LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/07/09 DAL BENEMERITO SAINTGIFTS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Saintgifts 28/07/09 15:38 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Dal romanzo di Brian Moore sceneggiato dall'autore stesso. 1634, Quebec: il Padre Gesuita Laforgue con il capo indiano Chonina, la sua famiglia, altri indiani e un giovane bianco risalgono con canoe un grande fiume per migliaia di miglia per raggiungere gli Uroni. Questa forzata convivenza a contatto con una natura tanto bella quanto ostile e l'incontro con indigeni violenti e crudeli mette in discussione tutte le certezze religiose e di vita facili da mantenere nel mondo civile. Pregio del film è il continuo parallelo tra indigeni e conquistadores.
MEMORABILE: Padre Laforgue: "Perché Padre Jerome è ora in Paradiso, mentre Chonina deve vagare in eterno nelle tenebre? Aiutami o Signore".

Puppigallo 15/11/19 09:10 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Vera e propria Via Crucis di un missionario Gesuita, che fino all'ultimo tenta di convertire i nativi, attraversando una terra a dir poco inospitale per chi non vi dimora. L'enorme sforzo del protagonista è percepibile, come anche il clima rigido; e c'è una certa abilità nel non protendere più dal lato cristiano, che da quello pagano, riuscendo, in parte, a giustificare anche i comportamenti più crudeli, o il rifiuto della religione (mai mostrarsi deboli, o altri ne approfitteranno). Pur senza particolari picchi, o guizzi registici, è una pellicola che merita la visione, perchè realistica.
MEMORABILE: "Manto Nero, questo posto è mondo crudele, ma è dove c'è il Sole"; Manto Nero: "La foresta parla, i morti rivivono di notte"; Nella chiesa.

Jena 1/11/20 13:00 - 1219 commenti

I gusti di Jena

Film che, molto meglio di altri, rappresenta l'incontro/scontro tra le due civiltà europea e indiana, con un'inconsueta ambientazione nelle colonie francesi nel Canada del 1600. Evitando il manicheismo e il buonismo del cinema attuale, Beresford non teme di mostrare gli indiani quali feroci selvaggi, dediti a crudeli sevizie sui prigionieri ma dotati un puro senso dell'amicizia e dell'onore e di una profonda religiosità panteistica. Splendide le riprese dei magnifici paesaggi canadesi, altrettanto curata la ricostruzione storica sia della vita dei colonizzatori sia degli indiani.
MEMORABILE: La "vestizione" del capo indiano e del governatore; L'autoflagellazione di Bluteau; La morte di Chonina; "Il mondo è crudele ma è dove c'è il Sole".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.