Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL TETTO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/1/12 DAL BENEMERITO ROGER

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Markus
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Minitina80
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Roger


ORDINA COMMENTI PER:

Markus 30/7/14 9:59 - 2830 commenti

Pellicola annoverabile come uno degli ultimi scampoli del cosiddetto "neorealismo". Pur con qualche enfatizzazione sentimentale (peraltro tipica del cinema di De Sica), il film fotografa drammi e speranze di una giovane coppia di sposini nella Roma che allora si stava espandendo a macchia d'olio con i quartieri-dormitorio (per la classe media) e di baracche (per i meno abbienti). Le disgrazie di una vita grama, certo, ma anche la fiera dignità della miseria (che lascia spazio a prospettive future). Ottimo uso delle location.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Minitina80 5/1/18 12:41 - 1964 commenti

Per il tema affrontato l’opera si potrebbe tranquillamente collocare nel filone neorealista, anche se i toni non sono più quelli di Umberto D. o Ladri di biciclette. Mentre sullo sfondo si consuma il dramma della questione abitativa, in primo piano i protagonisti sembrano viaggiare su un binario differente, carico di una vena emotiva il cui taglio poco si addice alla disperazione di chi è in cerca di una baracca in cui vivere. Mancano quella profondità e quel cinismo che alleggeriscono l’analisi sociologica a un semplice resoconto del periodo.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Roger  1/1/12 23:38 - 143 commenti

Un film tardo-neorealista che ha il merito di illustrare un'Italia povera alla soglia del boom economico, ma anche il difetto di trovare una facile soluzione in un'eccessivo buonismo, soprattutto nel finale. Indovinata comunque la scelta di ricorrere a molti attori non professionisti
I gusti di Roger (Comico - Commedia - Drammatico)