Insospettabili sospetti - Film (2017)

R
Insospettabili sospetti
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Going in Style
Anno: 2017
Genere: commedia (colore)
Regia: Zach Braff
Note: Remake di "Vivere alla grande" (1979). E non "Gli insospettabili sospetti".
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Tre amici sugli ottanta (chi più chi meno, l'età è quella), ex operai in una fabbrica che sta per revocare arbitrariamente le loro pensioni causa fusione, si ritrovano in bolletta e, specialmente nel caso di Joe (Caine), la situazione si fa spiacevole: gli mancano i soldi per finir di pagare il mutuo della casa e il rischio concreto - spiattellatogli in faccia dal consulente bancario con aria strafottente - è quello di perdere tutto. Testimone proprio durante il colloquio in banca di una rapina incruenta e fruttuosa, Joe capisce che forse, assieme ai suoi due amici storici, se ne può organizzare una simile e sottrarre alla banca con le armi i soldi che gli possano garantire la pensione infaustamente negata. Banditi per caso insomma. D'altronde...Leggi tutto cos'hanno da perdere? In prigione avrebbero comunque un tetto, due pasti al giorno e le spese sanitarie pagate... Gli altri due non sembrano sulle prime granché d'accordo ma poi, a ben vedere... Un terzetto di eccellenti attori a volte può salvare un film (remake del molto più malinconico e profondo VIVERE ALLA GRANDE di Martin Brest), anche quando il copione non è esattamente dei più brillanti. Le gag sono poche e quelle buone dosate con parsimonia, ma almeno nella prima parte - in cui si mira più dichiaratamente alla commedia agrodolce con impennate di prevedibile sarcasmo e punte di inevitabile malinconia - il film vive di buoni momenti, singoli (Arkin alle prese col nipote dell'amica che suona disastrosamente il sax) o corali (il doppio furto al supermarket). I personaggi calzano perfettamente sui tre attori: Caine è il solito elegante gentleman d'innata classe, Arkin il burbero cinico e contrario a tutto per partito preso, Freeman il più umano e conciliatore. Si integrano bene e non solo al circolo di bocce, dove tra le seconde linee troviamo peraltro il buon Christopher Lloyd nel ruolo (tanto per cambiare) del mezzo matto spiritato. L'alchimia insomma si crea, anche se spesso i tre si trovano alle prese con battute piuttosto infelici (quando commentano il serial in tv) o spalle meno efficaci del previsto (la cameriera attempata al bar). Se però il gioco regge fino alla metà, dalla rapina in avanti i toni da commedia si stemperano per lasciare spazio a un'azione blanda che prevede l'attuazione del piano e l'entrata in scena di nuove figure un po' troppo stereotipate (l'ex marito della figlia di Joe, il suo amico spacciatore, la bimba orientale). Matt Dillon, per l'ennesima volta in versione "stordita" nei panni del tenente di polizia dall'intelligenza limitata, è un altro cliché di un film che negli atti di bontà conclusivi dichiara la sua natura di commedia inoffensiva e consolatoria, illuminata qua e là dai lampi di classe dei tre protagonisti. In definitiva né più né meno di quanto ci si può aspettare da un film così: professionalmente curato, a tratti piacevole; qualche risata la strappa, anche se non si può certo definire travolgente.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/05/17 DAL BENEMERITO MARKUS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 6/05/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 6/05/17 19:46 - 3555 commenti

I gusti di Markus

Cinema senile, che alla mancanza di originalità sa donare un'ora e mezza di spensieratezza con qualche inevitabile concessione alla malinconia per via dell'età dei tre mattatori. Si organizza un colpo in banca per rientrare nelle spese e spendere gli ultimi anni della propria vita in agiatezza economica, ma la storia convince complessivamente meglio nella prima parte con momenti di sagacia e un ritmo insperato, rispetto alla seconda, decisamente fiacca. La riuscita della pellicola, come facile ipotizzare, sta tutta nella verve dei tre protagonisti.

Puppigallo 10/05/17 11:00 - 4966 commenti

I gusti di Puppigallo

Simpatica commediola, leggera, senza alcuna pretesa se non quella di sottolineare quanto le persone anziane, dopo aver contribuito, non debbano essere rottamate, o peggio. I tre protagonisti (autoironici) si destreggiano piuttosto bene, con una certa naturalezza; e questo fa sì che lo spettatore li segua per vedere come potrà andare a finire una vicenda, tanto improbabile quanto allegramente singolare. La classica pellicola cleenex (usa e getta), ma che dura il giusto e non annoia (risvolti sentimentali a parte: un dazio quasi obbligatorio da pagare).
MEMORABILE: "Fate i gattini"; Il test al supermarket, "Salta in questo cestino!". "Ma mi hai preso per E.T.?"; "Siete infiltrati?". "Più che altro infeltriti".

Ugopiazza 10/05/17 14:14 - 118 commenti

I gusti di Ugopiazza

Commedia di una pochezza imbarazzante con una sceneggiatura che sembra scritta al buio. I tre immensi attori protagonisti fanno ciò che possono per salvare la baracca, ma non possono far altro che arrendersi di fronte a un copione in cui a mancare sono le battute divertenti e le poche gag sono dirette con sciatteria. La noia regna sovrana per quasi tutta la durata; si salva qualche buon momento offerto da Alan Arkin. Clamorosamente sprecati Matt Dillon, Christopher Lloyd e Peter Serafinowicz (ottimo in Spy). Passate oltre.

Rambo90 10/05/17 22:50 - 7234 commenti

I gusti di Rambo90

Colpo maestro al servizio dei tre inossidabili mattatori. Loro portano avanti lo spettacolo e i loro fan non avranno di che restar delusi. Trama prevedibile ma script scoppiettante, che regala molte risate e anche un pizzico di suspense. Buona la regia, che dona ritmo e freschezza a tutta l'operazione. Trio indimenticabile. Notevole.

Galbo 18/07/17 08:00 - 11976 commenti

I gusti di Galbo

Una non tanto velata critica al sistema economico e sociale americano (e non solo), con le banche che sfruttano spregiudicatamente i risparmi dei loro clienti, è alla base di una commedia alquanto innocua ma che in fondo merita la visione per la professionalità e il carisma del terzetto protagonista. Caine, Arkin e Freeman reggono da soli un film più efficace nella prima parte (in cui si delineano i caratteri dei protagonisti e le loro relazioni) che nella seconda, sorta action annacquato. Gli attori avrebbero meritato un copione migliore.

Taxius 10/03/18 20:36 - 1654 commenti

I gusti di Taxius

Simpatica commedia con protagonisti tre arzilli vecchietti che decidono di organizzare la rapina perfetta. Film semplice semplice che col minimo sforzo riesce a intrattenere e divertire grazie, principalmente, alla bravura dei tre anziani. Con un trio di questo livello era impossibile ottenere un brutto film e, per quanto il risultato non resterà nella memoria dello spettatore, i 90 minuti della sua durata non sono buttati. Consigliato.

Kinodrop 18/12/18 19:27 - 2429 commenti

I gusti di Kinodrop

Braff dirige un remake ben sapendo di poter contare quasi esclusivamente sul carisma del trio Caine/Freeman/Arkin. Un'improbabile botta di vita porta i protagonisti a organizzare un colpo nella propria banca per riavere ciò che le speculazioni e la new economy avevano sottratto loro. Scorrevole e simpatico pur nei cedimenti sentimentaloidi, ottiene ciò che promette, ovvero una piacevole storia sulla dignità e sulla forza di volontà che supera acciacchi e limiti dell'età avanzata e riesce a conquistare per il garbo e il tatto della narrazione.
MEMORABILE: In negativo: il furto al supermarket e il retrogusto mieloso nei rapporti familiari; Siete infiltrati? Più che altro infeltriti; La bimba testimone.

Ultimo 3/12/19 16:42 - 1569 commenti

I gusti di Ultimo

Commedia senza infamia e senza lode, con tre protagonisti anziani ma in parte, capaci di coinvolgere e tenere in vita un film che non ha molto da dire ma che riesce in fin dei conti a consegnarci una buona morale. Meglio il primo tempo, in cui Michael Caine è più in parte. Molto triste la piccola parte di Christopher Lloyd, che poteva essere risparmiata. Guardabile, nulla di più.

Pinhead80 14/04/20 13:14 - 4371 commenti

I gusti di Pinhead80

Tre arzilli vecchietti decidono di dare una svolta alla propria vita dopo che sono stati "derubati" della loro pensione. Cercheranno di svaligiare la propria banca. Remake divertente che può contare su di un ottimo cast e una scrittura adatta alle caratteristiche dei tre protagonisti. Tantissima autoironia e l'amicizia permettono al terzetto di superare gli ostacoli derivanti dalla vecchiaia e dalla solitudine. Divertimento e azione sono garantiti fino alla conclusione.
MEMORABILE: Il tatuaggio.

Domino86 19/04/20 09:04 - 601 commenti

I gusti di Domino86

Grandi nomi del passato danno vita a un film decisamente buono, divertente e coinvolgente. C'è il giusto mix tra divertimento e suspense (leggera, data l'età dei protagonisti) che rende il film godibile per tutto il suo svolgimento. Tema di fondo sociale importante, situazione nella quale si troveranno sicuramente tanti americani non in grado di risollevare le loro sorti. Geniale la scena finale in cui Michael Caine fa il suo discorso.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.