Il mistero Henri Pick

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Le mystère Henri Pick
Anno: 2019
Genere: commedia (colore)
Note: E non "Il mistero di Henry Pick". Soggetto dal romanzo omonimo scritto dallo scrittore francese David Foenkinos, pubblicato nel 2016.
Numero commenti presenti: 6
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

L'idea che subito colpisce è quella della biblioteca che in una sala pensata appositamente conserva manoscritti mai pubblicati e rifiutati dalle case editrici. Siamo a Crozon, nella zona di Finisterre in Francia e una giovane editor (Isaaz) visita la stanza lasciandosi attrarre da un'opera firmata da tale Henri Pick, il pizzaiolo del paese morto da un paio d'anni. Giudicatala di notevole caratura, decide di pubblicarla dando risalto non solo al libro ma al modo in cui è stato ritrovato: ne nasce un caso editoriale che decreta il successo delle "Ultime ore d'una storia damore", romanzo denso di precisi riferimenti al poeta Puskin e alla Russia. Un critico letterario, Jean-Michel Rouche (Luchini), che invita...Leggi tutto alla propria trasmissione la moglie di Pick e la editor, lascia però trasparire pesanti sospetti: davvero difficile credere che un pizzaiolo che non risulta aver mai letto né scritto nulla in vita sua abbia partorito un'opera simile. Licenziato, lasciato dalla moglie, insultato dai parenti di Pick, Jean-Michel decide così di indagare sull'uomo e su come possano essere andate realmente le cose. Ed è qui che si apre la fase più interessante, legata allo svelamento di quel mistero che si fa asse portante di un film leggero e impostato su toni da commedia garbata ma costruito come un vero giallo (senza il morto), ricco di particolari sfiziosi, depistaggi, ipotesi fantasiose e una soluzione che - per quanto intuibile - conferma l'attenzione prestata nell'ideazione del soggetto. Non allo stesso livello la sceneggiatura, più convenzionale nei dialoghi nonostante possa contare su un ottimo attore come Luchini (cui si deve invece un'interpretazione per nulla banale) e nemmeno la regia, che si prende molte pause, rallenta e manca spesso l'obiettivo di mantenere la giusta tensione. Favorito da ambientazioni costiere di bella suggestione, da un clima tutto francese che si respira nella sdrammatizzazione degli eventi e nella soave colonna sonora, il film conta diversi momenti felici e personaggi spesso centrati (si veda ad esempio Hanna Schygulla nei panni della ex moglie del defunto ideatore della singolare biblioteca), con ricerche condotte tra archivi, filmati d'epoca e piccoli colpi di scena. Ad accompagnare nella sua impresa Jean-Michel è spesso la figlia di Pick (Cottin), al contrario del padre appassionata lettrice, colta ma fortemente in contrasto con il critico: non capisce perché questi si ostini a cercare una verità diversa da quella che tutti sembrano felici di festeggiare. Insomma, vien voglia di appassionarsi a questa curiosa indagine così ben studiata (anche se nel finale la credibilità va un po' a farsi benedire) ed è un peccato che certe divagazioni fuori tema spesso annacquino lo sviluppo dell'intreccio. Comunque un'operazione differente dal solito, che sa mescolare più generi con disinvoltura senza tradire il plot legato alla ricerca della verità.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/01/20 DAL BENEMERITO CAESARS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 11/06/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 7/01/20 14:10 - 2671 commenti

I gusti di Caesars

Spunto che poteva anche essere interessante, probabilmente però più per un mediometraggio che per un "lungo". La ricerca del vero autore di un romanzo di grandissimo successo, attribuito a un pizzaiolo defunto che non vantava grandi doti letterarie, diventa presto ripetitiva e senza grandi sbocchi che riescano a interessare il pubblico. Anche la soluzione lascia parecchi dubbi sulla sua logica. Il film vanta però buone interpretazioni (Luchini e la Cottin) e una bella ambientazione ben valorizzata dalla fotografia.

Daniela 30/05/20 22:09 - 9198 commenti

I gusti di Daniela

Il romanzo di un sconosciuto pizzaiolo bretone, scoperto per caso e pubblicato postumo, diventa un caso editoriale, ma un critico letterario puntiglioso sospetta la montatura ed inizia ad indagare... Piacevolissimo giallo in cui l'oggetto dell'indagine non è un delitto ma una possibile frode ai danni dei lettori, aggirati a fin di bene considerato che tutti ritengono l'opera un capolavoro, compreso il dubbioso protagonista brillantemente interpretato da Luchini. Ingegnoso l'epilogo, da gustare anche durante i titoli di coda. Bonus ulteriore: gli scorci incantevoli della penisola di Crozon.

Galbo 7/06/20 07:14 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Gradevolissima e originale commedia che unisce suggestioni letterarie e atmosfere giallo rosa intorno alla figura di un critico letterario che indaga su un misterioso manoscritto opera in apparenza di un modesto cuoco di provincia. Esempio di film dalla scrittura impeccabile, viene condotta da un regista che alterna momenti vivaci ad altri più intimisti, grazie anche ad un cast che offre una prova eccellente, con il sempre più bravo Luchini, di certo tra i migliori attori della sua generazione. Da non perdere. 

Ultimo 14/06/20 11:44 - 1346 commenti

I gusti di Ultimo

Commedia francese a sfondo giallo che ha come maggior pregio una trama per nulla scontata ed originale: un critico letterario indaga per scoprire chi sia il vero autore di un romanzo mai pubblicato e conservato in una biblioteca. Buona la prova di tutto il cast, in particolare del protagonista Luchini; belle le ambientazione a Crozon, cittadina della Bretagna ideale per l'ambientazione di una vicenda ricca di mistero e colpi di scena. Finale coerente con lo sviluppo e a tratti inaspettato. Un buon film.

Kinodrop 15/06/20 16:30 - 1454 commenti

I gusti di Kinodrop

Un manoscritto attribuito a un pizzaiolo bretone suscita un caso letterario per la sua qualità e spessore culturale (i riferimenti a Puskin): questo è lo spunto per una specie di giallo sulla reale paternità dell’opera, messo in moto da un critico letterario piuttosto diffidente con tanto di indagini, false piste e divagazioni, con un finale non imprevedibile ma che ha una sua consistenza. E’ anche una commedia che si muove dalla biblioteca nazionale di Parigi alla piccola sezione dei manoscritti rifiutati nel paesino di Crozon, con relative ambientazioni e paesaggi. Gradevole.

Capannelle 2/07/20 13:01 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Film scritto molto bene e sostenuto da un buon ritmo, almeno per due terzi, con una trama che non richiede grossi budget e che potrebbe essere ambientata ovunque. Certo, le location della Bretagna francese ci aggiungono un che di particolare ma non sono loro l'essenza del racconto. L'essenza è il personaggio del critico, come lo interpreta il bravo Luchini e come si sviluppa il personaggio accanto alla figlia del pizzaiolo. L'intrigo è gradevole, la risoluzione meno e impedisce di alzare il voto.
MEMORABILE: "Questo libro è stato rifiutato 32 volte".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.