Transylvania twist

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Aperto da un prologo in cui una vampira attira in una caverna nientemeno che Freddy, Jason e Faccia di cuoio per poi succhiar loro il sangue (“Dilettanti...”), TRANSYLVANIA TWIST è una parodia draculesca delle più tradizionali che Roger Corman produce infilando nel finale il celebre mostro/melanzana del suo lL CONQUISTATORE DEL MONDO e in mezzo alcune sequenze della VERGINE DI CERA per fingere un'ovviamente inesistente partecipazione di Boris Karloff. La storia è quella di mille parodie in tema (quattro anni prima non ci era andato molto distante...Leggi tutto nemmeno il nostro FRACCHIA CONTRO DRACULA) e vede Marissa (Copley), figlia del proprietario appena defunto di un castello in Transilvania, recarsi lì assieme a Dexter Ward (Altman, cui tocca in dote un nome puramente lovecraftiano), il quale ha scoperto come nel medesimo luogo sia custodito un prezioso libro capace di dare grandi poteri a chi lo possiede. Arrivati lì comincia la prevedibile trafila di gag: citi il castello e alla locanda tutti scappano, i facchini sono zombi e la carrozza ha il tassametro (ma non è male il Pinhead di HELLRAISER che esce da una sala di agopuntura). Si gioca come sempre con luoghi comuni sui quali è ormai difficile inventare qualcosa di nuovo e si tenta la parodia del new horror magari facendo tirare al “Tall man” Angus Scrimm le sfere d'acciaio di FANTASMI che i protagonisti respingono con mazze e maschere da baseball (cadendo parecchio in basso). Il Dracula di turno, chiamato Byron Orlock (la kappa va pronunciata col suono convenzionale della gola tagliata), è Robert Vaughan, mentre Van Helsing è un divertito Ace Mask, forse il personaggio più buffo in assoluto (benché pure per lui le battute scarseggino). Esaurita la prima parte in viaggio, la seconda è tutta al castello, con simpatiche incursioni metafilmiche che spezzano un po' le più compassate gag tra corridoi, dipinti degli avi (non manca quello della sosia di Marissa) e apparizioni delle immancabili tre vampire gnocche (ma la migliore resta la supersexy Teri Copley, non a caso di lì a poco covergirl di Playboy). Wynorski in regia riesce faticosamente a mantenere un certo gusto trovando momenti anche riusciti, ma a lungo andare la noia fa inevitabilmente capolino e in assenza di gag esplosive si registra una piattezza che non giova al film e lo apparenta immediatamente alle troppe parodie nate intorno alla medesima matrice. Sono comunque curiosi i continui riferimenti di Corman al proprio passato (e davvero, la melanzana gigante del finale lascia allibiti ora come nel '56), che solleticano la curiosità del cinefilo più di quelli (quasi sempre brevi e fuori fuoco) agli horror del momento o a Lovecraft. Parodia datata e in ritardo sui tempi, si fa dimenticare in fretta.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/09/20 DAL BENEMERITO HERRKINSKI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 24/09/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 16/09/20 14:42 - 5135 commenti

I gusti di Herrkinski

Operazione ridanciana per l'esperto Wynorski che qui dà vita a uno spoof del cinema horror con una coppia che deve recuperare un libro magico dal castello di un vampiro. Il film però va oltre alla trama della vicenda principale, che è una presa in giro di Dracula; s'inseriscono siparietti ispirati dai personaggi di Hellraiser, Non aprite quella porta, Nightmare, Venerdì 13 e via dicendo, a dire il vero quasi mai divertenti. Siamo dalle parti di Saturday the 14th e affini; una farsa a tema horror con qualche intuizione azzeccata e tante gag cadute nel vuoto, spesso fin troppo puerili.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.