LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/07/15 DAL BENEMERITO RAMBO90
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rambo90 28/07/15 21:22 - 6347 commenti

I gusti di Rambo90

Un'avventura che mescola abilmente ironia, horror e fantasy. Sommers torna ai fasti della Mummia regalando un'avventura di puro intrattenimento ma non priva di originalità e intelligenza. L'umorismo a volte è un po' grossolano ma sono piccoli difetti in un film riuscito. Yelchin è a suo agio nel ruolo, la Timlin è splendida e Dafoe timbra il cartellino di una delle tante partecipazioni che si regala negli ultimi tempi. Colpi di scena telefonati verso la fine, ma almeno uno colpisce nel segno. Dignitosi gli effetti.

Pumpkh75 20/03/16 22:47 - 1316 commenti

I gusti di Pumpkh75

Sommers si dà una spolveratina con lo stesso canovaccio della Mummia, tra peripezie fantasy e spiritosaggini verbali, aumentando solo la parte horror (da un millilitro a due, non ci si aspettino certo litri di sangue) ma ricorrendo purtroppo a loffi twist di cui lo spettatore esperto sente l’olezzo al primo istante. Nonostante tutto, una certa evasione fa spesso capolino e i due protagonisti (Dafoe con assegno in mano no) si sbattono per allietarci. Se la lista d'attesa dei film da vedere è esaurita, si può anche non cambiar canale.

Daniela 27/07/16 09:23 - 9415 commenti

I gusti di Daniela

Thomas è un ragazzo strano, come ci viene ripetuto almeno una dozzina di volte e, tanto per ribadire il concetto, si chiama pure Odd (ossia Strano). Ha un dono segreto di cui metà paese è a conoscenza, ossia vede la gente morta e pure creature CG che portano sfiga... S. prova a replicare la ricetta degli spaventi conditi dall'ironia che ha fatto la sua fortuna in passato ma questa volta sbaglia proprio le dosi: il piatto è indigeribile, le carinerie fra i due fidanzatini sono terrificanti più dei mostri fluidi, il povero Yelchin pirleggia e Dafoe non si impegna neppure al minimo sindacale.

Piero68 25/08/16 10:39 - 2760 commenti

I gusti di Piero68

L'inizio sorprendente e adrenalinico cattura immediatamente lo spettatore e lascia ben sperare per il prosieguo. Poi però piano piano le attese si sgonfiano e la storia finisce con l'attorcigliarsi su se stesso non riuscendo a trovare sbocchi validi. L'aspetto poliziesco prevale su quello horror-fantastico e la voce fuori campo diventa una litania insopportabile. Insomma, l'ennesima occasione mancata, viste anche le tante situazioni telefonate e prevedibili. Cast passabile con un buon Yelchin e un pessimo Dafoe, qui doppiato veramente male.

Puppigallo 1/09/16 11:44 - 4510 commenti

I gusti di Puppigallo

I demoni che fiutano l'imminente massacro e seguono chi sta per metterlo in pratica (salvo quando...) rappresentano l'unico spunto piuttosto interessante di una pellicola martoriata dal rapporto lui-lei (gli alternativi e strani a tutti costi), fatto di frasi e "battute", che invece di risultare simpatiche, finiscono per far sperare che prima o poi gli capiti davvero qualcosa di tremendo, anche solo per interromperne i botta e risposta (e a volte sperare...). Persino Dafoe sembra piazzato lì per ricordare chi è, visto che la sua parte è di contorno, ma del genere patatine insipide.
MEMORABILE: Il colpetto di scena finale nella gelateria (intuibile), ma almeno abbastanza coraggioso.

Pinhead80 21/09/16 17:22 - 3953 commenti

I gusti di Pinhead80

Un ragazzo sfrutta le visioni che lo tormentano da quando era piccolo per aiutare la giustizia a catturare i colpevoli di atroci delitti o per prevenire omicidi di massa. Bella l'idea di adattare cinematograficamente il romanzo di Koontz, nonostante le evidenti difficoltà incontrate dal regista nel riuscire a ricreare le stesse emozioni vissute su carta stampata. I Bodachs sono ben rappresentati e inquietano a sufficienza. Dafoe invece sembra completamente spaesato.
MEMORABILE: La casa dell'uomo fungo.

Hackett 23/09/16 19:44 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Non era facile riprodurre al cinema lo stile brioso e asciutto dello scrittore Dean Koontz, autore della serie di libri su Thomas Odd e di moltissimi altri romanzi horror. Il solido veterano dell'action Stephen Sommers ci ha provato riusciendoci a metà. Se la leggerezza di alcune situazioni a contrasto con il tono cupo della vicenda sembra rendere bene l'idea di partenza, la pecca principale di questo horror è quella di non spaventare e indugiare forse un po' troppo sul sentimentalismo. In ogni caso una visione la merita.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 27/07/16 09:36
    Consigliere massimo - 5146 interventi
    Il film è un adattamento cinematografico de Il luogo delle ombre, primo romanzo della serie Odd Thomas di Dean R. Koontz, autore statunitense che ha scritto un numero ragguardevole di thriller, gialli, fantascienza ed horror.
    Poco meno di una ventina le sue opere trasposte sullo schermo, nessuna delle quali entrata nella storia del cinema. Il titolo più noto è Generazione Proteus con Julie Christie, diretto dal regista Donald Cammell ed uscito nel 1977.
  • Discussione Daniela • 9/09/16 02:24
    Consigliere massimo - 5146 interventi
    Puppi, leggo nel tuo commento:

    una pellicola martoriata dal rapporto lui-lei (gli alternativi e strani a tutti costi), fatto di frasi e "battute", che invece di risultare simpatiche, finiscono per far sperare che prima o poi gli capiti davvero qualcosa di tremendo...

    La cosa mi rassicura: allora non sono stata la sola a desiderare ardentemente durante la visione che la fidanzatina facesse una finuccia il più possibile rapida, anche se non necessariamente indolore ;o)
    Ultima modifica: 9/09/16 09:20 da Daniela
  • Discussione Puppigallo • 9/09/16 10:13
    Scrivano - 502 interventi
    Io non contemplavo anche "il non necessariamente indolore", perchè dava comunque una possibilità di scappatoia senza soffrire. La esigevo dolorosa e straziante. Poi per carità, uno alla fine si accontenta.
    Ultima modifica: 9/09/16 10:18 da Puppigallo
  • Discussione Daniela • 9/09/16 11:04
    Consigliere massimo - 5146 interventi
    Evidentemente certi film hanno il potere di far emergere il nostro lato più sadico ;oP