Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL RITRATTO DI JENNIE

All'interno del forum, per questo film:
Il ritratto di Jennie
Titolo originale:Portrait of Jennie
Dati:Anno: 1949Genere: fantastico (bianco e nero)
Regia:William Dieterle
Cast:Joseph Cotten, Jennifer Jones, Ethel Barrymore, Cecil Kellaway, Lillian Gish, Anne Francis
Visite:667
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/7/07 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 29/7/07 9:48 - 5737 commenti

Fiabesco, romantico, surreale ed inquietante, fotografato in un bianco e nero squarciato dall’esplosione del technicolor nel finale. Una storia di amour fou che trascende le coordinate spazio-temporali, con protagonisti l’umile ed ingenuo Cotten e l’inafferrabile Jennifer Jones diretti da un maestro del fantastico come Dieterle.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 6/2/08 18:36 - 7325 commenti

Notevole film fantastico che resta impresso nella memoria non tanto per la storia che racconta, quanto per lo stile sperimentale del regista (con tanto di finale a colori) e soprattutto per il prodigioso lavoro del direttore della fotografia che riesce a dar vita ad un clima onirico ed allo stesso tempo inquietante, davvero riuscito.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 11/5/13 14:14 - 8940 commenti

Pittore povero e pieno di dubbi circa la propria vocazione artistica incontra una strana fanciulla, se ne innamora e le fa un ritratto, a poco a poco ne scopre il segreto... Fra fantastico e thriller psicologico, un film fra i più romantici mai apparsi sullo schermo, in cui i protagonisti, divisi dal tempo e dalla morte. si incontrano in una dimensione onirica. Suggestiva la fotografia che li avvolge nella nebbia e negli aloni di luce, audaci i cromatismi che accendono il bianco e nero nelle sequenze finali. Insuccesso commerciale, ebbe ammiratori illustri e venne adorato dai surrealisti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sequenza della tempesta, con l'onda che si abbatte sull'isolotto su cui sorge il faro - Cotten all'interno del faro, con la scala a chiocciola.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 15/3/16 11:09 - 2087 commenti

Adorato da generazioni di registi, un gioiello cinefilo in cui la perizia tecnica - fotografia di Joseph H. August e special fx di Clarence Slifer - trasfigura il girato in prodigio immaginifico. Nutrito di idealismo romantico, vede nell'artista un costruttore di mondi elaborati in un non-luogo e in un non-tempo, un demiurgo che raccoglie tracce del passato e presagi futuri, diluisce la veglia nel sogno smascherando l'artificiosità del reale. Lo sconfinamento nel colore è in questo senso il superamento di un limite - tecnico, linguistico, semantico - che conduce al compimento dell'opera.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 13/5/20 17:08 - 3236 commenti

Magica storia sospesa nel tempo che offre una delle più mirabili, anche nella semplicità dell'esposizione, analisi del tema della bellezza nella vita di un artista. Senza gli eccessi del melodramma e la logica ferrea dei film sui paradossi temporali, una pellicola tutta atmosfere e sensazioni, volti in penombra e paesaggi irreali anche quando ripresi del vero. Prefinale Sturm und Drang potente ma stridente, così come l'appeal sin troppo terreno della Jones, ma si tratta di peccati veniali, che peraltro incrementano il fascino straniante del film.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Saintgifts 26/5/13 0:01 - 4099 commenti

Inutile porsi domande e cercare una seppur minima logica sul perché del ritorno di Jennie, prima bambina, poi giovane donna. O forse nemmeno è tornata, nemmeno è esistita se non nella mente di Eben, pittore senza ispirazione. L'ispirazione è venuta da quella sciarpa trovata sulla panchina del parco, o veramente Eben ha incontrato l'amore nel freddo inverno newyorkese? Più che romantico, inquietante. Lo skyline di New York è in forte contrasto con la storia che vince lo spazio temporale, il mare in burrasca riporta la calma e il ritratto è lì.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Myvincent 10/5/20 8:06 - 2469 commenti

Pellicola di genere fantastico, ricorda un po' "Cime tempestose" per le atmosfere incantate che spesso travalicano il senso del reale. C'è un pittore sognatore e infelice che non sa trovare la sua strada artistica e che poi incontra una modella "astratta". Il film utilizza molte simbologie e può definirsi una sorta di favola a occhi aperti che non lesina momenti di pura emozione interiore.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Stefania 14/4/11 3:26 - 1600 commenti

Finissimo. Le dimensioni della realtà e del sogno, del passato e del presente, dell'amore e della morte, legate dai serici, invisibili fili della creazione artistica. E' una ghost story e una love story tra Eben, pittore in cerca di ispirazione, e Jennie, inafferrabile musa, donna che visse due volte, nella verità del mondo e nella finzione dell'arte. Ma, nel film di Dieterle, il mondo reale ha i contorni sfumati, di nebbia e di ombra, di un sogno impreciso, e il ritratto di Jennie ha una plasticità smagliante, di colori vividi... "bellezza è verità, verità è bellezza".

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: C'è un ritratto, una donna che visse due volte, la vertigine di una scala a chiocciola: Bunuel amava questo film, ma lo amava anche Hitchcock...
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Faggi 22/5/20 12:26 - 1457 commenti

In una New York idealizzata... Dall'inverno nevoso e brumoso alla primavera squisita... Infine virando verso la costa, per evocare una tempesta metafisica. Dieterle, qui, sa davvero come ammaliare. Echi ambigui dislocano nel surreale e nel fantasmatico. Romanticismo e onironautica, in bianco e nero espressivo, a grana fine, ora netto e contrastato ora velato di strani vapori - poi misteriose accensioni cromatiche nella parte finale. Toccate da naturalismo e misticismo le interpretazioni dei due protagonisti. Film per fantasticare con grazia.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)