Cerca per genere
Attori/registi più presenti

APOCALISSE DI UN TERREMOTO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/3/08 DAL BENEMERITO IOCHISONO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 27/1/16 13:54 - 2363 commenti

Avvio da mondo-movie: aspro, freddo, retorico, cinico. Ma passato un minuto si sporge incauto oltre i bordi dell’Incommentabile, collocandosi fulmicotoneo nell’alveo tra sfida e insulto alla condizione di spettatore, in un cozzo tra cruda realtà del disastro irpino e una voice-over in sentor di cut-up dada ibridante Cronaca Vera e i Lancio, detection on the road e sketch da spot tv locale 70’s. Un rilascio perpetuo di ossido diazotato che muove al desio di un cronovisore per vagliare la stima di malcontento e sbalordimento di una platea annaspante sotto le macerie del cinema più disastrato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La menestrella al ristorante; Carmela Baroni!! (la più ineffabile vetta mai conquistata da trash e scult); Pullcenell’.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Iochisono 3/3/08 14:12 - 133 commenti

Terrificante! 76 minuti scarsi di film ottenuti alternando scene in cui i due protagonisti parlano per strada con persone qualsiasi (alla ricerca di informazioni sulla promessa sposa di uno dei due, sparita durante il terremoto...) e inquadrature di zone terremotate con voce off che batte ogni record di retorica mai raggiunto prima. Giorgio Ardisson è un detective canadese che gira la Campania in auto e chiede a persone incontrate se conoscono Maria (!), parallelamente il promesso sposo fa la stessa cosa (!). Non ci sono praticamente interni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Impossibile decidere un momento o frase memorabile.
I gusti di Iochisono (Commedia - Horror - Poliziesco)

Panza   2/5/15 16:50 - 1435 commenti

Apocalisse filmica, diretta da Pastore e sceneggiata dalla moglie, in cui si puntano i riflettori sulla tragedia dell'Irpinia. Il tono intellettualoide dato dalla coppia ha l'indubbia capacità di rendere questa vicenda oltremodo retorica e lacrimevole senza mai dare un qualcosa che non sappia di patetico. La voce fuori campo del protagonista, oltre ad alimentare questa fastidioso tono, fa letteralmente progredire (eufemismo, vista la lentezza della storia) la trama attraverso puntigliosi spiegoni della serie "non ne abbiamo voglia".

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Due fra i più incredibili che valgono per tutto il film: l'entrata in scena di Pulcinella e i flashback con la ballerina.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)