Il grande cielo

Media utenti
Titolo originale: The big sky
Anno: 1952
Genere: western (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 3/05/07 11:04 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Storia di trappers, intenti fra una bisboccia e un'avventura a risalire il fiume Missouri. Ci sono i pellerossa ma loro, volponi, hanno rapito la figlia del capo... Westernone avventuroso del sommo Hawks, fra grandi paesaggi e classicità di temi. Saranno i trappers, sarà Kirk Douglas che funziona meno di altre volte, sta di fatto che nella classifica dei western di HH è in bassa posizione. Che è sempre molto più in alto di centinaia di altri registi. Circolano anche versioni colorizzate, ma voi sparate a vista.

Kowalski 18/04/10 01:56 - 40 commenti

I gusti di Kowalski

Secondo western di Hawks, a mio avviso molto sottovalutato. È la storia di una impresa eroica, ma i protagonisti sono bifolchi, ignoranti e ubriaconi, gli indiani vengono visti in una luce non negativa, quasi ad anticipare il revisionismo degli anni successivi e c'è una certa critica verso la "civiltà" dell'uomo bianco, tutte cose abbastanza insolite per il regista, che qui peraltro si autoproduceva con il suo poco fortunato studio indipendente, anche se a suo dire i tagli imposti dalla distribuzione avevano reso il film irriconoscibile.
MEMORABILE: Kirk Douglas che canta "Whiskey Leave Me Alone" (Whiskey lasciami in pace), variante di una canzone di Josef Marais, "Brandy Leave Me Alone".

Pigro 16/12/10 09:36 - 7910 commenti

I gusti di Pigro

Titolo sbagliato, perché protagonista del film è semmai "il grande fiume": quello che un gruppo di avventurieri risale su un barcone per acquistare pelli da una tribù indiana, tra difficoltà di ogni sorta. Al centro è l'indefettibile volontà dei pionieri anglo-francesi, pronti a superare gli ostacoli in nome del commercio, che lascia spazi anche all'amicizia e perfino a un amore inter-razziale, in cui i nativi sono visti senza le consuete demonizzazioni del cinema hollywoodiano. Bei momenti di azione e di complessità psicologica.

Faggi 9/08/16 14:55 - 1509 commenti

I gusti di Faggi

Un classico di grande forza visiva e narrativa, ricco di materiale umano, d'avventura, di scenari eccezionali (veri). Girato con carattere e finezze, interpretato da un ricco cast impeccabile (Douglas si dimostra davvero efficace, meritando ancora una volta la fama di grande attore), con una sceneggiatura molto bella e articolata per dar spazio a tutti i personaggi. Finale superbo, romantico senza miele gratuito (tutto il prodotto è, in fondo, ferrato di sano romanticismo western).

Saintgifts 12/04/17 10:47 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Percorrere tremila chilometri controcorrente verso nord sul Missouri è l'impresa che cacciatori di lingua francese e inglese si prefiggono per poter avere le preziose pellicce dei Piedi neri. Fuori dagli inevitabili contrasti tra bianchi (legati al commercio e al profitto), rimane l'epicità dell'avventura che Hawks dirige da vero maestro coadiuvato da una fotografia che, oltre il grande cielo, esalta la natura attraversata dal grande fiume. Non solo avventura; i caratteri più che approfonditi sono delineati con concreta "semplicità".

Daniela 26/05/17 10:49 - 9643 commenti

I gusti di Daniela

Due amici si uniscono ad altri cacciatori di pelli che risalgono il Missouri su un barcone per trattare direttamente con gli indiani senza sottostare alle imposizioni della Compagnia che detiene il monopolio di tale commercio... Meno noto di altri titoli di Hawks, ma si tratta di un bel western d'avventura, arioso come i paesaggi fluviali magnificamente fotografati in bn, in anticipo sui tempi per quanto riguarda la rappresentazione degli indiani fino ad arrivare ad un amore interrazziale. Nel cast ben assortito, Douglas è una forza della natura e Hunnicutt trova il ruolo della vita.
MEMORABILE: Pelleeossa, buffo indiano vagabondo; il racconto dell'orecchio ricucito al contrario

Rambo90 26/05/17 23:54 - 6435 commenti

I gusti di Rambo90

Western minore di Hawks ma pur sempre godibile, che ricalca in parte la struttura del Fiume rosso, col suo lungo viaggio per cercare di portare a termine un lavoro. La trama è in fondo una commistione di generi, a metà tra il serio e il meno serio, con simpatici momenti umoristici e qualcuno, discreto, di tensione. Douglas funziona bene ma tutto il cast è in parte, tra cui l'ottimo Hunnicutt. Qualche prolissità nella parte centrale, ma nel complesso buono.

Puppigallo 1/08/19 08:29 - 4525 commenti

I gusti di Puppigallo

I due protagonisti e, in parte, la pellerossa, fanno a gara a prendersi la scena; e questo giova alla pellicola, che sostenuta da un buon ritmo e vivacizzata dallo scontro privati-Compagnia, con contorno di indiani (qui più in versione pedine), fa sì che lo spettatore ne tragga beneficio. L'unico, vero punto debole è rappresentato dall'averla voluta colorare, rovinando così la naturale bellezza di alcuni scorci e rendendo improbabili certe immagini (la barca nella nebbia è quasi rosa). Comunque, nel suo genere, decisamente riuscito, grazia anche alla giusta dose di ironia.
MEMORABILE: Le zanzare "Grazie per averci creato, ma perchè dare agli uomini le mani e alle vacche la coda?"; Ciao dito; Freccia nel collo; "Scortati" dai Corvi".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Zelig46 • 1/11/12 12:26
    Galoppino - 94 interventi


    qualche souvenir dell'Academy Award


    Una delle migliori partiture di Dimitri Tiomkin e anche una delle meno conosciute, abbastanza insolita nel tema principale dove di solito Dimitri è roboante, qui invece giuoca tutto sulla tranquillità descrittiva dei paesaggi e della tranquilla vita degli Indiani nei loro territori abituali.

    assolutamente da rivalutare.

    Esistono diverse edizioni di questa colonna sonora, direi che la più apprezzabile e quella della Brigham Young Film Music Archives con 28 tracce originali.

    Un altra versione (ma compilation di 6 film) e a cura della RCA molto meno appetibile.

    Qui nella versione RCA (non originale)
    condotta da Charles Gerhardt con la
    National Philharmonic Orchestra

    http://www.youtube.com/watch?v=Y6_Jr_Y5FrA

    Buon ascolto
  • Homevideo Buiomega71 • 24/06/18 11:03
    Pianificazione e progetti - 22102 interventi
    In dvd per A&R Productions, disponibile dal 12/07/2018

    https://www.amazon.it/Grande-Cielo-Kirk-Douglas/dp/B07DV2W8Z6/ref=sr_1_91?s=dvd&ie=UTF8&qid=1529830962&sr=1-91