Il miglior amico dell'uomo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Man's Best Friend
Anno: 1993
Genere: animali assassini (colore)
Regia: John Lafia
Note: Aka "Il migliore amico dell'uomo".
Numero commenti presenti: 7
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/09/08 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 28/07/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 26/09/08 11:53 - 4524 commenti

I gusti di Puppigallo

Siamo al cospetto di un cagnone (Max) farcito con il DNA di svariati animali, diventato "leggermente" suscettibile e possessivo nei confronti della padrona. In più, le sue unghie si allungano per salire sugli alberi e urina acido. Può bastare? Eppure, tra un'indagine che ruba preziose inquadrature al peloso e ringhiante protagonista e inutili dialoghi, il film ha i suoi momenti (Max che spia attraverso il buco della serratura, gatto ingoiato vivo, postino vs Max, rottamaio morso alle palle, Max vs automobile in corsa). Insomma, un filmetto al quale un'occhiata glie la si può anche dare.
MEMORABILE: L'amica alla protagonista (una giornalista): "Che ne sai tu dei diritti degli animali? Hai un pappagallo che non ti sopporta".

Tomastich 12/04/12 08:47 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Variante sul tema degli animali assassini che a mio parere cela una critica robusta nei confronti di un certo fondamentalismo animalista che può fare più danni del solito mad-doctor di turno (questa volta Lance Henriksen). Ally Sheedy fa il suo dovere, ma il protagonista principale è Max!

Rambo90 14/04/15 19:08 - 6427 commenti

I gusti di Rambo90

Horror che gioca sulla figura del cane amorevole e amico di tutti ribaltando questo stereotipo e facendone una belva mutata geneticamente, capace persino di mimetizzarsi. Il film funziona, anche grazie a una bella dose di humor nero (sottolineato anche in colonna sonora) e ai buoni effetti di Yagher, che permettono al cane (bravissimo) di ingoiare anche un gatto intero. Divertente e intelligente, ben diretto da Lafia e con un buon Henriksen in versione mad doctor.

Herrkinski 13/05/15 04:32 - 5281 commenti

I gusti di Herrkinski

Max, novello Cujo degli anni '90, è il vero protagonista di questo discreto eco-vengeance; sia quando è docile e protettivo con la Sheedy, sia quando si scatena nella sua brutalità, risulta addestrato molto bene e piuttosto credibile. Henriksen timbra il cartellino; la vicenda, pur con qualche scena più violenta, procede nella tradizione poco sanguinosa del periodo storico, evidente anche dalla confezione para-televisiva tipica di prodotti low-cost similari. Si lascia comunque vedere e ha qualche buona scena, pur rimanendo dimenticabile.
MEMORABILE: La mimetizzazione di Max; Max vs gatto.

Anthonyvm 24/02/18 01:33 - 2119 commenti

I gusti di Anthonyvm

Strano incrocio (non ho usato un termine a caso) fra Cujo e Beethoven. Max è un simpatico e tenero cagnone che non si fa troppi problemi a smembrare chi gli dà fastidio. Ma ha anche qualche altro asso nella manica: artigli da felino, urina corrosiva e può addirittura cambiare colore. Sembra davvero di trovarsi di fronte a un film per famiglie con cucciolone combinaguai, ma scritto da uno sceneggiatore horror. John Lafia è regista di abile mestiere e il film è tecnicamente buono. Molte le scene divertenti e discreta dose di gore. Per cinofili.
MEMORABILE: Il gatto ingoiato intero da Max; La scena d'accoppiamento fuori campo fra Max e una cagnetta, con tanto di latrati acutissimi.

Rufus68 17/06/18 22:47 - 3147 commenti

I gusti di Rufus68

Ennesimo para-horror infarcito di luoghi comuni (la squinzia ecologista, il fidanzato, i mocciosi, la musica spaccatimpani) e giocato su un tono compiaciuto nell'assoluta mancanza di originalità e atmosfera. Una produzione seriale in cui si nota il mestiere dell'industria (il cane ben ammaestrato, certi effetti), ma implacabilmente privo di anima e di guizzi autoriali, pur pallidi. Ci si trascina mestamente sino alla fine. Henriksen al minimo, sovrastato dal supercagnone.

Pumpkh75 2/12/19 15:33 - 1336 commenti

I gusti di Pumpkh75

Leggi Lance Henriksen, leggi Kevin Yagher, vedi la minacciosa locandina e ti lecchi i baffi per i prossimi mortiferi assalti della macchina da guerra canina. Peccato che gli stessi mustacchi siano invece inzuppati da una ciotola di latte e croccantini: il simpatico Max ne combina d’ogni ma partono sghignazzi e non brividi, l’impolverato io adolescente si trastulla ma rimane deluso perché il cagnolone è morigerato nella bestialità degli agguati. Riponiamo il film sereni ma poco eccitati, indovinati i titoli di testa. Can che abbaia...
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 11/07/15 09:08
    Pianificazione e progetti - 22095 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Notte horror", martedì 18 luglio 1998) di Il miglior amico dell'uomo:

  • Homevideo Anthonyvm • 23/02/18 19:10
    Formatore stagisti - 378 interventi
    Dalla collezione Anthonyvm, la VHS Medusa. Peccato che non abbiano usato la locandina originale!

    Ultima modifica: 23/02/18 19:12 da Zender