Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/10/20 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 26/10/20 19:32 - 8186 commenti

I gusti di Cotola

Malickiani di tutto il mondo, rallegratevi: Terrence è tornato! E lo ha fatto raccontando una storia, vera, nel suo stile: copioso uso della voce fuori campo, dialoghi scarni, ellissi narrative, lunga (180 minuti) durata. Le tre ore potrebbero spaventare, ma il film non annoia mai: riesce anzi ad incuriosire e coinvolgere fino alla fine che non arriva certo a sorpresa. Un efficace inno contro la stupidità della guerra (ma non solo), privo di strepiti, retorica ed inutili giaculatorie. Chi ama il cinema dell'australiano, troverà pane per i suoi denti.

Daniela 31/10/20 20:11 - 11064 commenti

I gusti di Daniela

Un contadino austriaco rifiuta di giurare fedeltà a Hitler e di partecipare alla guerra e, sostenuto dalla propria fede e con l'appoggio della moglie, affronta le conseguenze di questa scelta... Per sua ammissione, Malick ha diretto un film più "convenzionale" rispetto ai tre precedenti. Vien allora da dire "viva la convenzione" se significa raccontare una storia forte e coinvolgente mediante una messa in scena raffinata con inquadrature curatissime e largo uso del grandangolare che non è solo fonte di godimento estetico ma veicola emozioni. Sobriamente commovente.

Nando 24/05/21 23:48 - 3597 commenti

I gusti di Nando

Il maestro Malick non realizza pellicole tanto per... Qui si assiste a una narrazione visionaria e potente contro l'aberrazione nazista. Fotografia e riprese al limite del perfetto con un andamento lineare, ben gestito da un valido accompagnamento musicale, che conduce a un finale amaro. Interpreti appropriati; nonostante le quasi tre ore si resta piacevolmente interessati a certe proiezioni.

Enzus79 21/06/21 19:08 - 2174 commenti

I gusti di Enzus79

Biopic del contadino austriaco Jagerstatter, che si rifiutò di giurare fedeltà al Terzo Reich. Film nel quale filosofia e spiritualità ben si fondono dando vita a una sorta di inno all'amore e alla non belligeranza. Sceneggiatura intensa, ricca di significati poetici e raffinati, fotografia eccellente, regia più che efficace. Ultimo film per Bruno Ganz e Michael Nykvist.

Capannelle 28/11/21 12:09 - 3992 commenti

I gusti di Capannelle

Un cinema di grande potenza visiva ed eleganza di ripresa che sconta però il perpetuarsi di pensieri e panoramiche che possono sfinire lo spettatore. Molto bravi comunque gli attori, la compenetrazione con i visi sofferenti ma convinti di Diehl e della Pachner raggiunge vette notevoli. Malick allunga il brodo ma l'uso di grandangoli, la voce narrante e il silenzio si rivelano un insieme azzeccato nel descrivere il tormento di Franz Jägerstätter in termini anche poetici. Centrale anche il rapporto uomo natura e il senso di una comunità ostile, consegnatasi acriticamente al nemico.

Giùan 27/07/21 19:11 - 3554 commenti

I gusti di Giùan

Sfugge all'assioma del prendere o lasciare ormai canonizzato per il cinema di Malick, in virtù di un ritorno all'ancoraggio di una storia, intesa sia come traccia narrativa incidente che come maiuscolo riferimento temporale. Così i movimenti di macchina circolari, la frammentazione del montaggio, il pathos poetico, si privano di gran parte della loro surrettizia zavorra trascendente trovando rispondenza veridica e  nuova linfa naturale in un poema visivo denso e conturbante, stordente e magistrale, struggente ma implacabilmente etico, colmo di rettitudine, rinuncia e sacrificio.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 28/10/20 21:05
    Gran Burattinaio - 5727 interventi
    Caro Cotola, che consolazione leggere il tuo commento!
    Dopo tre mattonate di seguito, avevo messo una croce sul nome di Malick, ma con molto rammarico. Ora, mi affido del tuo giudizio e sono pronta a ravvedermi ;o)
  • Discussione Cotola • 28/10/20 21:25
    Consigliere avanzato - 3696 interventi
    Magari lo troverai meno bello di quando sia capitato a me, ma di sicuro nulla a che vedere con gli ultimi filmetti. C'è una netta differenza: un ritorno alle origini. 
  • Curiosità Daniela • 30/10/20 20:57
    Gran Burattinaio - 5727 interventi
    Il film racconta le vicende di Franz Jägerstätter, un contadino austriaco cattolico.  
    Chi volesse conoscere di più sulla sua figura, può trovare notizie in italiano qui (biografia) e qui (scelta degli scritti)
  • Discussione Daniela • 31/10/20 20:14
    Gran Burattinaio - 5727 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    di sicuro nulla a che vedere con gli ultimi filmetti. C'è una netta differenza: un ritorno alle origini. 
    Una resurrezione.