Il fiore del male

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/05/09 DAL BENEMERITO GHOSTSHIP
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ghostship 16/05/09 20:30 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Dramma borghese incentrato sulla colpa per la vecchia volpe Chabrol, che mette in scena una torbida storia di intrighi familiari tratteggiando (e fustigando) ancora una volta la classe media abituata a fingere ed a nutrirsi della propria ipocrisia. Manipolo di personaggi volenti o nolenti negativi, di cui solo uno troverà redenzione in un atto apparentemente altruista. Il regista è come al solito preciso, sicuro e ricercato nelle inquadrature conducendo la pellicola senza sbavature verso l'inesorabile e già anticipato, finale. Minore ma da vedere.

Jorge 31/10/10 11:22 - 164 commenti

I gusti di Jorge

Opera minore di Chabrol, ma non per questo meno godibile. Ottima prova del cast (Magimel ottimo come sempre), storia coerente con la visione chabroliana della borghesia. Resta qalcosa di intentato a livello di soggetto e sceneggiatura, intimiste le musiche e la fotografia. Un bel film.

Cotola 16/11/10 23:19 - 7529 commenti

I gusti di Cotola

Il migliore, a mio avviso, tra gli Chabrol di inizio secolo: teso, compatto e avvincente per tutta la sua durata, analizza temi usuali al regista francese ma lo fa con ottimo piglio e con risultati superiori alla media, dando nerbo e ritmo alla pellicola. La provincia francese e la famiglia come covo di vipere e di ipocrisia, la politica pure. Certo, niente di nuovo, ma che classe. Avercene di registi così.

Belfagor 15/08/11 16:33 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

"Il tempo non esiste, viviamo in un eterno presente". Basta questo a riassumere l'ottusa mentalità borghese che Chabrol, giunto al suo 50° film, mette alla berlina con un'ironia spiazzante. La famiglia dei protagonisti vive in una perpetua ripetizione dei propri errori, una stasi che solo l'anziana e carismatica Line è in grado di infrangere, anche se solo per un momento, affrontando le conseguenze del gesto che aveva segnato la sua vita. Il cinema tratta spesso dell'ipocrisia, ma raramente raggiunge questi livelli.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.