Decameron pie

Media utenti
Titolo originale: Virgin Territory
Anno: 2007
Genere: commedia (colore)
Note: Aka: "Angels and Virgins"; "Chasing Temptation"; "Decameron: Angels & Virgins"; "Guilty Pleasures"; "Medieval Pie - Territoires Vierges". In Italia è stato preannunciato come Il Decamerone. Frutto di una coproduzione internazionale realizzata tra Italia, Usa, Inghilterra, Francia e Lussemburgo.
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/09/08 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 3/09/08 17:17 - 3837 commenti

I gusti di Undying

Firenze (ma il Duomo è quello di Siena!): la storia d'amore tra Lorenzo de Lamberti (Hayden Christensen) e Pampinea Anastagi (Mischa Barton) è ostacolata dal ricco (quanto sadico e maleducato) Gerbino de la Ratta (udite udite: interpretato da Tim Roth). Modesto ed edulcorato, con musica pop presa dalle recenti teen comedy americane, il film fa rimpiangere i naturali "decamerotici" di stampo italiano. Nè la (bella) Canalis in un ruolo santo&sporcaccione (una suoretta ovviamente lasciva) è sufficiente a dare spessore alla misera operazione, effettuata dai produttori Dino e Martha De Laurentiis.

Manulele81 4/09/08 15:20 - 83 commenti

I gusti di Manulele81

Triste e deprimente tentativo di resuscitare il genere decamerotico, ravvivandolo coi cascami della commedia adolescenziale ma usando il Boccaccio come tranello e inanellando una serie di situazioni e scenettte che non sono nemmeno barzellette, ma timidi pruriti pecorecci. Le grazie al vento non sono nemmeno molte e le parentesi avventurose e sentimentali sono pesantissime. Fallimento su tutta la linea, con contorno di cast "eccellente" che si svende al minimo, come ha fatto anche Roberto Cavalli per i costumi.

G.Godardi 1/10/08 16:34 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Ritorno sfarzoso con budget consistente per un genere povero come il decamerotico italiano. Produzione internazionale capitanata da De Laurentiis, pare un film realizzato in due gettate: una, quella coi nomi di punta, più pulita e meno scollacciata, quasi ad ingannare gli interpreti di stare recitando per un altro film, e l'altra, quella più marcatamente decamerotica, interpretata da oscure starlette. Si ride (poco) forzatamente a denti stretti. Si salva il cotè ma è poco. E la Canalis? Solo due tette in cinque minuti di apparizione. Se questo vi basta....

Giacomovie 28/07/10 16:04 - 1357 commenti

I gusti di Giacomovie

Qual è il colmo per un film scostumato? Avere cura per i costumi. L’ambientazione storica ed un inizio educato facevano sperare in un film più decoroso, poi però la demenzialità è sconfinata in un umorismo di bassa lega. Può risultare simpatico a gruppi di amici che cercano relax dopo una serata con qualche bicchiere di troppo, per ridere con qualche battuta piccante o guardare dei fugaci nudi. Si può supporre che George Clooney lo tenga in videoteca per la scena in cui la Canalis fa vedere per 2 secondi il seno. E almeno quello è da oscar. **

Darkknight 12/11/17 20:16 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

L'atmosfera, per fotografia, location e costumi (di Roberto Cavalli) ricorda il Kenneth Branagh shakespeariano più che il decamerotico e la comicità è quella a base di doppi sensi delle commediacce alla American pie (come ben suggerisce il titolo italiano). Simpatico, solare e fiabesco, ma manca la pecoreccia sguaiatezza dei decamerotici nostrani. Con un simile sfarzo e data la presenza di combattimenti, tanto valeva fare un cappa e spada serio o un fantasy alla Ladyhawke.
MEMORABILE: Le location.

Teopanda 27/11/20 10:15 - 22 commenti

I gusti di Teopanda

Film che prova ad unire il Decameron di Boccaccio con le moderne “commedie sporcaccione”. Si divide in due parti: la prima è un po' più solida, con il protagonista che si deve rifugiare in un convento di suore per sfuggire a Gerbino Della Ratta, promesso sposo della sua amata (Poppea). L’altra parte del film è costituita dai ragazzi che si devono recare al matrimonio di Poppea: una storia sconclusionata e diretta male. I costumi, sorprendentemente, rasentano una certa accuratezza storica, mentre le musiche scelte sono anacronistiche (a dir poco) ma funzionano bene in un film simile.

Hayden Christensen HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 19/12/08 23:06
    Scrivano - 7626 interventi
    Dal 14 Gennaio 2009 sugli scaffali (anche in Blu-Ray Disc) grazie alla Eagle Pictures.