Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/11/16 DAL BENEMERITO MYVINCENT
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Myvincent 13/11/16 23:25 - 3363 commenti

I gusti di Myvincent

Bellocchio è uno dei pochi registi rimasti a ricreare un cinema autoriale all'ombra dei grandi nomi di una volta, dai quali ha appreso appieno la lezione. La storia, tratta da un romanzo di Gramellini, è un'occasione per sparare su alcune italiche istituzioni (come la famiglia, la figura materna) ancora troppo intoccabili nell'Olimpo tradizionale di ciascuno di noi. Il risultato è formidabile (pur con qualche esasperazione drammatica) nella proposta di rilanciare instancabilmente motivi di riflessione e approfondimento umano.
MEMORABILE: La maschera di Belfagor come deus-ex-machina a cui appellarsi nei momenti di difficoltà.

Nancy 26/11/16 17:25 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Bellocchio ripropone le stesse tematiche a lui care (trite e ritrite) del conflitto genitoriale prendendo spunto dal best seller di Gramellini. Una trama decisamente scontata ma che fa di questa scontatezza il fulcro della sua vicenda e ripercorre la vita del protagonista con un incedere quasi psicoanalitico. I momenti drammatici abbondano, ma sono abbastanza coesi, tranne tutte le sequenze con la Bejò, che personalmente ho trovato slegate al resto e francamente brutte (a partire dalla faccia di lei). Fotografia super dark di Ciprì. Da vedere.

Didda23 2/04/17 12:35 - 2372 commenti

I gusti di Didda23

Tanto curato esteticamente e nella forma quanto inutile nella sostenza (fondamentalmente non trovo la vita di Gramellini così più interessante di tante altre storie). Bellocchio conferisce il giusto piglio registico e la fotografia dalle tonalità plumbee di Ciprì è più che consona alla "drammaticità" della vicenda. Mastandrea, in un ruolo a lui congeniale, sa offrire il meglio di sé. Molti elementi poco ficcanti - Sarajevo e la celebrazione del ricordo di Superga - allungano malamente il brodo oltre le due ore e dieci. Tanta sovrastruttura per esprimere semplici e basilari concetti.
MEMORABILE: La madre che vuole restare sull'autobus; La parentesi tangentopoli che è superflua ma ci regala un grande Gifuni.

Galbo 11/05/17 05:50 - 11972 commenti

I gusti di Galbo

Un sopravvalutato (secondo chi scrive) libro di Gramellini diventa in mano a Bellocchio un film meritevole di visione. Il regista ha il merito di valorizzare gli elementi più interessanti della storia che, sopratutto quando entra in scena l’ottimo Valerio Mastandrea, diventa un percorso esistenziale di recupero “nobile” e catartico del passato del protagonista. Funzionano la prova di tutto il cast e la plumbea ambientazione. Peccato non si riesca ad evitare qualche lungaggine di troppo che appesantisce il film.

Lou 4/03/18 11:32 - 1092 commenti

I gusti di Lou

Il mestiere di Bellocchio e la scelta azzeccata di Mastandrea come protagonista consentono al romanzo autobiografico di Gramellini di diventare un buon film, intenso e commovente, efficace nell'approfondimento psicologico. Ben ricostruiti i contesti sociali e ambientali degli anni 70 prima e 90 poi, che fanno da contorno al dramma personale che accompagna la crescita del grande giornalista.

Nando 6/03/18 22:30 - 3691 commenti

I gusti di Nando

Liberamente tratta dal libro autobiografico di Gramellini, la pellicola ha il merito di una narrazione interessante, nonostante qualche incongruenza temporale. Bellocchio è un maestro di cinema e lo dimostra ampiamente avvalendosi di un convincente Mastandrea e di un'affascinante Bejo. Cameo per Gifuni. Forse qualche scena appare prolissa, ma nel complesso è un buon film.

Jandileida 28/03/18 23:27 - 1436 commenti

I gusti di Jandileida

La figura della madre è di nuovo al centro di un'opera di Bellocchio, che pur in tarda età non sfugge al discutibile vezzo della prolissità. Ed è un peccato perché se al film fossero stati sottratti orpelli inutili, la storia in fin dei conti ordinaria di Gramellini, messa sontuosamente in scena, tocca corde sentimentali che tutti possediamo: il vuoto di una perdita, il calore di una mamma, il passare attraverso la cruna del dolore per conoscere se stessi. Il tutto senza melassa e (quasi) senza toni melò. Qualche solito eccesso di psico-intellettualismo.

Giùan 27/04/18 09:39 - 3901 commenti

I gusti di Giùan

Nato sostanzialmente su commissione e conseguentemente poco classicamente bellocchiano, è comunque un film che il Maestro di Bobbio mina costantemente e che finisce per viver proprio sulla contraddizione tra la storia tremendamente populistico-privata di Gramellini e la crudezza visceralmente anti-empatica del regista di Buongiorno, notte. Si è così combattuti tra stile narrativo scorrevole, fisiologicamente impersonale e graffi d'autore carichi di trattenuta ferocia (la mamma Degli Esposti, la risibilità della "scoperta" del suicidio..). Sfrangiato.
MEMORABILE: La tenera bellezza inquieta di Barbara Ronchi; L'assolo di Fabrizio Gifuni.

Valerio Mastandrea HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Kaciaro • 16/11/16 00:46
    Galoppino - 494 interventi
    bel film veramente emozionante, forse qualche sbalzo temporale di troppo....
  • Curiosità Fedemelis • 11/09/19 07:51
    Fotocopista - 2019 interventi
    La partita del servizio di 90° minuto che appare nel televisore di Massimo (Mastandrea), diventato da adulto un affermato giornalista sportivo de “La Stampa”, è Genoa - Napoli 3-4 del 19 gennaio 1992, valevole per la 17° giornata Serie A '91/'92:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images55/faub1.jpg[/img]

    Zoom sul televisore:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images55/faub2.jpg[/img]
    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images55/faub3.jpg[/img]