L'amante pura

Media utenti
Titolo originale: Christine
Anno: 1958
Genere: drammatico (colore)
Note: Soggetto tratto dalla pièce teatrale "Liebelei" dello scrittore austriaco Arthur Schnitzler, da cui era già stato tratto nel 1932 Amanti folli diretto da Max Ophüls.
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/04/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 7/04/08 18:03 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Remake di “Amanti folli” di Ophuls, sfrutta bellezza e fascino dei due giovani divi Schneider e Delon, che offrono comunque una più che discreta prova recitativa. Se è molto curata la ricostruzione della Vienna sfarzosamente aristocratica di inizi ‘900, la storia avanza invece all’insegna di un romanticismo asettico, languido e cerimonioso, per poi sterzare in coda verso drammaticità e tragedia. Un film di maniera, niente di più.

Belfagor 16/03/12 10:07 - 2626 commenti

I gusti di Belfagor

Già portata sullo schermo da Max Ophüls in Amanti folli, la pièce teatrale "Liebelei" di Schintzler viene declinata in questo sfarzoso melodramma ambientato nella Vienna del primo '800. La storia di amore e morte risente di un manierismo eccessivo e si congela in una rappresentazione visivamente appagante (le interpretazioni dei protagonisti e la fotografia sono comunque suggestive) ma ben poco coinvolgente.

Saintgifts 11/09/15 19:04 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

È l'amore vero che nasce tra Franz e Christine (Delon e la Schneider) a commuovere. L'interpretazione dei due, soprattutto quella della Schneider, è molto ben ambientata, nel senso che dà l'idea di un amore d'altri tempi, un amore di un romanticismo che a fatica si può credere ancora possibile. Anche altri sentimenti sono ben collocati, concetti della vita e dell'onore che passano davanti a tutto fino alle estreme conseguenze. Buona la scenografia, i comprimari non stonano e nell'insieme è un discreto film strappalacrime per i più sensibili.

Daniela 12/01/20 01:48 - 9634 commenti

I gusti di Daniela

Dopo quello diretto da Ophüls, un altro adattamento dal dramma "Liebelei" di Schnitzler: se il primo era stato un capolavoro di inarrivabile bellezza e poesia, questo è ben più modestamente un racconto sentimentale incentrato sul glamour della coppia Delon-Schneider: entrambi giovani e bellissimi, lui al primo ruolo da protagonista, lei ancora troppo legata al personaggio di Sissi. La cura formale, evidente in costumi e scenografie, nonché la discreta prova del cast rendono la visione potabile ma non evitano l'effetto da fotoromanzo a tratti stucchevole, nonostante il finale tragico.

Siska80 21/08/20 16:38 - 833 commenti

I gusti di Siska80

Drammone di palese origine teatrale che si lascia guardare per la bellezza della fotografia, dei costumi e della coppia protagonista, il cui feeling salta subito agli occhi (galeotto fu il set per i due attori). La trama, invece, oltre ad essere piuttosto esile, presenta delle forzature e alla fine risulta poco avvincente, sebbene dispiaccia vedere un epilogo fosco per una storia d'amore appena sbocciata.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Xtron • 13/08/15 20:48
    Servizio caffè - 1833 interventi
    C'è il dvd MUSTANG

    Audio italiano
    Sottotitoli in italiano
    Formato video 1.66:1 anamorfico
    Durata 1h36m35s

    Immagine a 29:04

    Ultima modifica: 14/08/15 08:05 da Zender
  • Curiosità Daniela • 11/01/20 22:31
    Consigliere massimo - 5289 interventi
    Soggetto tratto dalla pièce teatrale "Liebelei" dello scrittore austriaco Arthur Schnitzler, da cui era già stato tratto nel 1932 Amanti folli, diretto da Max Ophüls.

    Romy Schneider interpreta il ruolo di Christine, lo stesso che nel film di Ophüls era stato interpretato da sua madre Magda Schneider.