando allo spettatore un film piatto e poco coinvolgente che non offre grande suspence e grandi recitazioni.

124c 15/05/09 17:43 - 2779 commenti

I gusti di 124c

Perchè trasformare Simon Templar in una sorta di ladro alla Diabolik dedito ai travestimenti? Perchè, poi, affidarlo ad un attore americano come Val Kilmer e renderlo così americano, quando era British da cima a fondo nei vecchi telefilm con Roger Moore? Philip Noyce e Val Kilmer cercano di presentare Simon Templar prima che questi divenisse l'avventuriero che tutti noi conosciamo dai telefilm anni '60 e '70. Beh, meglio i telefilm! Persino Ian Ogilvy del 1978 era meglio di Val Kilmer.
MEMORABILE: EWlisabeth Shue nel ruolo della bella scienziata di cui s'innamora il Santo.

Enricottta 4/12/09 15:59 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Il Santo non ha il dono dell' autoironia. Bastava inserire qualche piccolo siparietto per allegerire un poco, un taglio alla storia improponibile, la speranza che il pubblico non facesse confronti con "l'altro" santo e tutto sarebbe stato molto più godibile. Kilmer nel ruolo è giusto in fondo, il santo non è James Bond.

Siregon 1/03/10 12:42 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Si salva solo la splendida Elisabeh Shue. La regia di Noyce è piatta come al solito, Kilmer completamente fuori posto (non ha un minimo della classe di Moore), l'ironia è assente, si contano grazie al pessimo doppiaggio italiano un paio di scene comiche involontarie. Un po' di tecnologia per far vedere che il regista si tiene aggiornato, pubblicità qua e là e il prodotto è confezionato. Penosi i travestimenti del protagonista.

Zio bacco 25/09/16 14:45 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

Simon Templar è un personaggio adatto solo ai libri o, al più, a una serie televisiva. Il tentativo di imbastirne due ore di pellicola è ex ante fallimentare. Oltre a tale intrinseco peccato originario, questo film fallisce in primis perché non ne è chiaro il genere: la spy story di sottofondo è pesantemente annacquata da zuccherosi inserti in salsa rosa, peraltro in ambientazione extrastatunitense, un mix che diventa micidiale se si aggiungono gli ovvi sermoni pro America. Di rilievo certi effetti, ma scarsi i costumi e il finale. Da evitare.

Saintgifts 25/08/17 18:42 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Inizia come una favola (bambini "figli del peccato" in un istituto "religioso") per poi proseguire, nell'età adulta, come una storia che mischia politica, potere, danaro e formule che danno, a poco prezzo, il caldo a un popolo russo allo stremo. Non manca la storia d'amore che in un qualche modo redime il protagonista. Ha più il sapore di un fantasy e sotto questo aspetto lo si può accettare e godere, anche per via di comprimari che arrivano a essere divertenti, più che truci. Kilmer riesce a portare travestimenti che sfiorano il ridicolo.

Il Dandi 22/10/17 00:07 - 1851 commenti

I gusti di Il Dandi

Se solo il protagonista non si chiamasse Simon Templar, questo filmetto di spionaggio sarebbe stato dimenticato subito e non irriterebbe così tanto. Più che un film ispirato alle precedenti serie televisive è un freddo re-boot schiavo di tutto l'armamentario hi-tech che avrebbe dominato nel genere per un decennio, appesantito da trovate modeste (i "tre miracoli"). Val Kilmer è totalmente fuori parte (nel franchising 007 non si ingaggerebbe mai un non-britannico) ed è inutile farlo travestire di continuo, visto che Roger Moore non lo faceva mai.
MEMORABILE: Il prologo con Simon Templar bambino in collegio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione 124c • 15/05/09 17:48
    Risorse umane - 5156 interventi
    Da un film initile, apprezzato però da chi non conosce il telefilm tratto dai romanzi di Leslie Charteris, il viceoclip degli Orbital, come trailer.
  • Discussione Zender • 16/05/09 13:30
    Consigliere - 43744 interventi
    Dici che qualcuno lo apprezza sto film? Io vedo che l'han stroncato tutti...
  • Discussione Galbo • 16/05/09 13:41
    Gran Burattinaio - 3777 interventi
    A mio parere un film mediocre anche per chi non conosce il telefilm