LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Non è una vera commedia, non è un dramma, non è un sentimentale. Si fa prima a dire cosa DOWNHILL non è, perché identificarne il genere d'appartenenza è difficile, ancor più che per l'originale svedese di cui è il remake. Pete (Ferrell) è con la famiglia in Tirolo, sulle piste da sci austriache per una vacanza. La moglie Billie (Louis-Dreyfus) e i due figli sembrano essere contenti, pur se non entusiasti. Eppure nell'aria qualcosa di anomalo si percepisce, a cominciare dall'accoglienza in albergo: la responsabile (Otto) spiega che lì non ci sono bambini perché ci si diverte tra adulti, quindi...Leggi tutto si lancia in qualche battuta piuttosto volgare. Il tutto per comunicare, anche in chi guarda, una sensazione di strano imbarazzo. Eppure non è nemmeno a questo che il film punta: la vera svolta si ha quando, mentre i quattro sono a pranzare sulla terrazza di un rifugio, arriva una valanga "controllata": tra i tanti che non ne hanno capito la natura si diffonde il panico e la neve arriva a rovesciarsi pesantemente sui tavoli, sommergendoli. Pete, invece di preoccuparsi dei figli e di sua moglie, prende istintivamente il telefonino e se la dà a gambe. Nessuno si fa male, d'accordo, ma la donna è atterrita, da un simile comportamento, ed è chiaro come tra i due qualcosa si rompa. Eppure lui non se ne accorge, ripete che è andato tutto bene e che non ha senso parlarne. Quando però una coppia amica di Pete passa in albergo a salutarli, la questione riemerge e si apre una discussione a quattro: si parla di normale istinto di sopravvivenza, ma Pete insiste nel dire di non essere affatto scappato. Apparentemente non una frattura insanabile, ma ricucire lo strappo non è semplice, anche perché il carattere di Pete e Billie sembra agli antipodi: tanto accomodante e arrendevole lui quanto pignola e cocciuta lei. I bambini restano al di fuori, educati e assenti a osservare l'incomunicabile gelo tra i genitori, percependolo senza troppo preoccuparsene. Le giornate trascorrono senza che mai nulla di davvero rilevante succeda, senza che mai le tensioni esplodano a conferma di un film che frena di proposito quando potrebbe accelerare (l'accenno di relazione col maestro di sci), scegliendo strade che si vorrebbero poco battute ma che in realtà non sembrano condurre a nulla. Qualche momento in cui la tensione timidamente esplode non manca, raffreddata comunque dalla naturale predisposizione all'ironia che Ferrell (doppiato sempre al meglio da Pino Insegno) garantisce. Pete sembra un ingenuo frescone, rispetto a una moglie molto più matura che pretende di avere costantemente in mano la situazione. E la differenza con FORZA MAGGIORE sta per l'appunto soprattutto in Ferrell, la cui performance, sempre in bilico tra commedia e drammatico, finisce per pendere inevitabilmente dalla parte della prima: troppo si è abituati a vederlo muoversi in ambito comico o comunque umoristico per riuscire a prenderlo sul serio fino in fondo. Di conseguenza l'impatto sul risultato è pesante: la fondamentale indagine psicologica dei caratteri ne esce parzialmente falsata dalla presenza ingombrante del bravo comico. Ci si chiede a questo punto a cosa servisse un remake che lambisce più generi senza affondare il colpo e rimanendo perennemente incerto sulla strada da prendere. Ci si dilunga nel mostrare le discese sugli sci, nel porre l'accento sui silenzi della coppia che in camera si lava stando di fronte ma divisa da uno specchio comune, senza dimenticare però di lasciare a Ferrell la possibilità di azzeccare qua e là qualche scambio divertente all'insegna di un costante imbarazzo (davanti alla responsabile spregiudicata o agli amici). Non pessimo ma insignificante.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/10/20 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 15/10/20 10:29 - 9621 commenti

I gusti di Daniela

I nomi del cast potrebbero far pensare ad una versione in chiave di commedia del bel film svedese, invece il focus è sempre quello di un rapporto matrimoniale messo in crisi da un evento imprevisto e a dominare è la sensazione di imbarazzo. Se la trama è la stessa, a parte l'epilogo, la prospettiva è diversa: laddove Forza maggiore era rigoroso e quasi entomologico, qui si sollecita l'empatia verso i due protagonisti, attorialmente  più caratterizzati. Il risultato è dignitoso ma compromesso dall'incertezza nei toni che ne fa un remake sbiadito, privo della forza dell'originale. 

Galbo 28/10/20 17:08 - 11444 commenti

I gusti di Galbo

Una coppia in vacanza in una località sciistica austriaca è posta di fronte ad un evento che la destabilizza. Il remake americano del norvegese Forza maggiore ne segue le tracce senza operare grandi cambiamenti. Il nucleo del film è come nel modello originale quello dell’ insicurezza che “mina” un rapporto matrimoniale e che fa mancare la fiducia. Realizzato con professionalità e ben interpretato, tende a girare un po’ a vuoto, con tempi morti e sequenze che sembrano meramente riempitive.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.