Cerca per genere
Attori/registi più presenti

MODALITà AEREO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/2/19 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 23/2/19
La centralità del telefono cellulare nel mondo di oggi è assodata: per la maggior parte di noi rappresenta il maggior contenitore di informazioni private e perderlo significa molto più che dover ricomprare un oggetto dal costo non certo irrisorio. Quando il ricco Diego Gardini (Ruffini) dimentica il suo nella toilette dell'aeroporto dopo aver battibeccato coi due inservienti lì incontrati non sa ancora cosa questo significhi. Prende l'aereo per Sidney e in volo si accorge di non averlo più con sé. Disastro: niente carte di credito, niente soldi, nessun numero di telefono da chiamare (mica come un tempo che li si ricordava a memoria) tranne quello della ex moglie che risponde per chiudere la comunicazione un secondo dopo. E non è ancora questo il peggio, perché Ivano (Lilllo) e Sabino (Abbrescia), i due inservienti, decidono di vendicarsi e utilizzando le sue credenziali e la sua "firma" twittano e ritwittano sui social messaggi offensivi nei confronti di chiunque a cominciare dagli australiani; tanto che quando Gardini sbarca a Sydney viene ricoperto di insulti da chi incontra e ha letto le frasi ingiuriose a lui attribuite, diffuse nel mondo in un attimo. L'unica persona a consolarlo è la bella hostess (Placido) con cui aveva avuto a che ridire in aereo ma che nel suo percorso verso l'inevitabile ammorbidimento di un carattere fastidiosamente altezzoso inizia ad apprezzare. Nel frattempo in Italia i soci e dirigenti di Gardini approfittano della situazione per cercare di venderne sottobanco la ricca azienda vinicola. Tornato in patria, lo sfortunato vip capirà che conviene allearsi con Ivano e Sabino, piuttosto che fargliela pagare. La prima parte, con i due poveri inservienti impegnati a vivere da ricchi e Ivano che incontra il suo idolo di sempre Sabrina Salerno (con la quale sale sul palco di una discoteca a cantare l'inno eighties "Boys") ha ritmo incerto ma ottimi momenti di comicità. Se Ruffini è poco attore e nemmeno può sfruttare l'innata simpatia dal momento che il personaggio di Gardini risulta giocoforza antipatico, Lillo si rivela al contrario mattatore come nelle migliori occasioni, spalleggiato con bravura da Abbrescia e a casa snobbato da una Caterina Guzzanti che si conferma comica di razza ancora una volta sottoutilizzata. La scrittura di Brizzi è quella dei tempi buoni e i momenti divertenti non mancano. Anche nella seconda parte (che comprende uno spassoso, lungo incontro con i giapponesi giunti per comprare l'azienda) a dire il vero il film non cede affatto e anzi rilancia, ravvivato saltuariamente da inaspettati intermezzi musicali ("In ginocchio da te" di Morandi, "Amico è" di Baldan Bembo) che cantati e danzati da Lillo si traformano in una spassosa parodia dei musicarelli di un tempo. Insomma, il film ogni tanto s'inceppa (soprattutto nelle parti con Ruffini) ma spesso diverte. Lascia intravedere i limiti di una confezione piuttosto povera ma come commedia disimpegnata funziona, anche quando s'inventa strambe gag come quella del presepe fatto coi Playmobil. L'atmosfera natalizia si avverte poco, la trasferta australiana è artificiale e priva di veri scorci della Capitale, le figure ai margini sono disegnate sommariamente tranne nel caso della Placido. Eppure il tocco di un Brizzi che da tempo sembrava arenato in una palude dov'era affogato l'estro, finalmente si ritrova; e ci accompagna verso un finale goffamente moraleggiante ma risolto in fretta ed efficace.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Markus 25/2/19 8:16 - 2792 commenti

La vita di un ricco strafottente con il prossimo viene compromessa per aver dimenticato il suo smartphone nel bagno di un aeroporto, che capita nelle mani di due addetti alle pulizie. Ritorno in grande stile per Fausto Brizzi, che dopo il fango mediatico della faccenda #metoo (risoltasi... in niente) riesce, con mestiere, a divertire senza mai sbracare in volgarità. La coppia Lillo/Abbrescia funziona molto bene e sostiene il ruolo antipatico dato a Ruffini. La Placido, pur in una parte minore, si ritaglia il suo spazio. Qualche momento canoro.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Rambo90 22/2/19 1:48 - 5627 commenti

Il ritorno di Brizzi dietro la macchina da presa è una specie di clone non dichiarato di Filofax, con un cellulare al posto dell'agenda. Ma la promettente idea iniziale rimane su carta, perché invece di scatenarsi in peripezie comiche il film procede tra alti e bassi, scegliendo spesso la strada di un sentimentalismo spicciolo e posticcio. Se all'inizio ci si annoia un po', si va meglio quando la coppia Lillo-Abbrescia si riunisce a Ruffini, con qualche gag assurda ma almeno simpatica. Brava la Placido.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Gabrius79 12/3/19 13:05 - 1089 commenti

Fausto Brizzi confeziona una piacevole e disimpegnata commedia sorretta da un cast che funziona piuttosto bene grazie a Lillo (spalleggiato da un buon Abbrescia), alle ottime Placido e Guzzanti (quest'ultima forse andava utilizzata di più) e a un Ruffini meno sbracato del solito. Non mancano i momenti divertenti a tratti intervallati da insoliti momenti più zuccherosi. Ritmi abbastanza sostenuti seppur con qualche fase calante (spesso durante la presenza di Ruffini).
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Graf 4/3/19 1:48 - 620 commenti

Piacevolissima fiaba moderna nella quale l’arrogante industriale del vino Diego Gardini, perdendo il suo posto da amministratore delegato e finendo sul lastrico a causa di una catena di guai innescati dalla smarrimento del suo telefonino, si riscatta moralmente diventando generoso nei confronti del prossimo e di suo figlio. In filigrana, la trama del film replica il malessere morale del regista causato dei suoi noti guai giudiziari finiti in un bolla di sapone. Tocco leggero, gang riuscite, recitazione brillante, comicità e sentimento ben amalgamati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Acuta e sottile la recitazione di Violante Placido nel ruolo dell'hostess che riesce con furbizia tutta femminile a tenere testa al borioso Gardini.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)