Sheba, baby

Media utenti
Titolo originale: Sheba, Baby
Anno: 1975
Genere: action (colore)
Note: Aka "Sheba baby".
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/09/10 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 24/09/10 10:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La presenza di un cast quasi tutto di colore e soprattutto dell’icona del genere (Pam Grier) indurrebbe a pensare al blaxploitation, ma analogamente al coevo Assassinio all’aeroporto siamo piuttosto dalle parti di un action movie di routine, con caratteri stereotipati, livelli di violenza da telefilm poliziesco americano e nessuna concessione a sesso, nudi, prostituzione e vita da strada. La Grier ripete pedissequamente il suo solito ruolo di detective in gonnella “con le palle” che combatte il crimine sia con le armi della seduzione con quelle della forza.

Herrkinski 17/02/14 03:58 - 5032 commenti

I gusti di Herrkinski

Ultimo vero blaxploitation della Grier diretto dallo sfortunato Girdler, in verità già più tendente all'action classica; infatti è opinione comune e motivata che in questo film gli elementi più violenti e sleazy dei migliori lavori della Grier siano molto mitigati, a favore di un impianto meno d'effetto e più "commerciabile" anche presso le platee bianche americane. Alcune sequenze copiate dal classico Coffy, seppur edulcorate, una buona dose d'azione e musiche '70s sempre valide; alla fine ci si diverte ugualmente, ma non è imprescinbidile.
MEMORABILE: La fiocinata nella schiena; La Grier in tuta da sub; Le scene col ricettatore.

124c 17/08/17 16:06 - 2762 commenti

I gusti di 124c

Pam Grier nei panni di un'investigatrice privata, ovviamente dalla pistola facile, corre in aiuto del padre perseguitato da alcuni criminali. Un action movie degli anni '70 come tanti con la differenza che l'eroe di turno è la conturbante Pam Grier, anche se la nostra è meno pantera del solito (forse perché ha anche un fidanzato dalla sua parte). La Grier ripete il suo tipo d'eroina di quegli anni, anche se pare cercare l'approvazione di un pubblico più ampio di quello afro-americano. Fra le scene più riuscite quella al luna park.
MEMORABILE: Sheba/Pam interroga un tizio vestito in maniera sgargiante nella sua automobile in un autolavaggio, rifacendogli anche la "permanente" ai capelli.

Nicola81 6/11/17 16:02 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Rispetto ai titoli di punta della blaxploitation, qui gli ingredienti tipici del genere sono molto più edulcorati e la stessa Grier (sempre brava, per carità) interpreta un personaggio decisamente meno estremo: un'investigatrice privata dai metodi magari non sempre ortodossi (e ci mancherebbe), ma figlia di un onesto uomo d'affari e con tanto di ex fidanzato ancora devoto. Resta quindi un ordinario film d'azione, diretto con un certo ritmo e dalla tipica atmosfera anni '70, ma che oggi non sfigurerebbe come episodio di una serie televisiva.

Il ferrini 20/03/19 22:51 - 1665 commenti

I gusti di Il ferrini

Anche qui, come per Foxy Brown, il doppiaggio penalizza pesantemente la pellicola. Stavolta però non è l'unico difetto: siamo lontani dagli eccessi dell'exploitation e il territorio è più quello dell'action classico. Lo dimostra soprattutto la parte "acquatica" del film (nel finale), con tanto di inseguimenti fra motoscafi. La Grier è sempre convincente ma chi s'attende di poter ammirare le grazie della protagonista questa volta resterà deluso. La vicenda, pur semplice e lineare, è sufficiente a tenere viva l'attenzione fino alla fine.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Herrkinski • 17/02/14 04:05
    Scrivano - 2291 interventi
    A mio avviso il dialogo e la scena finale potrebbero aver ispirato Tarantino per il finale di "Jackie Brown" con la Grier e Forster, essendo costruito in maniera quasi identica.
  • Discussione Zender • 17/02/14 08:07
    Consigliere - 43512 interventi
    Beh considerato che Jackie Brown è un tributo alla blaxploitation, in un certo qual modo, mi sembrerebbe più che probabile.
  • Discussione Buiomega71 • 17/02/14 09:45
    Pianificazione e progetti - 21754 interventi
    Lo vidi la "notte dei tempi" sulla tanto ricercata vhs Skorpion, e mi parve davvero poca cosa, molto all'"acqua di rose" visto il genere e il suo regista (non che Girdler sia mai stato un "falco", ma Manitù e soprattutto Grizzly sono due mie "personal cult")

    Dovrei rivederlo (ho una registrazione da Studio Universal), magari in un bel ciclo estivo dedicato alla blaxpoitation.
    Ultima modifica: 17/02/14 19:32 da Buiomega71
  • Discussione Herrkinski • 18/02/14 04:16
    Scrivano - 2291 interventi
    D'accordo su tutta la linea Buio, e ricordi bene: Sheba, Baby è fondamentalmente una versione edulcorata della blaxploitation "pura" con cui la Grier aveva fatto parlare di sè, su tutti Foxy Brown e Coffy. Rimane comunque un filmetto piuttosto divertente per chi ama il cinema seventies. Girdler fa il suo mestiere come sempre: un onesto mestierante dei B-movie, che forse avrebbe potuto far di meglio negli anni '80 e con budget migliori, se non fosse morto in uno sfortunato incidente a soli 30 anni..
  • Discussione Herrkinski • 18/02/14 04:18
    Scrivano - 2291 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Beh considerato che Jackie Brown è un tributo alla blaxploitation, in un certo qual modo, mi sembrerebbe più che probabile.
    Esattamente. Credo che alla fine del mio "ripasso" sul genere dovrò rivedermi Jackie Brown per cogliere altre citazioni...