La sparatoria

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The shooting
Anno: 1966
Genere: western (colore)
Numero commenti presenti: 13
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 16/04/07 15:31 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Curioso western "metafisico", insolito fin dall'avvio, e culminante in un finale enigmatico che lascia un po' interdetti (forse anche il regista). Se si entra nel ritmo molto "orientale", esperimento a suo modo affascinante e atipico. Agghiacciante il doppiaggio italiano della versione circolante, obbligatoria la versione originale. Nicholson fa le prove per i suoi ruoli più sinistri, Warren Oates da solo è un motivo per vedere un film.

Cotola 15/08/08 05:03 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

La storia è semplice ed usuale (l'ennesima caccia all'uomo) mentre il film non è assolutamente dozzinale e risaputo ma è un notevole western atipico caratterizzato soprattutto da ritmi piuttosto dilatati com'è d'abitudine per un regista come Hellman e da alcuni simbolismi piuttosto interessanti. Il finale aperto ed enigmatico lascerà l'amaro in bocca a più di uno spettatore ma non è certo un elemento negativo di valutazione.

Saintgifts 27/03/11 23:31 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Film costruito in modo da "costringere" lo spettatore a proseguire la visione per capire dove la storia andrà a parare e perché. Alla fine è tutto molto semplice e i più svelti lo capiranno fin dall'inizio. La volontà della regia mi sembra invece che verta proprio sul mantenere nascoste le intenzioni, per dare un certo spessore ad una trama altrimenti povera. Rilevanti sono i luoghi selvaggi e la loro rappresentazione e l'interpretazione di Warren Oates, ma sono all'altezza anche gli altri. Sceneggiatura poco convincente, velleità autoriali.

Giùan 26/12/12 14:00 - 3017 commenti

I gusti di Giùan

Girato in “ticket” con Le colline blu, è un film la cui rilevanza filologica precede e usurpa i reali meriti artistici. In tal senso se The shooting si ritaglia un suo ruolo nel ripensamento a cui il genere western fu sottosposto nei ’60, la sua aura mitica è “alterata” da un quid di astuzia intellettualistica un po’ mistificatoria. Lo straniamento hellmaniano ha raggiunto ben altri vertici in Strada a doppia corsia. Oates si conferma comunque di carismatica inquietudine, Jack comincia a far gli occhi da pazzo, la Perkins cinica dark lady a cavallo.
MEMORABILE: Coley che cede il suo cavallo alla donna; Oates che ferisce alla mano Nicholson; Il finale.

Homesick 6/04/14 16:24 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’eponima sparatoria ha luogo alla fine, in un paesaggio spettrale – financo ultraterreno - che ricorda il segmento con Richard Conte del quasi coevo italiano Sentenza di morte; a questo si giunge attraverso una lunga attraversata nel deserto in cui la tensione in crescendo è prodotta da ogni sguardo, parola, silenzio e spazi sterminati e paradossalmente claustrofobici sotto un impalpabile senso di minaccia. La Perkins è un’enigmatica donna fatale del West, manovratrice delle azioni del navigato Oates, dell’insicuro Hutckins e dell’acheronteo Nicholson. Astratto e imperscrutabile.
MEMORABILE: Il cavallo agonizzante; la sparatoria finale con la spiazzante apparizione.

Rebis 10/11/14 20:47 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Film gemellare a Le colline blu, ne esaspera il caparbio intellettualismo, determinato a fare del cinema western uno spazio concettuale e metafisico, perviene a risultati - se possibile - ancor più velleitari e dichiarativi. Il finale ha una grande potenza iconica, ma la rarefazione del racconto che vi conduce è radicale, persino perentoria, e ad un incipt ficcante che tracima atmosfericamente nell'horror, segue una dissolvenza interminabile dalla ritmica sospesa e introspettiva (in una parola, soporifera). Ha il valore dell'unicità, senza che questo lo renda imprescindibile.

Lattepiù 23/03/15 17:37 - 208 commenti

I gusti di Lattepiù

Western-noir enigmatico e spietato film di vendetta, che è anche un’escalation verso l’astrazione e l’(auto)annullamento. Tre uomini e una dark lady in un viaggio lento ed estenuante, in luoghi sempre più ostili e desertici fino ad assumere sembianze mistiche e stranianti. Uno dei grandi meriti di Hellman è l’aver confezionato un western spettrale e “fantastico”, pur senza raccontare, di fatto, nulla di “fantastico”. Perfetto il poker dei protagonisti, ma da menzionare soprattutto la splendida e glaciale dark lady Millie Perkins.
MEMORABILE: La sparatoria.

Almicione 11/05/16 02:33 - 765 commenti

I gusti di Almicione

L'inizio cerca di immergere subito lo spettatore nel film, ma fallisce completamente e lo tiene fuori. Recuperarlo sarà difficile: l'assassinio sembrerebbe tradursi in una sorta di giallo nel western, ma poi arriva una donna misteriosa che dovrebbe intrigare lo spettatore, però ancora niente. La regia mostra qualche spunto interessante, soprattutto nel finale, ma si rivela anche pesantemente inesperta (a un certo punto sembra che il regista si sia dimenticato la mdp). Il cast non convince (neanche Jack) e il film diventa noioso e soporifero.

Alex1988 4/08/17 17:46 - 659 commenti

I gusti di Alex1988

Western particolarissimo e sperimentale il cui titolo è abbastanza fuorviante; una vera e propria sparatoria, nel film, non c'è e i colpi di pistola che riecheggiano nel deserto, sinistri e rimbombanti, uniti al lungo percorso dei protagonisti, ne fanno un film anomalo nel panorama western dell'epoca, che non ebbe grande successo. Il giovane Nicholson (qui, anche produttore del film insieme al regista), nelle vesti del killer misterioso lascia già il segno.

Matalo! 7/10/17 11:10 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Più di chiunque altro (Peckinpah, Penn o Leone) è Hellmann a girare il western terminale. L'ingresso in scena di Nicholson, genialmente a metà film, chiarisce gli intenti di metafora esistenziale; ma essere un western non è un paravento, dato che i temi cardine del genere ci son tutti. E ognuno è schiavo di ciò che è, persino Coley il "buono". Il tutto immerso in un deserto degno di Rapacità. Straordinario il breve incontro col parente nel deserto a cui viene donato il gioco di abilità per "ingannare il tempo" in attesa della morte. Brutto il doppiaggio italiano.
MEMORABILE: L'incontro faccia a faccia con il "doppio"; L'uccisione dell' uccello blu.

Rocchiola 3/08/18 10:48 - 873 commenti

I gusti di Rocchiola

L'anomalo regista presenta un’ambientazione conforme al genere utilizzando alcune splendide zone desertiche dello Utah, ma con dinamiche che ricordano quasi il teatro dell’assurdo di Beckett. Girato in contemporanea con Le colline blu per motivi economici, ma più complesso e metaforico del film gemello, è un oggetto tipico della controcultura anni 60, ma non troppo intellettualoide e abbastanza coinvolgente per essere visionato come prodotto di genere tralasciando i significati metaforici che pur sottende.
MEMORABILE: L’apparizione di Jack Nicholson pistolero di nero vestito; Il rudimentale giochino di pazienza regalato all’uomo ferito; La sparatoria finale.

Daniela 25/09/20 23:44 - 9530 commenti

I gusti di Daniela

Una donna ingaggia due minatori perché la guidino attraverso il deserto. Durante il viaggio, si scopre che la donna sta inseguendo qualcuno ed è a sua volta seguita... Western a basso costo girato dal regista in contemporanea con Le colline blu a cui lo accumula la prevalenza dei rapporti interpersonali rispetto all'azione e il ritmo dilatato. La storia è quella basilare di una caccia all'uomo, ma l'astrazione del paesaggio e soprattutto il finale emblematico la fanno virare verso l'apologo di un viaggio attraverso un territorio ignoto culminante in un confronto con se stessi.

Caesars 12/10/20 12:38 - 2729 commenti

I gusti di Caesars

Film gemello de Le colline blu, del quale mantiene la struttura di western assai anomalo. Hellman predilige dar spazio alla psicologia dei personaggi e alle relazioni che si sviluppano tra di essi, piuttosto che all'azione. Ne esce fuori un film dall'atmosfera assai particolare, ma che non riesce a convincere appieno in quanto l'incedere del racconto soffre di qualche lentezza di troppo e non risulta poi molto difficile capire quali siano le reali intenzioni dei vari protagonisti. Comunque va dato atto al regista di tentare strade nuove anche a scapito del successo commerciale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 21/02/18 21:22
    Segretario - 3038 interventi
    Dvd Golem disponibile dal 18/04/2018.
  • Homevideo Rocchiola • 3/08/18 10:53
    Call center Davinotti - 1143 interventi
    Il DVD della Golem utilizza un master rimasterizzato in HD di alta qualità che surclassa tutte le precedenti ed ormai rare edizioni home-video di questo film. Il reparto video, pulito e molto ben definito, permette di apprezzare al meglio i paesaggi naturali che fanno da sfondo a questa enigmatica vicenda. Audio italiano di ottimo livello. Il master utilizzato potrebbe essere quello dell’edizione BD della Criterion che raccoglie in un'unica confezione anche il film gemello Le colline blu, oppure quello dell’edizione tedesca Intergroove del 2012 sempre con i due film in questione. Comunque le edizioni estere in BD sono prive della traccia italiana e per chi non può farne a meno il DVD della Golem resta un ottimo compromesso, benché utilizzi un master in HD su supporto SD (bizzarra prassi credo diffusa solo sul territorio italico).
  • Discussione Zender • 3/08/18 17:37
    Consigliere - 43620 interventi
    Rocchiola, lo scrivo qui perché era da poco capitato con un altro commento di qualcun altro: Il Davinotti non contiene TUTTI i film usciti, per cui se si scrive che questo è il secondo film di Hellman è bene controllare su Imdb, non qui. Si scoprirà per l'appunto che NON E' il secondo film di Hellman ma (se non vogliamo considerare La vergine di cera) il quinto.
  • Discussione Rocchiola • 13/08/18 08:14
    Call center Davinotti - 1143 interventi
    Si scusa, mi sono espresso male, intendevo il secondo di genere "western". Grazie per la precisazione.
  • Discussione Zender • 13/08/18 08:23
    Consigliere - 43620 interventi
    Ah ok. Sì, mi interessava comunque dire che conviene sempre controllare su Imdb. Ma per curiosità, qual è il primo? Perché le colline blu è uscito dopo, mi risulta.
    Ultima modifica: 13/08/18 08:25 da Zender
  • Discussione Caesars • 13/08/18 18:07
    Scrivano - 11036 interventi
    Difficile dire quale sia il primo tra La sparatoria e Le colline blu. Secondo Imdb sono stati girati assieme e in USA sono stati presentati assieme ad un festival (ma La sparatoria sembrerebbe essere già stato visto al Pesaro film festival). Certamente é arduo dire che La sparatoria sia il secondo western di Hellman.
    Ultima modifica: 13/08/18 18:08 da Caesars
  • Discussione Rocchiola • 14/08/18 09:25
    Call center Davinotti - 1143 interventi
    Io mi sono basato su alcune fonti che dicono che i film sono stati girati in simultanea nel 1965 per risparmiare sui costi. In merito a Le colline blu alcuni sostengono sia uscito addirittura nel 1965, altre nel 1966, mentre per La sparatoria si parla addirittura di un'uscita ritardata al 1967.
    Lieto di avere informazioni più dettagliate, mi scuso per eventuali imprecisioni contenute nei miei commenti.
  • Discussione Zender • 14/08/18 17:50
    Consigliere - 43620 interventi
    Ma no, nessun problema, specie se sono errori (comunque da verificare) fatti in buona fede come in questo caso. L'Imdb lo dà come successivo, poi bisognerebbe capire in base a cosa dicono sia uscito nel 1965.
  • Discussione Caesars • 12/10/20 11:43
    Scrivano - 11036 interventi
    "La sparatoria" dovrebbe aver avuto (secondo Imdb) la sua prima mondiale il 2 giugno 1966 al Festival di Pesaro. Però la sua uscita ufficiale nelle sale italiane avvenne ben 12 anni dopo, nel 1978...