La vendetta della Pantera Rosa - Film (1978)

La vendetta della Pantera Rosa
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Revenge of the Pink Panther
Anno: 1978
Genere: commedia (colore)
Note: Sequel di "La pantera rosa".

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Terzo e ultimo Clouseau “ufficiale” (cioè con Peter Sellers in vita) di questa seconda serie, girata dieci anni dopo i seminali LA PANTERA ROSA e UNO SPARO NEL BUIO e rispetto a quelli molto meno ricercata nelle storie e più dichiaratamente comica. Qui il soggetto (del solo Blake Edwards, che vi si cimentò esclusivamente per soldi, visto che la United Artists lo pagò uno sproposito) è esilissimo: parte con la classica caccia a Clouseau da parte dei soliti sicari e prosegue con l'ispettore capo che si mette segretamente (grazie ai...Leggi tutto mille travestimenti offerti dal fido Palle) sulle tracce di una gang di narcotrafficanti. In mezzo ci sono Cato e i suoi esilaranti agguati casalinghi, una tenera intesa con una brillante segretaria (Dyan Cannon, brava e simpatica), gli interventi folli dell’impagabile Herbert Lom/Dreyfus e un mucchio di stuntman in gamba che danno spettacolarità alle gag catastrofiche. Peter Sellers, benché non al top della forma fisica (siamo nell'ultima parte della sua carriera) è invece ancora un attore strepitosamente portato al comico e lo dimostra in almeno tre o quattro occasioni. Edwards sa come dare un ritmo accettabile al film e così, nel complesso, THE REVENGE OF THE PINK PANTHER (chi ormai ricorda più che la Pantera Rosa era un diamante? Ormai è solo il personaggio dei cartoon che aprono inevitabilmente ogni episodio sulla musica di Henry Mancini) non risulta affatto quelll’operina che tanta critica ha mostrato di disprezzare. E’ vero che non siamo all'altezza del masterpiece LA PANTERA ROSA COLPISCE ANCORA, ma in fondo la formula funziona anche a distanza di anni. Deprecabile il doppiaggio italiano, che abbandona i doppiatori storici per proporre un Oreste Lionello/Clouseau del tutto diverso dal solito (francesismi a parte, ovvio), che dà al personaggio un tono aggressivo fuori luogo, simile a quello del Gene Wilder di FRANKENSTEIN JUNIOR.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 4/04/07 00:17 - 5555 commenti

I gusti di B. Legnani

La saga mostra di avere poche idee, rispetto al passato. Ma lo spettatore, riconoscente del divertimento ricevuto in precedenza, sorvola sulle cose che non funzionano, giudica come una sorta di tormentone gustoso ciò che è magari ripetitivo e gode della presenza delle amate icone. Alla parola FINE, però, s’accorge d’avere ancora fame.

Magnetti 19/04/07 10:25 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Si conclude così la saga dei film della Pantera Rosa con Peter Sellers protagonista (e in vita). E il film, nonostante tutto, non dimostra segni di stanca né nelle idee né nella comicità. Clouseau e Cato forniscono nuove variazioni sul tema. L'accoppiata Sellers/Cannon funziona bene in quanto quest'ultima è l'unica a credere, in modo affettuoso e quasi tenero, nelle capacità del maldestro ispettore capo. Chiusura della serie, dicevo, quindi: sigh sigh. Ci saranno dei seguiti, ma l'unico epigono degno di nota è il remake con Steve Martin.

G.Godardi 11/06/07 16:51 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Mafiosetto francese per guadagnare punti e fare affari con la mafia americana decide di far fuori Clouseau come atto dimostrativo. Ma il nostro ispettore ha sette vite come i gatti. Ormai giunta alla fine e senza più idee, la serie si affida sempre di più ad un Sellers mattatore schiavo dei travestimenti. Edwards come al solito salva la baracca da una sceneggiatura fiacca, esibendo citazioni da Il padrino e Il braccio violento della legge. Tutto sommato si ride ancora. Ma è un film solo per fan incalliti: lo splipstick rallenta troppo l'azione.

Lovejoy 18/12/07 23:09 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Quinto e ultimo film della serie tolto il successivo Sulle orme della Pantera Rosa che, eccetto alcune scene, è per lo più un film di montaggio. Questo, rispetto ai precedenti, ha una storia fiacca e prevedibile e le gag sono ormai sfruttate al massimo. Il finale a Hong Kong, con l'inseguimento e i fuochi d'artificio, è notevole. Sellers, Lom e Kwonk sempre in grande forma. Del resto del cast ottimo Robert Loggia. Splendidi come sempre i titoli di testa (in questo caso la cosa più riuscita della pellicola).
MEMORABILE: Il gran finale a Hong Kong.

124c 18/08/09 16:37 - 2927 commenti

I gusti di 124c

Ultimo film completato da Peter Sellers della serie "Pantera Rosa", ma anche uno dei più fiacchi. Dopo La Pantera Rosa sfida l'ispettore Clouseau era difficile trovare una trama che avesse gag riuscite e situazioni spassose. In questo film tocca alla mafia provare a far fuori l'ispettore Clouseau, in una farsa stile Padrino. Triste l'idea del Clouseau che si fa passare per morto, per "indagare" meglio, ma non come il cambio di doppiatori italiani, che rende ancor più infelice il film.
MEMORABILE: L'ispettore capo Dreyfus, reintegrato nel suo grado, sviene ogni volta che vede Clouseau, perché inizialmente lo crede morto.

Daniela 5/01/14 14:40 - 12709 commenti

I gusti di Daniela

Per concludere un traffico di droga con la mafia, un uomo d'affari commissiona l'omicidio di Closeau ma questi, creduto morto, continuerà in incognito le sue indagini, per sventare i piani criminali e mettere nuovamente in pericolo la salute mentale del povero Dreyfuss... Penultima puntata delle avventure dell'ispettore pasticcione d.o.c., affidata a gags ormai sfruttatissime e ai soliti travestimenti. Sellers e Edwards, palesemente stanchi, si affidano al pilota automatico e talvolta il gioco funziona, in virtù dei meriti pregressi, ma il film resta complessivamente fiacco.

Rambo90 11/04/14 01:59 - 7707 commenti

I gusti di Rambo90

Quinta pantera rosa, probabilmente più scatenata delle precedenti come ritmo ma un po' meno innovativa nelle gag. Si continua con attentati falliti, incendi casuali e travestimenti e di conseguenza si tende a ridere meno. Ma la simpatia dei personaggi resta intatta, così non si può fare a meno di essere soddisfatti, a fine visione. Sellers, gigantesco come sempre, trova nella Cannon la compagna migliore dall'inizio della serie. Simpatici i nuovi pezzi in colonna sonora.

Rigoletto 23/10/20 11:19 - 1790 commenti

I gusti di Rigoletto

Il film costituisce un po' la calata di un sipario. È vero che Edwards girerà altre tre pellicole, ma qui si ferma l'esperienza di Peter Sellers come Clouseau, rapito dalla morte due anni dopo. La sua è un'uscita di scena fatta con la solita classe, supportato dagli immancabili Kwouk e Lom. Ci si mantiene sulla scia degli ultimi capitoli, capaci di offrire un frizzante divertimento senza alcuna pretesa. Cast di notevole valore: la Cannon, Webber e Loggia (in un ruolo secondario) dimostrano a conti fatti come si possa arricchire una pellicola con stile.

Panza 14/04/23 21:59 - 1854 commenti

I gusti di Panza

Dopo l'exploit di due anni prima era davvero difficile ripetersi, e infatti l'impressione è quella di un'opera puramente alimentare, seppur non da buttare via, anche perché Sellers è sempre in gamba, nuovamente affiancato da Lom, a cui non è concesso moltissimo spazio. Si calca troppo la mano sui travestimenti perdendo la vena surreale dei precedenti episodi, anche se nel mucchio due o tre scene esilaranti ci sono ancora. Meno curata e distinguibile la regia di Edwards rispetto al passato, che si limita a dirigere correttamente, probabilmente non convintissimo del progetto.

Gabrius79 8/04/24 11:58 - 1430 commenti

I gusti di Gabrius79

Episodio decisamente fiacco della saga che si basa su gag oramai trite e risapute (spesso con l'utilizzo dello slapstick) e su una sceneggiatura incolore che viene salvata da un Sellers sul viale del tramonto, il quale si cimenta in vari travestimenti. Anche Lom oramai appare stanco ma riesce a graffiare col suo personaggio ai limiti della follia. Bene la presenza della Cannon. Peccato che il cambio al doppiaggio di Clouseau (Lionello al posto di Rinaldi) dia una sensazione di smarrimento e l'attore non risulti per questo simpatico come nei precedenti film.

Blake Edwards HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina La Pantera RosaSpazio vuotoLocandina Uno sparo nel buioSpazio vuotoLocandina Hollywood partySpazio vuotoLocandina La Pantera Rosa colpisce ancora
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità 124c • 20/08/09 11:10
    Gestione sicurezza - 5190 interventi
    Solitamente Peter Sellers ne "La Pantera Rosa" aveva la voce di Giuseppe Rinaldi e Herbert Lom era doppiato da Pino Locchi. In questo film c'è un cambio di doppiatori e di cooperativa: Sellers è doppiato da Oreste Lionello che, a suo modo, cerca di rifare Rinaldi non riuscendoci mentre Lom ha la voce di Silvio Spaccesi!
  • Curiosità Zender • 10/06/16 18:37
    Capo scrivano - 47914 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Buiomega71 • 11/11/21 19:13
    Consigliere - 26107 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv ( Ciclo: "La pantera rosa", lunedì 9 aprile 1984) di  La vendetta della pantera rosa:

    [img size=350]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images58/lavende.jpg[/img]