The lone ranger - Film (2013)

The lone ranger
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Più avventura che azione, in questo pallido tentativo di emulare la formula di PIRATI DEI CARAIBI riproponendo l'asse principale Bruckheimer/Verbinski/Depp. Chi si aspettava però un travolgente giocattolone tutto effetti speciali sparato a ritmi indiavolati rischia di andare incontro a una grossa delusione, anche se Gore Verbinski continua a sfoggiare una tecnica registica sopraffina associata a una fotografia di alta qualità; visivamente l'action colpisce per montaggio perfetto e realizzazione, ed è per questo che dispiace profondamente si sia lasciato così tanto spazio a una sceneggiatura e un soggetto modestissimi confinando...Leggi tutto l'azione a quella d'ordinanza con - sostanzialmente - due sole scene (per quanto prolungate ed entrambe sul treno) in cui poter godere del grande spettacolo. Il resto è dedicato a una storia sciapa e tipicamente da western (la vendetta per il fratello morto, la miniera d'argento, gli intrallazzi per inguaiare gli indiani, la ferrovia) che qualche discreto spunto ironico non basta certo a rendere interessante. E questo nonostante un Johnny Depp in buona forma, alle prese con un personaggio (l'indiano un po' matto) che fa il paio col Jack Sparrow della saga piratesca. Così come Armie Hammer è inespressivo e bidimensionale quanto la sua controparte Orlando Bloom. Anche gli sceneggiatori Ted Elliott e Terry Rossio son gli stessi dei "Caraibi", ma si vede che il west presenta limiti maggiori per la fantasia degli autori, che non riecono a replicare la grandiosità dell'operazione precedente pur concependo un prodotto anche più sofisticato e per molti versi ricercato. Personaggi da fumetto senza un briciolo di spessore, prolungate fasi di stanca, una durata di quasi due ore e mezza del tutto ingiustificata... Ci volevano ritmi più serrati, uno sviluppo meno caotico, non ultimo più fantasia nell'inventare le scene d'azione, che se dirette da altri avrebbero rischiato pesantemente di fallire completamente l'obiettivo. Se la serie Anni Cinquanta del Cavaliere solitario a cui il film fa riferimento è comprensibilmente datata, questa nuova versione dall'altissimo budget aveva l'obbligo di svincolarsi dagli stereotipi del tempo per portare sullo schermo qualcosa di più che non la maestria sterile di Verbinski e la tenera simpatia di Depp. Per non parlare delle sequenze nel "futuro" al museo, di rara inutilità e pesantezza, utili solo a premiare idealmente l'abilità dei truccatori, capaci di invecchiare Depp al punto di renderlo quasi irriconoscibile. Come sempre professionale ed efficace lo score di Hans Zimmer.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/07/13 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 8/07/13 08:34 - 5008 commenti

I gusti di Puppigallo

Le troppo lunghe e fracassone avventure di Tonto e tontolone mascherato possono finire qui senza che si sollevi una sommossa popolare, grazie anche a una sceneggiatura scarabocchiata in non più di cinque minuti (o sarebbe gravissimo per chi l’ha scritta), condita da personaggi che fanno sembrare più tangibili quelli dei cartoni, visto che si parla di Disney. E i protagonisti non sono certo giustificati dall’origine animata (c’è un limite a tutto). Enorme dispendio di mezzi per un misero risultato filmico dove si salvano solo alcune scene d’azione ben girate. Stucchevoli le parti al museo.
MEMORABILE: Tonto fa scambi con i morti (non male); I due protagonisti alle prese con un treno fuori controllo ("Baratto sbagliato").

124c 8/07/13 12:34 - 2855 commenti

I gusti di 124c

Questo è più una parodia che un film sul tradizionale Lone Ranger, il quale cede il posto di protagonista all'indiano che l'ha sempre affiancato nelle sue avventure, Tonto, qui impersonato da Johnny Depp. La coppia Johnny Depp/Armie Hammer è stranamnente assortita, visto che Hanner pare un ingenuo e Depp una macchietta con uno strano make-up. La pellicola è simpatica, ma è troppo lunga, per i miei gusti, visto che ha diversi momenti morti e degli antagonisti poco interessanti, rispetto ai due eroi. Helena Bonham Carter poco sfruttata.

Delpiero89 12/07/13 18:54 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Davvero un film evitabile. Se il tentativo era quello di rivitalizzare il western agli occhi del grande pubblico si è sbagliato il colpo ed è un peccato. Lungo, noioso ed eccessivamente complicato per essere un film per ragazzi e comunque di intrattenimento. Johnny Depp nel solito ruolo bizzarro non entusiasma più. Nota di merito per l'unica scena degna di essere ricordata, sul finale, con le note del Guglielmo Tell di Rossini.

Saintgifts 5/09/13 10:48 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Si è saccheggiato un po' qua e un po' là. Lo sfondo della Monument Valley, reso ancor più sfarzoso dalla fotografia, ricorda un John Ford che peraltro non ha nulla a che vedere con questo "western". Musiche classiche che fanno venire in mente Stanley Kubrick (chissà perché) e molto che si riallaccia a "western" più nostrani, ma senza la scusante della consapevolezza di quello che si faceva e dei low badget. Inutile l'impostazione racconto del vecchio indiano alla "Little Big Man" con un trucco che sembra fatto dall'equipe di allora.
MEMORABILE: Il cavallo bianco.

Ducaspezzi 3/09/13 02:03 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Vedi il volto inceronato di Depp, le sue scanzonate e birbanti mosse facciali e ti sembrerebbe quasi una edizione western del suo Jack Sparrow - cosa che, indipendentemente da quanto si sia apprezzato il pirata, non vuol dire che sia di per sé cosa buona, anzi! Ma non è neanche così, perché intanto il personaggio di Depp qui non ha propriamente centralità e poi, rispetto a quell'esempio lì, manca la scoppiettante dose di effettazzi che avrebbe potuto (solo parzialmente) riscattare un plot privo di mordente. Ben girato, per il resto. Appannato.
MEMORABILE: La movimentatissima sequenza di scene sul treno in corsa, tecnicamente notevole (e unico, vero momento in cui ci si riscuote dal torpore).

Galbo 8/10/13 07:14 - 12065 commenti

I gusti di Galbo

Ampiamente sfruttato il tema "piratesco" il duo Johnny Depp & Gore Verbinski guarda al west della frontiera e ad uno dei personaggi più iconici, il ranger solitario. Stroncato da botteghino, The lone ranger merita tuttavia la visione: il regista sfrutta con mestiere l'ambientazione naturale e i cast ben assortito, nel quale Depp recita senza strafare. Pur limitato da una lunghezza eccessiva, un film godibile.

Nando 29/04/14 17:09 - 3705 commenti

I gusti di Nando

Scoppiettante e baracconesco questo film che tra imprese impossibili, magia e coraggio narra le gesta di un giovane cow boy e un indiano. Sceneggiatura semplicistica che mette molta carne al fuoco per giustificare le quasi due ore e mezzo di durata. Epilogo finale troppo lungo e fantasioso somigliante a un cartone animato. I due protagonisti realizzano il compitino ma non incantano, meglio il cattivo cannibale e la Bonham Carter con la sua stupefacente gamba in avorio.

Piero68 29/04/14 08:46 - 2907 commenti

I gusti di Piero68

Si ricompone il trio "piratesco", Verbinsky/Depp e Bruckheimer alla produzione, cercando di riproporre intrattenimento allo stato puro. Come al solito ottima l'idea di non prendersi sul serio e grande tecnica alla regia e al montaggio con alcune riprese veramente rimarchevoli. Peccato che la sceneggiatura appiattisca tutto distruggendo di fatto un ottimo potenziale. Depp mascherato è il solito gigione e Hammer dimostra di saper reggergli bene il gioco. Alcune scene soporifere altre, come gli ultimi 20 minuti sul treno, da ridere a crepapelle.

Tarabas 20/05/14 14:33 - 1869 commenti

I gusti di Tarabas

Hi-Oh Silver! Ispirato al celeberrimo (in USA) personaggio tv, il film non offre sponde alla memoria dello spettatore italiano, quindi va visto per quel che è: un fumetto western. Molto curato, ricco di citazioni che gli appassionati apprezzano (Leone su tutti), si avvale del notevolissimo Depp nella parte di Tonto, molto più sfaccettato e interessante del suo socio mascherato. Qualche lungaggine e parecchie cose da accettare senza porsi domande, ma nel complesso diverte. Intrattenimento un po' più ambizioso della media del genere. Bella l'idea del Lunapark.

Mco 20/07/14 19:00 - 2278 commenti

I gusti di Mco

Un'avventura girata nei luoghi tanto cari al western classico, tra canyon imperiosi e lande desertiche pullulanti di scorpioni. Si narra dell'ascesa di un giovane procuratore a ranger solitario, mercé l'aiuto di un indiano cocciuto in cerca di vendette. Le scene vagano dal cartoon al dramma infarcendo gli spazi restanti con (deboli) sottotesti sensuali e cariche umoristiche. La parte centrale, più seriosa, risulta essere la più convincente, mentre incipit ed epilogo lambiscono la noia. Prolisso ma ciononostante vedibile.
MEMORABILE: Il cavallo e gli scorpioni bianchi...

Helena Bonham Carter HA RECITATO ANCHE IN...

Marione 26/10/14 01:57 - 103 commenti

I gusti di Marione

Straordinaria pellicola con splendide location, una realizzazione impeccabile e un cast degno di un kolossal. Johnny Depp caratterizza il comanchi Tonto in modo divertente come solo lui può fare mentre Hammer è tanto buffo quanto cocciuto e antipatico nel suo personaggio; insieme raggiungono una commistione perfetta. Notevoli i cattivi e belle alcune scene anche crude e violente. C'è un particolare tocco di soprannaturale ad arricchire il tutto. Un western da vedere assolutamente senza farsi influenzare dal flop al botteghino.
MEMORABILE: I baratti con i morti; Il cattivo mangia-cuori; I conigli carnivori; Il cavallo strano..

Viccrowley 23/07/15 00:07 - 814 commenti

I gusti di Viccrowley

Tratto da un famoso fumetto, Lone Ranger è uno di quegli oggetti poco identificabili che rischiano di non accontentare nessuno nonostante i pregi. Messo in piedi dalla combriccola dei commerciali quanto mediocri "Pirati dei Caraibi", può far pensare a una sorta di Jack Sparrow nel West. Sbagliato, qui il mix di azione, ironia ed effetti funziona e si riserva anche qualche bella trovata visiva che ne impreziosisce il risultato. Il cast gira bene e Depp dà vita a un personaggio riuscito e spassoso. Nota negativa per il finale, eccessivamente caciarone.

Belfagor 10/09/16 00:54 - 2663 commenti

I gusti di Belfagor

Dopo essersi arenato nei Caraibi, Verbinski cambia rotta e punta sul selvaggio West, ispirandosi a una serie famosa negli Usa. Anche questo film, tuttavia, soffre dei soliti difetti, inclusa una durata che diluisce i pur coinvolgenti momenti d'azione e una sceneggiatura che non sa quando quagliare. Hammer ha un buon potenziale comico e Depp lo accompagna nel modo giusto nonostante un ruolo per lui formulaico, ma a sorprendere positivamente è la Bonham Carter, con un personaggio pittoresco ma non esagerato.
MEMORABILE: La gamba d'avorio con fucile incorporato.

Jena 6/10/16 17:45 - 1423 commenti

I gusti di Jena

Verbinski ritenta l'operazione Pirati dei Caraibi: contesto in sé classico - qui il western - edulcorato e inzuccherato per un prodotto simpatico, che piaccia a tutti e incassi parecchio (qui tra l'altro con impianto ideologico obamiano-democratico in cui i bianchi sono quasi tutti avidi speculatori militaristi mentre le minoranze indiane e cinesi sono agnellini in cerca di riscatto). Il risultato è però fiacco: divertimento limitato, un protagonista con una faccia che da sonno; si salva solo Depp con la sua versione western di Jack Sparrow.

Taxius 4/02/18 20:25 - 1654 commenti

I gusti di Taxius

Dopo tre film sui pirati dei Caraibi Verbinski e Johnny Depp tornano insieme in quello che è una specie di remake dei pirati con il deserto e il vecchio west a sostituire il mare. Il film può benissimo essere definito un'allegra baracconata molto divertente col difetto di essere troppo lungo e con diversi momenti morti. L'ultima parte, quella dell'inseguimento sui treni col Guglielmo Tell in sottofondo, è un vero e proprio capolavoro del trash. Da vedere.

Pesten 4/03/18 10:22 - 752 commenti

I gusti di Pesten

Certo, il budget esorbitante speso per la realizzazione forse è più da kolossal che da commedia western e magari questo ha contribuito a creare delle aspettative da parte della critica e di una fetta di pubblico a cui questo film non era destinato, eppure sarebbe un errore snobbarlo. Il Depp che ormai preferisce ricoprire ruoli mascherati e basati sull'ironia qui è sicuramente più interessante e credibile di quando fa il pirata. Storia classica e ben eseguita, tanta azione ben girata, fotografia eccellente e location mozzafiato.
MEMORABILE: Gli incredibili scenari: Monument Valley, Moab, Canyon De Chelly, Lone Pine e via dicendo, protagonisti assoluti del film.

Magerehein 8/12/22 14:38 - 579 commenti

I gusti di Magerehein

Dopo il buon Rango, Verbinski ci riprova col western contaminandolo con quegli elementi che fecero la fortuna del suo esordio piratesco. Il gioco però non funziona: Hammer è qui inespressivo e poco adatto al ruolo del protagonista, mentre Depp (stavolta relegato a spalla) si muove sul filo del rasoio rischiando di scivolare nel macchiettistico. I personaggi sono superficiali e il ritmo della storia è irregolare; spesso ci si perde in lunghi momenti di stasi, mentre altre sequenze sono paradossalmente troppo movimentate (chiassosissimo ed irreale lo scontro finale). Esagerato.
MEMORABILE: Depp salta da svariati metri d'altezza, atterra di pancia su un vagone carico di pietre e naturalmente si rialza illeso (roba da Terminator).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Galbo • 6/10/13 16:27
    Consigliere massimo - 3954 interventi
    Film a mio parere sottovalutato; come opera semiparodistica è di tutto rispetto; Verbinski gira in modo eccellente e Depp è parecchio più misurato qui che nel ruolo di John Sparrow. Il suo limite è la lunghezza eccessiva.
  • Discussione Zender • 6/10/13 17:25
    Pianificazione e progetti - 46708 interventi
    Mah, che Verbinski giri bene sono il primo a dirlo, ma la sceneggiatura proprio non regge, a parer mio, a cominciare dagli insopportabili, prolungatissimi, inutili siparietti con Depp vecchio. Il fatto che sia stato un bagno di sangue al botteghino l'ha affossato definitivamente, considerato che non aveva pretese diverse dal puro e semplice incasso da ottenersi tentando di clonare la formula dei Pirati dei Caraibi.
  • Discussione Galbo • 6/10/13 19:39
    Consigliere massimo - 3954 interventi
    A me è sembrato un simpatico omaggio al genere western, hanno avuto molto più successo film più scadenti, non dico sia un capolavoro ma meritava più attenzione a mio parere
    Ultima modifica: 6/10/13 19:39 da Galbo