Cerca per genere
Attori/registi più presenti

E JOHNNY PRESE IL FUCILE

All'interno del forum, per questo film:
E Johnny prese il fucile
Titolo originale:Johnny got his gun
Dati:Anno: 1971Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Dalton Trumbo
Cast:Timothy Bottoms, Don Red Barry, Craig Bovia, Peter Brocco, Eric Christmas, Dulton Trumbo, Robert Easton, Kendell Clarke, Kathy Fields
Visite:730
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/12/07 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 1/5/15 14:07 - 2259 commenti

Di là dell’antimilitarismo che ammanta il film, a magnetizzare è il crossfade tra eidesis e paramnesia, miraggio e memento, fantasticheria e desiderio di una realtà reinventata da ricorsioni combinantesi come un rubikiano e kubrickiano cubo, in onironautiche rimpallanti il cinema più visionario e surreale, e confinanti lo sguardo in una plastica psico-architettura, dove la privazione genera propaggini e l’immobilità fa cadere concentriche tessere di un domino mentale. Trumbo cova un uovo filmico dove il tuorlo della classicità e la chiara avant-garde danno corpo a uno zabaione ultra-proteico.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 28/12/07 15:29 - 6880 commenti

Estremo, angosciante, disturbante ed intenso film drammatico che è un chiarissimo attacco alla follia ed alla crudeltà della guerra, incarnate perfettamente dal personaggio-vittima di Johnny. L’ex sceneggiatore Trumbo, passato dietro alla mdp, ci regala un film molto personale e difficile, forse non per tutti i gusti, ma certamente necessario per capire qualcosa in più sulla natura dell’uomo e dei conflitti bellici. Stonati e poco intonati al registro stilistico del film gli inserti onirici, a colori, che seguono le fantasie di Johnny.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 13/12/08 13:43 - 3081 commenti

Bellissimo film antimilitarista che accusa gli orrori della guerra in maniera credibile e dolorosa, mostrando le tragiche sorti di un mutilato del primo conflitto mondiale. La narrazione alterna la vicenda del povero Joe in ospedale con le immagini dei suoi ricordi e dei suoi sogni. La prima componente è le migliore: fredda, realistica e straziante; la seconda, pur se assolutamente necessaria, spesso risulta esagerata e troppo tirata per le lunghe. Cast e fotografia di buon livello. Finale molto crudele. Non perfetto ma da non perdere.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Nando 21/2/19 16:31 - 3264 commenti

Indubbiamente una pellicola straniante e particolare che condanna la Prima Guerra Mondiale in modo poco convenzionale e con una doppia narrazione che spazia tra bianco e nero e colore. Importanti le elucubrazioni del protagonista mentre si trova relegato nel letto/prigione del nosocomio, più leggere le immagini a colori in cui il protagonista ricorda e parla con Gesù e non solo. Da vedere ma forse ci si aspettava un impatto diverso.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Minitina80 18/7/17 16:47 - 1928 commenti

Un’opera molto personale che suscita un senso di estraniazione e impotenza a causa dell’inumana vicenda di Joe. Pietismo e rabbia si mischiano generando una combinazione di sensazioni contrastanti, interrotte soltanto dagli intermezzi surreali in cui si intravede Donald Sutherland nei panni di Gesù Cristo. Non esiste incubo peggiore di una mente lucida imprigionata in un corpo infermo privato dei cinque sensi e in alcuni frangenti Trumbo rende bene il concetto. Indubbiamente particolare, oltre che estremo, ma meritevole di attenzione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Non ho più niente, sono solo un pezzo di carne che continua a vivere.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Luchi78 13/4/11 12:12 - 1521 commenti

Angosciante e antimilitarista fino all'osso, uscì non casualmente in un periodo storico in cui l'America soffriva particolarmente la protesta anti-interventista in Vietnam. Ottima la scelta stilistica del b/n nelle scene "reali", nascondendo sempre gli orrori corporali sulla vittima ottenendo allo stesso tempo un effetto-tensione amplificato sullo spettatore. Unica pecca, le prolungate visioni oniriche (a colori) a volte ridondanti. Comunque assolutamente da vedere.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Almicione 3/3/16 2:34 - 765 commenti

Inaspettato, ha potenziale. Ci si possono ritrovare Otto e mezzo e Lynch, soprattutto l'incomunicabilità di Eraserhead. La critica al sistema militare, alle ultrapotenze e a un'ottica sfruttatrice delle giovani anime è palese, ma l'aspetto precipuo è senza dubbio quello psicologico, di un paziente che si ritrova in una condizione straziante e straziata. In realtà la prima parte, con quell'atmosfera onirica suggerita dalla fotografia, può non entrare nelle buone grazie dello spettatore, ma quella finale, molto emozionante, merita di essere ricordata notevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il modo in cui riescono a comunicare Joe e l'infermiera.
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Bubobubo 12/1/19 19:19 - 763 commenti

Un film più importante (anche per il côté autoriale e la storia della sua realizzazione) e significativo (per i tempi in cui uscì) che veramente bello. In particolare la parte centrale, in cui il povero Johnny rievoca la sua vita da normodotato in compagnia dei propri cari e della fidanzata, difetta terribilmente di ritmo. Insuperabile come manifesto simbolico: oltre che baluardo antimilitarista, solleva importanti (e ancora irrisolte) questioni bioetiche.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale, unico momento realmente straziante.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Alex1988 6/7/18 18:29 - 504 commenti

Uno di quei film che andrebbero fatti vedere ai ragazzi delle scuole perché capiscano l'idiozia dei loro governanti che vogliono mandarli a morire inutilmente; Dalton Trumbo, anche autore del romanzo, alla sua unica opera cinematografica, riesce a mettere in mostra l'orrore bellico senza mostrare nemmeno uno sparo, alternando flashback e incubi a colori al presente in bianco e nero. Gran premio della Giuria a Cannes.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Polato m. 7/2/16 8:30 - 7 commenti

Grandissimo esempio di film concettuale contro la guerra. Scritto, sceneggiato e diretto dallo stesso Dalton Trumbo (attore del libro) è un film che ti prende e ti sconquassa l'animo con un mix di bianco nero (per il presente) e colore (per i ricordi). Il presente è drammatico, i ricordi si tramutano in un miscuglio onirico di solitudine e tristezza. Menzione d'onore agli attori.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gesù che cerca di convincere Joe che è tutto un sogno.
I gusti di Polato m. (Animazione - Comico - Fantascienza)