Il cacciatore di teste

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

John McNaughton è il regista dell'acclamato HENRY - PIOGGIA DI SANGUE e, bisogna ammetterlo, alcuni numeri li ha. Se però HENRY è un film che può contare su di un’idea originale e un approccio del tutto nuovo alla figura del serial killer, questo THE BORROWER è esattamente quello che vi immaginereste leggendo la trama: c’è un alieno condannato dai suoi simili a vivere sulla Terra. Appena arrivato, al poveretto esplode la testa (dopo un po’ di rigonfiamenti sotttocutanei e bolle varie, come nella miglior tradizione horror, nell’unico vero effetto splatter del film) ed è costretto a sostituirla...Leggi tutto con quella del primo che passa. Dopo poco il problema si ripresenta e il nostro, mantenendo sempre lo stesso corpo (così ci viene fatto di credere, in realtà non sembra proprio), comincia a staccare un po' di teste di qua e di là. L'idea è di quelle che hanno fatto la storia dell'horror fantascientifico (vedi L’ALIENO, SOTTO SHOCK...) e McNaughton non ci aggiunge veramente niente di nuovo. Dovremmo forse appassionarci alle investigazioni della poliziotta Rae Dawn Chong, novella Pam Grier con molta meno personalità (da blaxploitation di serie Z), alle incursioni parallele del teppistello armato Scully? Ma per piacere! E allora non ci resta che seguire gli spostamenti dell’alieno staccateste, costantemente rintronato perché nella nostra lingua spiaccica due parole (diverse a seconda della vittima di cui monta la testa) e vagolante per i bassifondi della città. Ci sono una buona fotografia notturna, qualche dialogo non scontatissimo, ma tutto sommato ben poco in più rispetto a qualsiasi tv-movie di un certo rango. Insomma, un tipico fantahorror all'americana, col solito nero brillante, l'ubriacone cui non crede nessuno...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 6/10/08 20:28 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Dopo aver diretto l'interessante Henry - Pioggia di Sangue, John McNaughton dirige un fanta-horror di routine, palesemente ispirato a titoli più celebri (La Cosa e L'Alieno su tutti): una creatura extraterrestre condannata all'esilio in Terra umana si trova in difficoltà causa effetti collaterali delle condizioni climatiche nostrane, perdendo la testa. Niente di meglio che raccattarne una dai terrestri; sennonché il problema diventa seriale: e allora vai di decapitazione in decapitazione. Peccato che lo splatter, unico motivo d'interesse per un siffatto lavoro, sia parco e mal realizzato...

Cotola 5/10/08 13:43 - 7611 commenti

I gusti di Cotola

Sebbene qualcuno vi abbia intravisto interessanti metafore (Mereghetti) in realtà non sembra distaccarsi molto dalla media di un, brutto, film di genere. Qualche idea interessante sicuramente c'è e McNaughton non è l'ultimo arrivato (come dimostrerà in seguito) anche se qui non lo dà troppo a vedere. A tratti salvabile ma si può tranquillamente evitare senza essersi persi nulla.

Daidae 9/02/09 15:40 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Considerato ingiustamente un film brutto rappresenta invece un buon horror di "seconda fascia". Un alieno condannato per crimini nel suo pianeta subisce la pena della "trasformazione" ossia, visto che l'esperimento di mutazione umana aveva qualche effetto collaterale, lui perde la testa e deve raccattarne altre (inclusa quella di un cane!); nel frattempo una poliziotta dà la caccia a un giovane stupratore... Fantahorror divertente e leggero.
MEMORABILE: L'alieno con testa canina e corpo umano; Lo stupratore.

Herrkinski 3/02/15 00:59 - 5284 commenti

I gusti di Herrkinski

Fanta-horror di stampo tipicamente ottantiano, girato da un McNaughton che pare non voler prendersi troppo sul serio rispetto al precedente Henry. L'alieno che passa da un corpo all'altro cambiando identità è un classico della fantascienza, da L'invasione degli ultracorpi a L'alieno; nulla di nuovo quindi, ma l'ironia con cui sono trattati i vari personaggi, una buona fotografia notturna e urbana e qualche discreto effetto splatter rendono il film godibile. Evitabile la sottotrama poliziesca col maniaco e un po' deludente il finale, ma tant'è.

Jena 5/01/16 12:11 - 1216 commenti

I gusti di Jena

McNaughton gira il suo "Uomo che cadde sulla terra" con un risultato che poteva essere anche migliore. Il film funziona quando, mettendo in secondo piano l'aspetto horror, si sofferma sullo straniante contatto dell'alieno con il mondo anni 90 (e in questa fase è impagabile Towles/alieno che gira per la città in camicia hawaiana insanguinata), meno quando si segue le vicende dell'improbabile poliziotta Rae Down Chong e quando si sbraca nell'horror alla Arma non convenzionale. Gustosa anche la trovata della testa di cabe trapiantata.
MEMORABILE: L'inizio nell'astronave; Le espressioni di Towles quando gira come un barbone; La testa di cane.

Minitina80 22/08/17 08:08 - 2396 commenti

I gusti di Minitina80

Discreto fanta-horror emulo di titoli che hanno ottenuto miglior sorte e risonanza. Si muove su due binari paralleli, forse per sopperire alla carenza di idee di un copione altrimenti esangue. A un certo punto, infatti, finisce per ripetersi un po’, ma ha il pregio di essere ironico e di saper spingere sul pedale dell’horror quando il caso lo richiede. Non può ambire a vette importanti per evidenti limiti intrinseci, ma nel contesto di una seconda fascia rimane dignitoso e un appassionato del genere non può negargli una chance.
MEMORABILE: L’alieno con il corpo di uomo e la testa di cane.

Anthonyvm 20/05/18 23:58 - 2122 commenti

I gusti di Anthonyvm

Non bello ma stranamente irresistibile, questo sci-fi horror con forti contaminazioni da commedia parte da un'idea assurda (un serial killer alieno viene mandato in esilio sulla Terra sotto forma di umano) e la sviluppa in modo anche più strampalato (si scopre che l'alieno ha l'abilità di impiantare teste umane sul suo collo e assumere via via nuove identità). Non ci sono sottigliezze: buon gore, buone scene disgustose, una sottotrama poliziesca a dare spessore. Non c'è nemmeno una vera resa dei conti. Molto diverso da Henry, non c'è che dire.
MEMORABILE: Il "borrower" si rifugia presso una mensa dei poveri, gli viene lanciato un topo morto nella minestra e lui se lo mangia impassibile.

Taxius 14/10/18 11:36 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Un alieno viene esiliato sulla Terra e come punizione trasformato in uomo; peccato che uno degli effetti collaterali della trasformazione sia la perdita della testa; dovrà quindi di volta in volta cercarne di nuove. Sorprendente horror fantascientifico in puro stile anni 80 che strizza l'occhio a titoli più famosi del genere ma che comunque riesce ad avere una sua originalità. Le scene gore non mancano e il film, pur nella sua semplicità, è davvero gustoso e ben girato. Merita di essere riscoperto.

Rufus68 26/03/19 22:11 - 3149 commenti

I gusti di Rufus68

La dozzinalità tipica dell'horror americano anni Ottanta fra dialoghi triviali, musichette al sintetizzatore e sceneggiatura men che basica. L'alieno che si veste di abiti umani è un luogo comune svolto con fare semplicistico: nulla, peraltro, ravviva la storia che ripete con fatica ammazzamenti e strabuzzamenti. Da McNaughton ci si aspettava ben altro invece che l'adagiarsi nella mediocrità del genere. Un filmino come tanti. Cast trascurabile.

Vito 17/01/20 08:48 - 665 commenti

I gusti di Vito

McNaughton dirige questo strambo horror degli anni '90 che però sembra in tutto e per tutto uscito dal decennio precedente. Un alieno sbarca sulla Terra ed è costretto a cambiare teste in continuazione per sopravvivere. Splatter, umorismo (volontario e non), recitazione terribile, trama inesistente fanno di The borrower un filmetto particolare e divertente. Menzione speciale per Rae Dawn Chong, la protagonista bella e combattiva.

Fabbiu 17/03/20 16:41 - 1952 commenti

I gusti di Fabbiu

Film dallo stile particolare. Un pretesto di base fantascientifico (alieno costretto a cercare teste) e contesto poliziesco (in realtà sviluppato in modo piuttosto scialbo). Troppe lungaggini inutili ed è un peccato, perché alcuni momenti conditi da ironia e un certo spirito d'eccesso sono ben realizzati. Anche la fotografia è piacevole mentre è godibile l'atmosfera urbana notturna. Purtroppo penalizzato dal ritmo e da evidenti incongruenze di sceneggiatura che non lo valorizzano abbastanza.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 21/06/10 17:18
    Scrivano - 7630 interventi
    Pur se realizzato nel 1989 The Burrow dovette restare, almeno un paio di anni, sospeso nel limbo degli inediti a causa del fallimento della compagnia di produzione.
  • Homevideo Noncha17 • 1/02/18 16:00
    Magazziniere - 1073 interventi
    Uscito di recente in DVD per la "rediviva" Quadrifoglio..

    Amazon