LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 24/06/07 18:45 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Il versatile ed elegante Paolella firma un poliziesco durissimo e secco, crudissimo e compatto, dando finalmente anche a Bologna la chance di un'apparizione nella geografia delle nostre città violente (a Firenze niente, sigh!). Mezzogiorno, "faccia" che avrebbe potuto dare di più al genere, è uno dei più trucibaldi cattivi nel filone; non mancano poi gustosi personaggi di contorno (il "tunisino" di Nello Pazzafini, con la sua ormai storica metafora sulla legge "come la minchia"). Notevole il durissimo finale. Classico.

G.Godardi 25/06/07 16:32 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Paolella, regista da rivalutare, confeziona l'unico poliziottesco ambientato a Bologna. Titolo che per chi è bolognese come me aveva assunto ormai lo statuto di leggenda, essendo rimasto invisibile per anni. Al di là della storia, il vero ostacolo da superare per un film del genere qui ambientato è l'assetto urbano della città, che mal si presta ad essere filmato in inseguimenti. Perciò Paolella si deve accontentare dei viali e delle strade di periferia, raggiungendo spesso effetti surreali creati dal montaggio. Ad ogni modo è un poliziottesco dignitoso.
MEMORABILE: Alcune surrrealtà: la squadra speciale che esce dalla montagnola! Il lungo inseguimento su per il "meloncello" che di colpo finisce dall'altra città!

B. Legnani 14/07/07 00:13 - 4674 commenti

I gusti di B. Legnani

Felsineamente incongruo (puttane pomeridiane alla Montagnola?). Forse Paolella non amava il genere o non aveva mezzi. Un "tòpos fondamentale", l’inseguimento, non è convincente, con rifugio in tentativi di virtuosismi motociclistici e soluzioni… perplimenti. Indimenticabile il linciaggio davanti a S. Stefano. Sproporzionato, con una buona metà fatta di fretta, con banalità (telefonatissima la vicenda ospedaliera), con stonature (lo Stadio), ma con un paio d’ottime frecce nella mezzora finale. Spiccano solo i lombrosiani Mezzogiorno e Pazzafini.

Homesick 12/03/08 18:56 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Poliziesco di routine, che si distingue tuttavia per l'ambientazione in un'insolita "Bologna violenta", per qualche omicidio truculento dai richiami argentiani, per l'evirazione di Pazzafini e per il grandioso finale. La vicenda si riduce presto ad uno scontro personale fra il commissario di ferro di turno - il consumato e coriaceo Bozzuffi - e l'imprendibile malvivente ritratto dal ghigno fastidioso e beffardo del versatile Mezzogiorno.
MEMORABILE: La legge secondo Pazzafini. Il bambino sull'autobus che nota la pistola di Salvino.

Saintgifts 18/03/15 18:13 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

I famosi portici di Bologna (qui quello da Guinnes dei primati che porta a San Luca) usati per spettacolari inseguimenti da far invidia a quelli sulle strade di San Francisco. Questa una delle peculiarità del film, ma ce ne sono altre che rendono questo poliziesco interessante. I particolari sono molto marcati e precisi, in alcuni casi ingenui: i caschi gialli dei poliziotti, riconoscibilissimi, oppure la mise di Mezzogiorno, sempre quella, adatta a un play boy tamarro più che a uno spietato assassino. Originale e realizzato niente male.

Daidae 6/02/09 19:11 - 2720 commenti

I gusti di Daidae

Bellissimo poliziesco all'italiana. Il commissario di ferro interpretato dal grande Bozzuffi tenta di catturare Valli (Mezzogiorno), un feroce bandito che gestisce un giro di estorsioni; per far questo chiede e ottiene una squadra speciale. Ci sono azione, sparatorie, esplosioni e tanta adrenalina fino alla fine. Consigliatissimo se amate il poliziesco all'italiana Anni Settanta.
MEMORABILE: La legge di Pazzafini. Le botte dopo il "viaggio" in autobus.

Cotola 14/04/09 23:01 - 7404 commenti

I gusti di Cotola

Discreto poliziottesco italiano che si distingue dalla massa grigia e anonima delle tante pellicole d'epoca appartenenti a quel genere. Il merito è di un insieme ben riuscito di diversi elementi che contribuiscono a farne una pellicola gradevole: la buona regia di Paolella, la discreta sceneggiatura (dello stesso regista e di Dardano Sacchetti) e la bella colonna sonora firmata da Stelvio Cipriani.

Pessoa 21/12/18 08:55 - 1093 commenti

I gusti di Pessoa

Poliziottesco di insolita ambientazione bolognese per Paolella, che mette a buon frutto un bel copione di Sacchetti regalandogli ritmo e plausibilità. Mezzogiorno e Bozzuffi, attori per tutte le stagioni, tengono al meglio il proprio ruolo senza eccedere in istrionismi. Buona prova anche di Pazzafini in un ruolo non secondario. Belle scene d'azione e qualche spennellata di gore per un film che si pone un gradiono più in alto della maggior parte delle pellicole coeve. Una visione piacevole anche per chi non ama particolarmente il genere.
MEMORABILE: La misurata prova d'attore di Mezzogiorno, il migliore del cast.

Bruce 2/03/10 17:14 - 1000 commenti

I gusti di Bruce

Esemplare poliziesco d'azione, girato a Bologna su soggetto e sceneggiatura di Sacchetti e con due validissimi protagonisti contrapposti: Marcel Bozzuffi commissario e Vittorio Mezzogiorno spietato e feroce criminale. Non manca nulla: tensione, ritmo, inseguimenti, botte, sparatorie ed esplosioni; la trama regge, la violenza dilaga sino all'ultimo. Quasi un manifesto del genere. Da non perdere.

Nando 18/04/10 04:02 - 3454 commenti

I gusti di Nando

Ennesimo film di genere che ha la capacità di mostrare un nuovo cattivo da scofiggere. Il personaggio Valli, interpretato dal giovane e compianto Mezzogiorno, rappresenta una delle figure più turpi dei nemici della Polizia; costui, privo di amici e diffidente dei compari di malefatte, vaga e colpisce negozianti colpevoli di non pagare la protezione. Risibile la figura del Commissario interpretata da un Bozzuffi monotematico.

Manfrin 29/01/11 20:43 - 323 commenti

I gusti di Manfrin

Discreto "poliziottesco" che tratta delle estorsioni compiute dal cattivo Mezzogiorno, che porta lo stesso giubbetto bianco per tutta la durata del film. Ottimo Bozzuffi. Forse gli attentati sono un po' troppo sanguinosi ma la trama scorre compiutamente con un finale spietato, forse liberatorio.

Deepred89 2/02/11 19:37 - 3257 commenti

I gusti di Deepred89

Poliziottesco con i suoi pro e i suoi contro. I pro: una trama che bene o male coinvolge, qualche sequenza riuscita, un discreto cast, una colonna sonora orecchiabilissima. I lati negativi non sono altro che l'altra faccia di quelli positivi e si fanno sentire: un impianto narrativo decisamente semplice e scontato, regia e montaggio rozzi e frettolosi, due protagonisti che, per quanto bravi, non incidono, il suddetto score (di Cipriani) che purtroppo si adatta malissimo alle scene d'azione. Sufficienza piena ma non abbondante.

Pussycat 13/03/11 16:51 - 6 commenti

I gusti di Pussycat

Stavolta tocca a Bologna Violenta. Sotto le due Torri assistiamo alla sfida tra il feroce e psicotico Valli (Mezzogiorno) e un nuovo Commissario di ferro (Bozzuffi) con la vita privata distrutta e velleità di formare una super-squadra anticrimine. Alla fine otterrà carta bianca dai superiori ottusi, ma stavolta la giustizia sarà amministrata da altri... Buon film di genere, anche se non mancano le forzature e le ingenuità, specie nelle scene acrobatiche. Pazzafini evirato e il finale i momenti migliori.

Fauno 7/04/11 11:26 - 1900 commenti

I gusti di Fauno

Risultato catastrofico e non tanto perché il genere poliziottesco sia al crepuscolo (di lì a poco sarebbero scaturite altre perle, più orientate sul politico), quanto perché è palese la scopiazzatura da diversi altri autori, con una spizzicata di tanta violenza gratuita che rasenta lo splatter. Giocata malissimo la carta del Mezzogiorno amicone spiritoso che si trasforma in killer efferato. Dovrebbe soccorrere la scena finale, tutto sommato girata bene, ma pure quella è copiata da altri due film nettissimamente superiori.
MEMORABILE: La legge è come la minchia... si allunga e si ritrae a seconda della convenienza.

Trivex 26/04/11 10:21 - 1474 commenti

I gusti di Trivex

Cinico e realistico nella prima parte, si liquefa nell'improbabile quando compaiono le brigate speciali in motoretta. I vili attentati sono girati con estro, alimentati dalla discreta tensione del diabolico marchingegno esplosivo, con le vittime innocenti massacrate in parallelo al sorriso del bastardo psicopatico. Paolella non eccede nell'estremo e, pur mostrando un po' di sangue, non riesce ad ottenere quel buio disperato di altri prodotti più riusciti (vedi Roma violenta). Il finale è uno sputo di rancore, ma le immagini non lo rendono così bene.
MEMORABILE: La lenta composizione del numero di telefono ed il suo risultato.

Undying 30/11/11 17:32 - 3841 commenti

I gusti di Undying

"Bologna capace d' amore, capace di morte" canta Guccini in una celebre canzone. Paolella, sorretto da una bella sceneggiatura di Sacchetti, trasforma la rossa città (molto cinematografica ma troppo poco valorizzata al cinema) in un infernale caos. Dove regna il terrore, dove la violenza assume la psicologia contorta di Valli -un esemplare e bravissimo Mezzogiorno- fratello gemello (sconosciuto forse sì, più facilmente no) di Giulio Sacchi. Nella vivace e cruda (ma pure poetica) narrazione risalta la sete di giustizia "fai da te", dirompente in quel finale agghiacciante e indimenticabile.
MEMORABILE: I crudi attentati con telefoni-bomba; l'omicidio del poliziotto in borghese sul Bus; l'evirazione del tunisino.

Herrkinski 3/02/13 02:28 - 4967 commenti

I gusti di Herrkinski

Mica male questo poliziottesco ambientato insolitamente a Bologna e dove troviamo un convincente Mezzogiorno nel ruolo di super-cattivo tamarrissimo, con catena d'oro e torso nudo sotto il giubbotto di pelle bianca; a far da contraltare, un roccioso Bozzuffi e un buon contorno di caratteristi. Paolella dirige correttamente e mostra buona dimestichezza nelle numerose scene d'azione, Cipriani musica col solito stile, la dose di violenza è piuttosto elevata. Nel complesso un film solido, poco originale ma comunque gradevole per i fan del genere.
MEMORABILE: I telefoni esplosivi; L'accoltellamento in ospedale; Il linciaggio.

Kriminal 17/02/13 21:13 - 48 commenti

I gusti di Kriminal

Trucido e rabbioso poliziottesco anni 70. Vicende e personaggi sono di una tetragonia assoluta, privi di sfumature, insomma il tipico scontro tra buoni (impotenti) e cattivi (senza ritegni). Belle le scene degli spettacolari e improbabili inseguimenti che danno un imprinting americano a questo film cupo e dal finale inquietante, affatto liberatorio. Il titolo è azzeccato: non solo la polizia è sconfitta, ma anche il popolo, le istituzioni, la dignità umana. Se la giustizia la deve fare la gente qui si scivola in una barbarie premedievale.
MEMORABILE: L'impassibilità di Valli ad ogni sua efferatezza: mai uno scatto di ira; Il giubbotto bianco di Valli e la sua anima nera: se questo è un uomo...

Nicola81 31/03/13 16:05 - 1905 commenti

I gusti di Nicola81

Il poliziottesco approda per la prima e unica volta Bologna, città che al cinema avrebbe potuto dare di più. Un po' troppo simile a Quelli della calibro 38, ma Paolella, pur non essendo uno specialista del genere, dirige con innegabile mestiere (tranne forse nel finale), potendo contare su una discreta sceneggiatura e su un Mezzogiorno molto convincente nei panni di uno dei cattivi più odiosi che il genere ricordi. Senza infamia e senza lode, invece, il commissario di Bozzuffi. Dignitose le musiche di Cipriani.
MEMORABILE: L'incipit con i telefoni esplosivi; La castrazione di Pazzafini; L'emblematica scena finale, per quanto girata non al top.

Schramm 29/05/13 12:17 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Mai si era vista e respirata prima una Bologna così carogna, laida, decadente, funebre: quest'aria insalubre e catacombale tipica degli anni plumbei è la carta vincente di un Paolella altrimenti a disagio e scomposto nello scranno del poliziottesco: chasing-scenes impacciate, acting che non lasciano il segno, corpi e comprimari espressivi solo nel rigor mortis e nel facio rictus (il più espressivo di tutti in tal senso: la città). Dove la regia alza la cresta e non si spreca è invece nell'ambiguità filo-forcaiola assai cara a quei tempi e nell'ostentata violenza che mira a giustificarla.

Rigoletto 24/02/14 15:51 - 1483 commenti

I gusti di Rigoletto

Niente male questo poliziesco, salvo per il fatto che il protagonista positivo, a mio parere, difetta in carisma; ma è solo una macchiolina all'interno di un contesto in cui tutto fila liscio. Ottimo ritmo, buone musiche, scene forti: non manca nulla. Soprattutto bravissimo Vittorio Mezzogiorno, che con la sua faccia d'angelo dona al personaggio un'aria ancor più inquietante. Ben orchestrato anche il finale, specchio di una società ormai esasperata dalla violenza. ***

Giùan 4/10/14 07:35 - 2878 commenti

I gusti di Giùan

Milano calibro 9, Napoli violenta, Roma e Genova a mano armata... Sorbole però, pure all'ombra della torre degli asinelli la Celere dei '70 se la vede brutta, tramutandosi in teatro della lotta senza quartiere tra l'acerrimo Bozzuffi e uno spietatamente vigliacco Mezzogiorno. Dualismo che il papà di Giovanna stravince sul piano recitativo. Tra discutibili quanto grossolani sociologismi tipici del genere, lo script di Paolella e Sacchetti piazza alcune buone sequenze.
MEMORABILE: L'assassinio in ospedale; La fine di Nello Pazzafini (il Tunisino); La scenetta di cui è protagonista Tito Le Duc nel negozio di dischi.

Azione70 1/12/14 17:09 - 140 commenti

I gusti di Azione70

Film molto action e cruento che finisce lì dove era iniziato Roma violenta – ossia su un autobus “dirottato” - anche se qui viene portato a estreme conseguenze (il linciaggio) l’ennesimo atto di violenza urbana. Il poco espressivo commissario Bozzuffi si contrappone al delinquente “bombarolo” Mezzogiorno (sempre a suo agio in ruoli da psicopatico, vedi anche Café express). Ottima comparsata di Nello Pazzafini come pappone. Colonna sonora ossessiva ma efficace.
MEMORABILE: Nello Pazzafini al commissario: "La legge è come la minchia: si allunga e si ritira a seconda dei casi..."

Victorvega 19/10/15 15:52 - 289 commenti

I gusti di Victorvega

Bel poliziesco. Trama ridotta all'osso (buoni contro la banda del cattivo) e messaggio tipico del poliziesco italiano dell'epoca (la polizia impotente contro i soprusi della delinquenza), che si espleta nella soluzione finale. Ben sceneggiato, tutto azione, molto sangue e omicidi anche truculenti. Il commissario è molto credibile anche se meno carismatico di un Nero (non per questo meno efficace).
MEMORABILE: Il finale con la folla.

Rufus68 3/07/16 00:55 - 3015 commenti

I gusti di Rufus68

Poliziottesco dal fiato corto che annaspa nella stanca riedizione dei luoghi comuni del genere. Bozzuffi ha la grinta giusta, Mezzogiorno è un buon villain dai tratti psicopatici, ma il film è davvero piatto e si rianima solo nei minuti finali (la scena capitale, però, è girata sciattamente). L'impressione è che il regista volesse liberarsi subito dell'incombenza. Fastidiose musiche di Cipriani.

Stuntman22 27/03/17 20:33 - 114 commenti

I gusti di Stuntman22

Prodotto degno di nota per l'insolita ambientazione bolognese nonché per alcuni sprazzi di originalità nell'intreccio (il finale, soprattutto) che rimpolpano un poliziottesco non malaccio. Mezzogiorno, da sempre sottovalutato, avrebbe meritato più chances nel genere: il suo cattivissimo personaggio gli sta addosso come un abito su misura. Per il resto, solita prova di classe per Bozzuffi e gran gloria per acrobati e stuntman vari. Fa piacere rivedere Aureli, peraltro doppiato in bolognese stretto, com'è giusto.

Maxx g 2/08/17 12:54 - 491 commenti

I gusti di Maxx g

Poliziottesco dalla giusta dose di tensione, con tutti gli ingredienti del caso ben amalgamati, come del resto il cast. Paolella non era molto aduso a film così, ma bisogna dire che se la cava discretamente, curando anche la sceneggiatura. Mezzogiorno è glaciale quanto basta ma efficace è anche Marcel Bozzuffi. Nel cast Andrea Aureli, che reciterà in due pellicole di Carlo Verdone. Da vedere.
MEMORABILE: La prima esplosione e la scoperta della pistola da parte del bambino.

Il Dandi 6/02/18 12:39 - 1732 commenti

I gusti di Il Dandi

Bologna violenta per il veterano Paolella. Bozzuffi torna a guidare una squadra speciale come quella della calibro 38 con il pretesto della caccia all'uomo intorno al sanguinario latitante Mezzogiorno. Il film (l'ultimo del genere con "La polizia" nel titolo) non è che una giustapposizione di inseguimenti e omicidi (talora cruenti) tenute insieme dalle facce di comprimari più convincenti dei protagonisti (Pazzafini ha forse il suo ruolo più importante) e dalle musiche di Cipriani. Buon finale drammatico e pessimista.
MEMORABILE: Il linciaggio da parte della folla inferocita.

Puppigallo 4/01/19 09:11 - 4487 commenti

I gusti di Puppigallo

Poliziesco, che non fa sconti, praticamente a nessuno. Anche chi, più o meno se la cava, ne esce comunque segnato, visto l'ambiente e la scia di morte che il bombarolo (da carogna le trappole esplosive) psicopatico e cinico si porta dietro. Il ritmo è costante, gli attori sono in parte; e nonostante qua e là si punti soprattutto a colpire lo spettatore, più che a dare vita a una narrazione realistica, il risultato è comunque buono. In pellicole come queste, infatti, se il cattivo di turno convince, nel suo ruolo di destabilizzatore fuori controllo, il tutto finisce per avere un suo perchè.
MEMORABILE: "Spara, pezzo di merda!". Segue ribaltamento dell'auto con incendio; La figura del tunisino; il merlo sentinella; Le urla del poliziotto ferito.

Gmriccard 14/11/18 18:57 - 116 commenti

I gusti di Gmriccard

Film sotto la media qualitativa del genere, forse sintomo della fase calante incombente. Il primo colpevole è Bozzuffi, capace e anche simpatico, ma che sembra disconoscere i tòpoi che hanno dato il successo ai protagonisti di pellicole consimili. Mezzogiorno cattivissimo è l'unico in grado di creare un minimo di auspicabile tensione. Utile almeno ad appuntare la bandierina del poliziottesco in terra emiliana.
MEMORABILE: I cittadini nel finale: alla faccia dell'alma mater...

Gestarsh99 10/07/19 17:02 - 1310 commenti

I gusti di Gestarsh99

Esplodono bombe fra i porticati della rossa città petroniana, bombe preliminari al democidio-culmine degli anni di piombo. Lo intuisce bene Bozzuffi, intruppato ex novo al servizio dello stato nel ruolo coscienziosamente tenace di padre-garante dell'ordine pubblico: la sua vigilanza motorizzata dovrà infatti vedersela con un cattivissimo criminale amante del plastico e dei metodi terroristici. Macho-poliziottesco che eccede nel manicheo, avendo però dalla sua un ottimo antagonista, articolati inseguimenti su strada e alcune sequenze a rapida presa cultistica (il "Mezzogiorno" di fuoco finale).
MEMORABILE: Lo sgozzamento splatter del barista ricoverato in ospedale; L'evirazione/esecuzione di Nello Pazzafini; Il bianchissimo bomber di Mezzogiorno...

Pinhead80 30/07/19 10:20 - 3835 commenti

I gusti di Pinhead80

Un delinquente che chiede il pizzo ai negozianti passa alle maniere forti cominciando a far esplodere i proprietari refrattari a pagare. Su di lui si stringe la morsa della polizia. Classico poliziottesco all'italiana che vede il cattivo Mezzogiorno (davvero convincente) mettere a ferro e fuoco la città e Bozzuffi nei panni della legge che deve cercare di fermarlo a tutti i costi. Si segnala un ottimo ritmo nella seconda parte, caratterizzata da inseguimenti mozzafiato.

Berto88fi 1/08/19 09:49 - 199 commenti

I gusti di Berto88fi

Classico poliziesco all'italiana, con qualche forzatura qua e là ma crudo e alquanto violento. Può contare sulla discreta sceneggiatura di Sacchetti e un buon mestiere in regia. Nonostante Paolella fosse più avvezzo ad altri generi, ha il giusto senso del ritmo; mediocre invece la ost di Cipriani. Location emiliane ben sfruttate, qualche eccesso acrobatico di troppo nelle scene d'inseguimento. Nel cast spicca Mezzogiorno, perfetto psicopatico dinamitardo tra i più cinici del genere. Verosimile, nella sua ferocia, l'esasperazione drammatica finale.
MEMORABILE: Valli (sempre vestito uguale) che compone i numeri al telefono; La scena da thriller in ospedale; La Giulia in corsa con il posteriore in fiamme (!?)
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Gestarsh99 • 7/03/11 22:09
    Scrivano - 13797 interventi
    L'emozionante opening theme realizzata dal maestro Stelvio Cipriani: La polizia è sconfitta
  • Homevideo Mco • 22/11/11 00:37
    Scrivano - 9631 interventi
    Grazie Gesta, sempre puntuale e precisa la Tua analisi. Non perderò allora l'imminente passaggio dicembrino sulla terza rete mediaset.
  • Homevideo Zender • 22/11/11 09:27
    Consigliere - 43813 interventi
    Mah, non credo di aver mai calcolato la durata di un film fidandomi delle fascette. Il più delle volte sono numeri messi a caso...
  • Homevideo Rogerone • 19/12/12 13:23
    Galoppino - 179 interventi
    Qui abbiamo un altro caso misterioso. Il dvd riporta sul retro 105 minuti perchè probabilmente (è accaduto già altre volte) vuole essere una "prova" che il film sia integrale, copiando la durata del film nella sua versione cinematografica, che controllando anch'io ho riscontrato essere 105 minuti. Il dvd effettivo dura poi come già detto 92 minuti : i conti non tornano. Ora purtroppo non posso affermare se sia integrale o no, dato che il film l'ho visto per la prima volta sul dvd e non ho fonti di altre versioni. Non posso dirlo e non posso esservi d'aiuto. Leggendo in giro e cercando informazioni su internet non ho riscontrato alcuna polemica su presunti tagli. Questo mi fa pensare che comunque la versione rilasciata dopo la sua uscita nei cinema è stata rispettata ed è questa di 92 minuti. Ora sono due le cose : 1) o c'è stato uno snellimento inedito per tutti quelli che non hanno visto il film nei cinema (come è successo ad altri film, pensiamo a Più forte ragazzi) 2) oppure i 105 minuti di durata originale è un dato semplicemente errato, o rilasciato erroneamente. Sinceramente vedendo il film, mi sembra improbabile che ci sia stato un taglio di almeno 8-9 minuti rispetto all'originale (almeno a me non sembra), visto che nel dvd sono già presenti scene molto violente. E' vero anche che pure in Roma violenta vedendo il film sembrerebbe uncut, ma poi mancano diverse scene (tra cui un pestaggio per strada con le catene se non ricordo male).
  • Homevideo Schramm • 28/05/13 23:35
    Risorse umane - 6703 interventi
    dall'83 all'85 ho visto innumerevoli volte il film su euro tv, uncut. nell'88 l'ho rivisto su odeon sciaguratamente tagliato. la versione da 92', appena visionata, è quella trasmessa su eurotv prima che la mammì facesse da matti.
  • Discussione Mauro • 24/05/16 14:03
    Disoccupato - 9510 interventi
    E' scomparso l'attore Francesco Ferracini, ex marito di Mara Venier. R.I.P.
  • Homevideo Ruber • 4/06/16 02:13
    Compilatore d’emergenza - 8943 interventi
    Uscito in br con il titolo: "Stunt Squad" con traccia audio italiana. http://www.blu-ray.com/movies/Stunt-Squad-Blu-ray/103193/
  • Discussione Kanon • 31/10/19 18:01
    Fotocopista - 812 interventi
    È sconfitta pure la grammatica :-)
    Ultima modifica: 31/10/19 18:26 da Zender
  • Curiosità Daidae • 31/12/19 03:36
    Compilatore d’emergenza - 856 interventi
    Al minuto 1:27:33 circa, nella famosa scena dell'autobus, è possibile vedere la locandina de L'uomo sul tetto (1976) di Bo Widerberg:
  • Homevideo Dusso • 12/03/20 17:05
    Segretario - 1631 interventi
    La durata del Blu Ray è di 1:36:50