I due sanculotti

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Uno dei peggiori prodotti della coppia, I DUE SANCULOTTI vive di momenti veramente irritanti e di gag vetuste. Basato inizialmente sulla solita idea del sosia (Franco è fisicamente identico al fratello di Luigi XVI), il film si evolve nella consueta avventura dei due che si travestono da sanculotti, da preti, da generali dell'esercito francese e (come sempre quando mancano le idee) da donne. Succederanno ovviamente mille cose nel corso dell'avventura, si inseriranno personaggi noti e meno noti (da Robespierre alla “Primula Rossa”), ma il risultato non cambierà. Specialmente la prima parte - cioè quella ambientata nella reggia di Versailles e che vede la partecipazione attiva dell'immancabile Umberto D’Orsi nel ruolo di colui che deve...Leggi tutto istruire Franco e Ciccio alle abitudini nobili - è francamente insopportabile. L’apice si raggiunge alla festa di Corte nel giardino con Franco che sbaciucchia una donna e sbatte addosso agli alberi. Inevitabili la battuta sulla presa della “pastiglia” (“Se basta prendere una pastiglia per diventare un eroe datecene una anche a noi!” potresta Franco in galera), la presenza di Napoleone (Oreste Lionello) e le scene con la ghigliottina (divertente quando i due, diventati aiutanti dell'inventore della macchina, utilizzano delle minighigliottine per tagliare la verdura). Ancora una volta a un soggetto ipersaturo corrisponde una sceneggiatura fantasma. I due fanno quello che possono, ma non essendo nemmeno in gran forma (soprattutto Franco) non riescono a salvare il film.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 9/10/08 16:03 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Tra i migliori del celeberrimo duo siciliano. Ben scritto e diretto con la consueta perizia da Simonelli (qui al suo ultimo film), una pellicola dal buon ritmo e con tre quattro gag da ricordare. Menzione particolare per l'incontro con Napoleone, a cui uno splendido Oreste Lionello dà vita. In palla come sempre i due comici. Degli altri, da ricordare anche un magnifico Umberto D'Orsi e un esilarante Luigi Pavese. Merita una visione, almeno.

Panza 9/02/13 18:06 - 1503 commenti

I gusti di Panza

Un film in catena di montaggio alla Simoncelli: gag elementari, girandole di situazioni e travestimenti a gogo. Il marchio di fabbrica produce film come questo, difficilmente giudicabili visto che alternano momenti abbastanza divertenti a noiose parentesi. Nonostante ciò i due rimangono molto in scena e ciò permette almeno di interessarci alle divertenti situazioni (le lezioni di bon ton che ricalcano una scena de I due mafiosi contro Goldginger) e non alla rabberciata trama. Ci sono molti difetti ma per lo meno molte volte si ride di gusto.

Samuel1979 18/03/13 15:50 - 474 commenti

I gusti di Samuel1979

Fra i peggiori della coppia palermitana (se non il peggiore) e il fatto stupisce, se si pensa che il film è girato nel '66, ovvero in un periodo abbastanza fecondo per i due attori. L'ambientazione storica della "commediola" avrebbe preteso uno svolgimento più dignitoso e meglio articolato, invece il tutto si risolve banalmente, con scene imbarazzanti al limite della sopportabilità, per il sottoscritto. Da evitare.
MEMORABILE: "Una vuata mi futtisti, uara un mi futti cchiù".

B. Legnani 28/07/15 00:12 - 4781 commenti

I gusti di B. Legnani

Decoroso Franco & Ciccio, con discreto sforzo produttivo alle spalle (si pensi a costumi, cavalli e carrozze). Esistono cose scontate, ma ci sono anche molte battute che non sono prevedibili, per cui il livello è superiore alla media del duo siciliano. Da notare alcune battute piuttosto maliziose nella prima mezzora, risparmiate dalla censura dell'epoca. Scarsine le attrici, contorno di facce consuete (fra gli n.c. ci sono Andronico, Adami e Rizzo).

Markus 7/03/19 08:28 - 3330 commenti

I gusti di Markus

I tempi della Francia rivoluzionaria di fine Settecento e della Presa della Bastiglia... con Franco e Ciccio. Ultimo film di Giorgio Simonelli (deceduto nell'anno del girato), che ancora una volta impiega il duo per una serie di sketch non molto divertenti ma di indubbia efficacia scacciapensieri. Si constata una maggior cura nei costumi e nelle ambientazioni, ma tolto questo dettaglio è una pellicola complessivamente dal fiato assai corto, che può contare solamente sulle virtù delle improvvisazioni attoriali dei due.

Aal 7/02/20 14:12 - 322 commenti

I gusti di Aal

Da apprezzare lo sforzo produttivo, vista la gran quantità di personaggi e ambientazioni diverse, ma la comicità del duo qui non è efficace, messa al servizio di una sceneggiatura fallace e noiosa. Qualche buona battuta e qualche valida citazione (come la riproposizione in salsa parigina della famosa scena di richiesta informazioni in Totò, Peppino e la... malafemmina), ma spesso la banalità e la pochezza prendono il sopravvento. Apprezzabile Lionello nella parte di Napoleone. Film invecchiato malissimo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 4/06/13 19:23
    Consigliere - 43725 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Homevideo Geppo • 5/07/13 20:33
    Addetto riparazione hardware - 4019 interventi
    La rara fascetta della VHS del film "I due sanculotti" targata "Apollo Video", direttamente dalla Geppo Collection.

    Ultima modifica: 6/07/13 08:42 da Zender