LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 10/09/07 18:47 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Terence Hill è bravo e simpatico (un lord in mezzo a burini, ladri e pistoleri; e questi sono solo i suoi parenti). Come anche il capo della scalcinata banda. Ma questa farsa camuffata da western è troppo grossolana e, alla lunga, diventa ripetitiva e piuttosto scontata. Ciò non toglie che, in mezzo, ci siano momenti divertenti, ma non sono abbastanza (uno dei parenti di Terence Hill dice che lo Yorkshire che ha in braccio l'ha trovato nel bosco e che ce ne sono tanti). Vedibile e nulla più.
MEMORABILE: Il volo d'angelo del direttore del carcere; "Attento, è un visconte!"

Il Gobbo 17/08/08 19:28 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

In fondo migliore della non eccelsa reputazione che lo accompagna, carino e realizzato con professionalità, anche se un po' lunghetto, un po' stucchevole negli intermezzi sdolcinati, e con un grande attore fordiano (Carey) non troppo sfruttato. Per fortuna valentissimi caratteristi (fantastici Sal Borgese e Tony Norton bounty-killers lugubri quanto imbranati) sostengono la storia sino alla fine. Discreto.

Saintgifts 25/09/09 22:33 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

E il west finisce sulle coste dell'Adriatico con un bel tramonto, perché è li che il film è stato girato. La pellicola non è assolutamente all'altezza delle due che l'hanno preceduto e al di là di questo è proprio mediocre. Terence Hill, pur bravo, soffre della mancanza del suo compagno di sempre e qui si capisce molto bene il peso che ha sempre avuto Bud Spencer per il successo di questi western nostrani. Si aspetta la fine per vedere la trasformazione repentina dell'inglesino e per godersi la prevista scazzottata.

Cangaceiro 1/11/10 20:19 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Disarmante film che Barboni deve aver realizzato ripescando chissà quale fogliaccio dimenticato dentro un cassetto. Alla base manca una vera sceneggiatura poiché si tratta di una striminzita storiella di addestramento che diventa ripetitiva dopo 20 minuti. E dire che si sfondano le 2 ore. Hill in un ruolo diverso dal suo solito personaggio se la cavicchia, ma mai come in questo caso è abbandonato a sè stesso, essendo i suoi tutori davvero anonimi. Poca cosa Pizzuti come antagonista unico. Qui Terence cavalca una bicicletta, come farà poi in Don Matteo.

Graf 14/01/12 00:42 - 697 commenti

I gusti di Graf

Un film piccolo e nemmeno troppo divertente (nonostante lo sforzo produttivo della PEA) questo di Barboni. Una sceneggiatura stirata all’inverosimile, nessun estro comico, ispirazione a livello del mare, personaggi mal concepiti e un Terence Hill a disagio nelle vesti di un dandy inglese che, giunto nel West, subisce, dagli amici del padre, un’educazione a rovescio. Chiaramente un’operazione di riporto tesa a sfruttare il successo mondiale dei due “Trinità”. Comunque qualche risata il film la strappa, soprattutto nell'ultima mezz'ora. Per amanti del genere.
MEMORABILE: L'idea della scazzottata a due tra Terence Hill e il suo rivale in amore girata come se fosse un decisivo e risolutivo duello alla pistola.

Zardoz35 27/02/12 16:02 - 248 commenti

I gusti di Zardoz35

Tipico western stile "volemose bene": non c'è nemmeno un morto ammazzato in tutto il film, nel quale, pur fra qualche simpatica trovata, si sprofonda presto nella noia (anche vista la durata piuttosto lunga). E poi diciamo la verità, Hill senza il fido Bud Spencer perde gran parte della sua utilità. Qui lo vediamo attorniato da un gruppo di mestieranti anche bravini, ma dopo pochi minuti di visione immaginiamo già esattamente dove il film andrà a chiudere.

B. Legnani 22/04/12 01:04 - 4720 commenti

I gusti di B. Legnani

Non ha una gran fama e si capisce il perché: *½. Manca Bud Spencer e il meccanismo Hill più tre non funziona quasi per nulla, perché il personaggio del protagonista non è granché e i tre sono caratterizzati non benissimo (spicca, ovviamente, Carey). Per il resto, molta noia, causata anche da un lentisimo procedere, parentesi inutili e inutili ripetizioni. Stavolta l'incontro lacustre con Yanti Somer non è sul Treja, ma ai bacini di Plitvice.

Rigoletto 17/06/12 15:14 - 1563 commenti

I gusti di Rigoletto

Il canovaccio costruito su tre briganti che svezzano un signorino poteva anche funzionare, ma la macchina si ingolfa presto. Hill perde il suo piglio da duro stile Eastwood e rinuncia alla malizia di Trinità e Nessuno ma è decisamente fuori ruolo; i bravi attori che gli ronzano attorno lo fanno con consumato mestiere e offrono un solido apporto a un film in cui c'è poco da salvare (tranne Yanti Somer... tutta da salvare!). La regia di Barboni risulta poco convinta e poco convincente, dal ritmo blando. Bella ma inadatta la location. **1/2
MEMORABILE: Tutti gli alterchi e i duetti fra i tre fuorilegge valgono una stella in più.

Samuel1979 29/12/14 18:02 - 471 commenti

I gusti di Samuel1979

La storia non è male; anzi, le sequenze dell’addestramento iniziale offrono spunti interessanti, ma l'assenza di Spencer è per Clucher un azzardo mal ripagato, poiché Walcott non ha nulla di Spencer (se non la voce, sempre di Onorato). Le scazzottate “a salve” sono sempre presenti e vedere Hill che ogni tanto invece di darle le prende è già motivo di interesse. Sempre presente il "fido" Pizzuti e da rimarcare la prova di Dominic Barto nell'insolita parte del "buono".

Brik94 10/08/15 09:06 - 68 commenti

I gusti di Brik94

Sull'onda del successo dei Trinità, Terence Hill e Enzo Barboni di nuovo insieme realizzano questo western comico perfettamente riuscito. Terence non è né il duro Cat né lo stravagante Trinità, ma il semplice e ingenuo Tom, un signorotto inglese che invece di darle le prende fino a che i tre vecchi amici del padre, Walcott, Barto e Carey (simpaticissimi), gli insegneranno a diventare un vero cowboy e a conquistare i cuore della Somer. E poi lo chiamarono il magnifico...
MEMORABILE: Tutti i dialoghi dei tre amici di Terence; La canzone del film.

Vitgar 28/03/17 13:25 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Classico western all'italiana con Terence Hill. Manca Bud Spencer e, d'altronde, era auspicabile e prevedibile che la coppia venisse divisa prima di "scoppiare" almeno nel filone western. La mancanza di Spencer si fa senz'altro sentire e il film non ha quella brillantezza a cui eravamo abituati. Gradevole comunque, non foss'altro per la nostalgia di tempi migliori.

Rambo90 21/08/18 16:25 - 6344 commenti

I gusti di Rambo90

Atipico anche nel filone inaugurato da Clucher, molto divertente, con Terence Hill che compie una specie di percorso formativo da inglese raffinato al classico pistolero a cui siamo abituati. Si ride spesso, in realtà più per le battute dell'affiatato terzetto Carey-Walcott-Barto che per il protagonista, comunque in parte. Bella la messa in scena, molto curata, ottimi i soliti caratteristi. Ci sono solo due scazzottate tuttavia ben orchetrate, tra cui quella finale piuttosto acrobatica. Indispensabile la colonna sonora dei De Angelis.

Domila1 18/08/19 22:54 - 55 commenti

I gusti di Domila1

Insomma, non convince appieno. Manca un po’ di mordente e carattere, specie se si considera il regista in questione (Barboni), che ci ha abituato a ben altro ritmo. Molto simpatico Hill in un ruolo diverso rispetto a Trinità ma non convince Walcott in questo ruolo da simil Spencer, persino doppiato da Onorato (anzi ,durante le scazzottate da un po’di fastidio). Nota di merito a Pizzuti nel suo unico ruolo da antagonista. Troppo lungo.
MEMORABILE: Il padrone del saloon che prende ripetutamente cazzotti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Il Gobbo • 22/06/09 09:05
    Contratto a progetto - 771 interventi
    Ignobile la versione pubblicata in Italia dalla Eagle/CDE prima nel cofanetto Colt collection poi singolarmente: a parlare di riversamento di una vhs si farebbe un torto a queste ultime. Per fortuna ci pensa la Koch: l'edizione tedesca (Verflucht verdammt und Hallelujah) con italiano è quella giusta.
  • Homevideo Xtron • 5/02/12 11:59
    Servizio caffè - 1831 interventi
    L'edizione tedesca è superiore a quella italiana in tutto (digipack,formato,extra...)

    EDIZIONE ITALIANA
    Video 1.66:1
    1h59m48s



    EDIZIONE TEDESCA dal titolo Verflucht, verdammt und hallelujah!
    Video 2.35:1
    2h00m04s
    L'audio italiano è presente nonostante non sia indicato nella confezione

    Ultima modifica: 5/02/12 15:08 da Zender
  • Discussione Samuel1979 • 7/10/12 21:26
    Call center Davinotti - 2928 interventi
    Nel cast si potrebbero inserire tranquillamente Sal Borgese e Antonio Monselesan.
  • Discussione Zender • 8/10/12 08:31
    Consigliere - 43513 interventi
    Se si vuole chiedere inserimento di nomi nuovi bisogna assicurarsi che siano scritti come li scrive Imdb, in questo caso non lo sono.
  • Homevideo Rogerone • 15/10/14 16:36
    Galoppino - 178 interventi
    confermo l'ottima edizione tedesca, arrivatomi oggi dall'Amazzone, audio italiano, formato video corretto, insomma questo film l'abbiamo recuperato, grazie alla Koch.
  • Curiosità Buiomega71 • 13/05/19 18:59
    Pianificazione e progetti - 21902 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv, (sabato 31 ottobre 1987) di ...E poi lo chiamarono Il Magnifico:

    NB: Nel flanetto E.B. Clucher diventa E.B. Cluchor (!)