Mattatoio 5

Media utenti
Titolo originale: Slaughterhouse-Five
Anno: 1972
Genere: fantascienza (colore)
Note: Aka "Mattatoio cinque". Soggetto dal romanzo Mattatoio n° 5 o La crociata dei Bambini ("Slaughterhouse-Five" o "The Children's Crusade: A Duty-Dance With Death"), scritto dallo scrittore statunitense Kurt Vonnegut e pubblicato nel 1969.

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/10/10 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 28/10/10 09:44 - 8756 commenti

I gusti di Pigro

Un film dove i piani temporali della vita di un uomo (e i generi: guerra, dramma, fantascienza) si intrecciano in continuazione, andando avanti e indietro nel passato, nel futuro e nel fantastico. Nucleo centrale è la prigionia in Germania, con il bombardamento di Dresda. Dal romanzo di Vonnegut una storia che ben si presta per il cinema, ma che qui non rende bene gli sbalzi allucinatori del protagonista. Forse anche per un protagonista poco espressivo e incisivo, il lavoro non ha mordente attestandosi su un livello piuttosto ordinario.

Lucius 25/02/11 00:00 - 2953 commenti

I gusti di Lucius

Gli orrori della guerra "montati" con le fantasie del protagonista, Dresda appena distrutta dal bombardamento del 45, i russi, gli americani, poi il film vira nella fantascienza e i piani temporali si equivalgono. Curiosa pellicola, senz'altro riuscita grazie anche alla semplicità del protagonista che riesce con la sua interpretazione incantata a barcamenarsi tra presente, passato e futuro. Più vite in una sola.

Kanon 6/09/11 20:49 - 604 commenti

I gusti di Kanon

Sostanzialmente, un gran disappunto. Hill sembra molto più occupato a rendere fedelmente certi passaggi del libro piuttosto che attento a ricreare le sensazioni e le esperienze vissute da Pilgrim. Ne esce fuori un patchwork piuttosto freddo, con discutibili tagli sulla sceneggiatura che sviliscono un'opera con ben più ampi significati. Per un tralfamadoriano sarebbe più semplice accettarlo, ma da terrestre mi interrogo sui motivi che hanno spinto alla realizzazione di questo film. Mah, so it goes. Così va la vita.

Saintgifts 20/10/12 23:36 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il messaggio pacifista del romanzo (l'autore è uno dei sopravvissuti del bombardamento di Dresda nel 1945) nel film non traspare molto. La troppo piatta interpretazione di Michael Sacks è l'altra pecca del film, che ha tuttavia anche momenti piuttosto buoni e interpretazioni di contorno di buon livello. La parte fantascientifica, che dovrebbe dare la misura di quanto insignificante sia la vita sulla Terra, oltre che scontata e immodificabile, si riduce alla curiosità dei tralfamadoriani di assistere a un accoppiamento tra umani.
MEMORABILE: La presenza fisica di Valerie Perrine; La divisa stelle e strisce di Campbell jr., con la svastica sul braccio.

Galbo 10/07/13 07:10 - 11853 commenti

I gusti di Galbo

Film atipico (anche nella filmografia del regista), che risulta un po' datato alla visione odierna. Il regista mescola realtà e fantasia, tra ricordi reali del protagonista e fantasie oniriche. Visivamente affascinante lo è meno dal punto di vista narrativo e paga lo scarso carisma del protagonista, attore abbastanza "incolore".

Maik271 1/08/13 14:10 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Pellicola molto curiosa, con il protagonista che compie salti temporali, inizialmente un po' difficili da comprendere, tra la seconda guerra mondiale e il dopoguerra in un susseguirsi caleidoscopico di avvenimenti, che lo portano persino su un pianeta lontano e che si intrecciano formando una trama originale. Peccato che il protagonista non sia particolarmente incisivo.

Faggi 20/06/17 12:15 - 1527 commenti

I gusti di Faggi

Billy Pilgrim è un reduce di guerra, Paul Lazzaro il suo persecutore, Montana Wildhack una modella da riviste per adulti e attricetta di film d'exploitation, i tralfamadoriani sono esseri incorporei che vivono nella quarta dimensione: tutte figure simboliche, inventate da Vonnegut; qui translitterate in un dramma di guerra e un sogno di fantascienza, lirico, empatico, misterioso, con passaggi da stralunata commedia fantastica, dove si palesa l'assurdo dei conflitti terrestri e dove l'antidoto erotico assume una forma paradossale, esoterica.

Daniela 13/02/21 23:38 - 11450 commenti

I gusti di Daniela

Nella mente di un cinquantenne, il passato come prigioniero di guerra in Germania ed il futuribile in cui è ospite di un lontano pianeta si intrecciano senza seguire un senso cronologico.. Da un capolavoro letterario, un film che, se non riesce nell'impresa quasi impossibile di renderne la complessità, costituisce comunque un tentativo coraggioso non privo di momenti visivamente d'impatto come la visione delle rovine di Dresda dopo il bombardamento, mentre altri passaggi risultano tanto frettolosi da sembrare insignificanti. Bizzarro, non del tutto riuscito ma non banale. 

Enzus79 25/01/22 22:41 - 2284 commenti

I gusti di Enzus79

Tratto dall'omonimo romanzo capolavoro di Kurt Vonnegut. L'antimilitarismo affrontato attraverso la fantascienza. Abbastanza fedele al libro (peccato per il diverso finale), il film convince per come il surreale e il visionario si mescolano senza far perdere il filo narrativo. Si ha la sensazione, però, che questo vada a vantaggio solo di chi ha letto il romanzo, ed è questa la pecca più grande. Ottime le musiche eseguite da Gould.

Ron Leibman HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Lucius • 25/02/11 00:01
    Scrivano - 8808 interventi
    Vincitore del Premio della giuria al 25º Festival di Cannes e del Saturn Award per il miglior film di fantascienza.
  • Homevideo Buiomega71 • 17/05/15 19:26
    Pianificazione e progetti - 23911 interventi
    In dvd per Pulp Video, disponibile dal 07/07/2015

    http://www.amazon.it/Mattatoio-5/dp/B00XNOQ0IG/ref=sr_1_414?s=dvd&ie=UTF8&qid=1431883536&sr=1-414
  • Curiosità Daniela • 21/06/17 01:44
    Gran Burattinaio - 5803 interventi
    Soggetto dal romanzo Mattatoio n° 5 o La crociata dei Bambini ("Slaughterhouse-Five" o "The Children's Crusade: A Duty-Dance With Death"), scritto dallo scrittore statunitense Kurt Vonnegut e pubblicato nel 1969.

    Considerato uno dei maggiori scrittori di fantascienza del suo tempo, per questo che è il suo romanzo più noto Vonnegut si ispirò in gran parte alle proprie esperienze militari, in particolare al periodo di prigionia trascorso in Germania, durante il quale fu testimone del bombardamento di Dresda. Vonnegut si salvò perché trovò riparo in una grotta posta sotto il mattatoio locale, normalmente utilizzata come deposito della carne.
  • Musiche Zender • 21/06/17 07:13
    Pianificazione e progetti - 45710 interventi
    La colonna sonora è eseguita al piano da Glenn Gould.
  • Curiosità Buiomega71 • 4/10/17 19:11
    Pianificazione e progetti - 23911 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni (Ciclo: "Ultimo spettacolo - Gli arcani", venerdì 20 marzo 1987) di Mattatoio 5: