Cerca per genere
Attori/registi più presenti

NAPOLETANI A MILANO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/8/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 10/8/07 0:14 - 4437 commenti

Interessante, non indimenticabile. Vedere Eduardo De Filippo è sempre una festa per gli occhi e per la mente. Ciò vale nella prima parte del film, quando le cose funzionano bene, ma vale pure nella seconda, quando la retorica purtroppo diventa non trascurabile ed inficia il risultato finale, comunque gradevole. Per impersonare l’ingegnere del Nord, ben lontano da Napoli, sono andati addirittura a prendere Frank Latimore, dal Connecticut…

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inaugurazione "garibaldina"...
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Pigro 24/7/08 9:58 - 7282 commenti

Da Napoli a Milano per chiedere astutamente denaro, poveracci ricevono non soldi ma offerte di lavoro, subito accettate. Il film ha due grandi pregi. Il primo è quello di riuscire a rappresentare le due città a pochi anni dalla fine della guerra e lo slancio economico con connesse questioni (tuttora aperte) di carattere sociale (immigrazione e integrazione), nonché un’inedita fotografia della fabbrica e del rapporto operai-padroni. Secondo pregio: è una bella storia tipicamente eduardiana, un apologo morale travestito da paradosso partenopeo.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 21/7/08 23:22 - 4320 commenti

Commedia agrodolce (più dolce che agro) con un Eduardo De Filippo istrione, che con la sua bravura oscura il resto della comitiva attorica, a parte il suo amico Milanese, che quando parla in dialetto è davvero notevole. La sceneggiatura è buona e i napoletani che, all'inizio, sembrano quasi degli alieni, creano molte situazioni divertenti, nonostante i luoghi comuni (nessuno crede che vogliano lavorare). Verso la fine perde qualche colpo e si esagera un po' (le chiamate in tutto il mondo ai parenti), ma resta piacevole e piuttosto originale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Eduardo De Filippo al gruppo di napoletani: "Qui ci danno un lavoro vero. E' possibile che si mangi tutti i giorni".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Renato 10/2/10 16:40 - 1495 commenti

Pensavo meglio, dal ricordo di una visione parziale di circa dieci anni fa. La regìa di De Filippo è un po' grezza, ed il carico di luoghi comuni è tale che ha finito per rovinare almeno in parte il film. Ci sono i soliti napoletani truffaldini ma dal cuore d'oro ed i soliti milanesi che pensano solo a laurà, detto in poche parole. E la storia romantica a latere tra l'ingegnere meneghino e la commessa napoletana è dimenticabilissima. Particina per Alessandro Tedeschi.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Gugly 23/7/08 17:07 - 971 commenti

Non mi ha convinto: a Napoli si direbbe che è troppo lasco, ovvero allungato, slavato... Certo ci sono molti spunti eduardiani (addirittura il protagonista si fa chiamare sindaco del rione) e ogni volta che il protagonista è in scena è sempre un bel vedere ed un bel sentire (la tirata sui luoghi comuni); però rispetto ai lavori teatrali mi sembra che manchi di incisività, vuoi per la voce narrante fuori campo, vuoi per l'eccessiva coralità. Minore.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Mco 23/10/17 11:33 - 2066 commenti

Affresco sulla realtà milanese del secondo dopoguerra, con un tentativo (più che riuscito) di sfatare i fastidiosi luoghi comuni che da sempre contraddistinguono il Belpaese. L'intelligenza di De Filippo può riassumersi nella sua ideale linea di congiunzione tra nord e sud, sostituendo i tram ai treni. C'è anche la componente sentimentale, l'amore che sboccia fregandosene dei pregiudizi e ovviamente c'è una dura rappresentazione delle condizioni di vita tutt'altro che agevoli degli immigrati napoletani. Immarcescibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il (finto) pianto dei (finti) parenti delle vittime del crollo della casa.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Rambo90 14/10/14 23:27 - 5778 commenti

Un film sorprendente, dove Eduardo riesce a smarcarsi benissimo dall'origine teatrale delle sue altre pellicole, con una regia davvero buona e una storia sempre in bilico tra il farsesco e l'amaro. Lui si ritaglia un ruolo su misura per le sue eccezionali doti d'istrione ed è azzeccata la mossa di reclutare molti attori non professionisti per le parti di contorno. Notevole anche la morale (in fondo la stessa del fenomeno Benvenuti al Sud ma 50 anni prima).
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pessoa 13/12/16 10:02 - 1003 commenti

Gran bella favola di Eduardo che si diverte a frantumare i luoghi comuni fra Sud e Nord con interessanti quadretti sociali. Certo, per rendere il tema universale bisognerebbe decontestualizzarlo, operazione in questo film non sempre facile visto l'uso abbondante di stereotipi ormai superati. Rimangono comunque messaggi forti che restano credibili anche sullo schermo e l'ennesima grande prova di attore di Eduardo. Bravi anche la Ferrero, Sanipoli e Frank Latimore, che si era già distinto in Core 'ngrato di Brignone. Vale la pena!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La mimica facciale di Eduardo.
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Enricottta 11/9/09 15:16 - 507 commenti

Eduardo De Filippo alla regia e attore di un film molto caruccio, un po' prolisso (difetto di un teatrante quale Eduardo) ma di sicuro effetto. La storia potrebbe essere benissimo dei giorni nostri, la morale sempre presente nei lavori di De Filippo è consolante. Fa molto piacere vedere un Eduardo molto energico e risoluto, che domina tutto e tutti. Sanipoli è giusto. Frank Latimore from Darien, Connecticut, Usa, perché nell'opera "De pretore Vincenzo" DIO parla italiano, quindi, un milanese deve essere americano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Eduardo non riesce ad acclimatarsi e continua a lamentarsi per il freddo.
I gusti di Enricottta (Erotico - Giallo - Musicale)

Buck ii 9/7/10 10:25 - 55 commenti

Se nel 1861 l'unità di Italia era compiuta (De Filippo lo ricorda con la famosa casa dove soggiornò Garibaldi), circa cento anni dopo si potevano ancora delineare profonde differenze tra un nord industrializzato e un sud che faceva fatica a decollare. Anni cinquanta, boom economico ed emigrazione tentavano di sollevare il paese e le persone da una instabilità galoppante. I protagonisti della pellicola capeggiati da un monumentale De Filippo ci fanno immergere in quello spaccato storico diffice, reale e tuttora ancora presente. Neorealismo puro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il gruppone di finti parenti delle vittime in marcia dalla stazione centrale di Milano verso la sede della società milanese.
I gusti di Buck ii (Erotico - Musicale - Western)