LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/03/09 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 30/03/09 10:26 - 7781 commenti

I gusti di Pigro

Storie parallele durante la guerra: da una parte un giovane nazista sempre più disgustato; dall'altra parte un cantante americano e un ebreo. Le tre storie scorrono lontane, mostrando i rispettivi sogni e amori, portando così lo spettatore ad aderire con simpatia ai tre personaggi (che si uniranno in un finale drammatico) con lo scopo di evidenziare gli orrori della guerra che sacrifica inutilmente la 'meglio gioventù'. L'ottima sceneggiatura e l'implacabile regia (e un grande Marlon Brando) ne fanno un classico.

Saintgifts 5/10/09 23:28 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

La Seconda Guerra Mondiale raccontata in un modo originale attraverso tre giovani, due americani e un tedesco. Dapprima in abiti civili, ognuno con la sua propria vita, vite destinate ad intrecciarsi tra di loro, poi in divisa su fronti diversi con ideali diversi. Il lungo film (180') affronta situazioni della vita civile e del mondo militare, alcune in modo abbastanza approfondito altre più superficialmente. Le interpretazioni sono ottime e buona anche la regia, qualche pecca nel finale sui campi di concentramento. Da vedere senz'altro.
MEMORABILE: Il discorso dell'ufficiale tedesco amico di Marlon Brando durante la cena con le ragazze francesi, sulla tragica stupidità e inutilità della guerra.

Galbo 28/03/10 12:48 - 11382 commenti

I gusti di Galbo

Film bellico con una prima parte piuttosto originale che mostra le vicende pre-belliche dei tre protagonisti, visti poi nell'esercizio delle loro funzioni militari. La regia solida e di ampio respiro del veterano ed esperto Dmytryk e le ottime interpretazioni di "mostri sacri" come Brando e Clift ne fanno un classico del cinema che non viene appesantito neanche dalla non indifferente durata.

Daniela 18/02/11 17:11 - 9379 commenti

I gusti di Daniela

Due americani - l'ebreo tenace Clift e l'opportunista Martin - ed un austriaco idealista (Brando biondo platino), le cui vite sono destinate ad incrociarsi tragicamente durante la guerra. Bellico di largo respiro, reso particolare dal peso riservato alle vicende personali dei protagonisti prima della chiamata alle armi e dalla struttura ad incastro che permette di condurre la vicenda in diverse localizzazioni, dalla Francia occupata alla campagna d'Africa. Con buone sequenze, ma anche cadute retoriche ed intermezzi poco significativi. Cast lussuoso.

Belfagor 27/04/11 19:50 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Le vite di due soldati americani e di un austriaco s'intrecciano drammaticamente durante il secondo conflitto mondiale, in questa lunga pellicola bellica. Ottima la gestione del rapporto fra gli eventi della guerra e le vicende personali dei protagonisti, che dedicano a ciascun aspetto il tempo necessario. In certi punti risente della durata eccessiva, ma è comunque sorretto da ottime interpretazioni.

Mark 26/06/11 01:19 - 264 commenti

I gusti di Mark

Il percorso di due vite che scorrono parallelamente nel medesimo periodo storico ma in paesi diversi fornisce il pretesto per la rappresentazione di due mondi opposti quanto a cultura, principi e costumi. Sia l'interpretazione di Martin che di Brando sono da manuale, ma la lunghezza del film è estenuante e alcune scene potevano essere evitate senza inficiare la resa nel suo complesso. In definitiva però un ottimo film.

Myvincent 24/09/16 08:13 - 2549 commenti

I gusti di Myvincent

Tre "giovani leoni" alle prese con i propri ideali e con se stessi, si trovano faccia a faccia con la guerra che mostrerà il suo vero volto e a seguito della quale non saranno più gli stessi. Il racconto attorno a Marlon Brando è il migliore, sviluppandosi dentro la sua maestosa aura di leggenda ed esprimendosi grazie alle sue doti da fuoriclasse. Finale un po' retorico, ma dopo tanto orrore ci voleva.
MEMORABILE: La camminata effeminata di Montgomery Clift.

Rigoletto 13/10/18 09:51 - 1559 commenti

I gusti di Rigoletto

Ottimo film bellico, incentrato più sulla vita di tre soldati su fronti opposti piuttosto che sulla guerra in sé. Montgomery Clift eccellente, Dean Martin fantastico, ma il migliore è Brando (qui ariano ma non fanatico, nemico ma non assassino), la cui storia è quella meglio costruita. Ultima mezz'ora un po' retorica e propagandistica, ma che si inserisce con naturalezza in un contesto tragico e che quindi ha una sua valenza, compreso il finale che avrebbe potuto essere interpretato in chiave più positiva.
MEMORABILE: In negativo l'eccessiva lunghezza e l'inutilità di certe scene.

Noodles 29/11/19 15:39 - 845 commenti

I gusti di Noodles

Quando un film dura quasi tre ore e riesce a tenere sempre altissima l'attenzione, siamo di fronte forse non a un capolavoro ma sicuramente a un grande film. La scelta più azzeccata è stata sicuramente quella di concentrare l'attenzione principalmente sugli uomini e non sui soldati, tratteggiando i loro caratteri alla perfezione ed evitando lunghe e noiose battaglie, ridotte al minimo. Grande interpretazione dei protagonisti. Un gioiello del cinema di guerra e non solo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 9/12/09 14:37
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Dean Martin ottenne il ruolo nel film dopo che Tony Randall non fu più disponibile.

    Fonte:Imdb