Down - Discesa infernale

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Down
Anno: 2001
Genere: horror (colore)
Regia: Dick Maas
Note: Sequel/Remake di "L'ascensore" (De Lift, 1983) diretto sempre dall'olandese Dick Maas
Numero commenti presenti: 11
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dick Maas, che negli Ottanta aveva saputo imporsi dall'Olanda con un horror trasformatosi col tempo in un piccolo cult, gira un remake americano di quello stesso film senza troppe variazioni di rilievo e anzi stando bene attento a riproporne le scene che l'avevano reso celebre presso gli appassionati, da quella del cieco che finisce nella tromba a quella (visualizzata in ogni locandina) della bimba con la bambola che gioca con le porte dell'ascensore. Ciò che però sviluppa ampliandola è la parte riguardante le indagini di un manutentore della ditta di ascensori cui appartengono quelli del grattacielo al centro del film, la Meteor. E’ lui il protagonista (come nell’originale...Leggi tutto d’altra parte) e qui ha il volto lynchiano di James Marshall, più noto come il bel James Hurley di TWIN PEAKS. Ad affiancarlo nelle ricerche di nuovo una giornalista, la bella ed emergente Naomi Watts, a caccia di scoop ma con qualche impedimento di meno nella relazione con l'uomo, in questo caso non sposato con figli e anzi fresco single. Se quindi l'originale lavorava molto sulle atmosfere trovando nella cupa fotografia e in un forte distacco dal mainstream hollywoodiano la sua ragion d'essere e la sua singolarità, il remake si riavvicina invece ai modelli americani contaminando l'orrore con il thriller e con qualche inserto non distante dalla commedia, talvolta sentimentale (notevole la chiusura su una contestualizzatissima "Love In An Elevator" degli Aerosmith). Inevitabile che spostando il fuoco l'effetto ottenuto, per quanto i richiami al modello siano numerosi e la traccia sostanzialmente identica, modifica il risultato. La cupezza è sostituita da una solarità inattesa, riflessa anche da una fotografia poco consona all'horror che fatica a calare lo spettatore nella giusta atmosfera. Si prova a dare qualche accelerata splatter (il pattinatore che precipita dall'alto del Millennium Building, che poi altro non è che il Rockefeller Center di New York), si forza la mano con qualche piccola trovata in eccesso (le donne che partoriscono nell'ascensore bloccato durante le prime scene), si arricchisce il cast con nomi anche importanti (Ron Perlman, Don Hedaya e pure Michael Ironside nel ruolo del direttore dell'azienda che ha realizzato i famigerati biochip all'origine dei danni) e si alza il ritmo con un po' di azione che bilanci i numerosi dialoghi, talvolta fin troppo pedanti. Il risultato è insomma un film più complesso e stratificato del prototipo, un po' fumoso e faticoso da seguire in alcuni passaggi della storia ma in definitiva piuttosto godibile (specie se non si conosce la fonte). Non si ricerchino tensione e spaventi comunque, gli obiettivi sono mutati e si punta a un intrattenimento diverso, incappando a dire il vero in qualche spunto umoristico di scarsa resa e in un apporto della computergrafica sommariamente nocivo (eravamo ancora agli albori). Poi certo, uscire con un film in cui si citano attentati alle Torri Gemelle e Osama Bin Laden pochi mesi prima dell'11 settembre 2001 non ha aiutato...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/01/08 DAL BENEMERITO UNDYING POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/01/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 23/01/08 19:13 - 3837 commenti

I gusti di Undying

Ma è mai possibile? Uno stenta a credere, ma la storia è quella: pedissequa, tale e quale. C'è da scommettere che anche i dialoghi non si discostino dall'omonimo film (già poco gradevole) diretto nel 1983 dall'olandese Dick Maas, anche se ci vuole fegato per mettersi lì a confrontare due goffaggini simili. Chi ha tempo e voglia lo verifichi: sembra proprio un copia/incolla, anche se il remake mostra una tipicità (sfavorevole): l'utilizzo di Computer Grafica sino alla nausea; tanto che sembra d'esser di fronte ad un gioco per PC...

Galbo 4/02/12 14:13 - 11516 commenti

I gusti di Galbo

Il regista Dick Maas realizza un remake di un suo stesso film riguardante misteriosi ascensori in un avveniristico palazzo. La storia è intrigante ma si avverte una palese incapacità del regista (pare non riguardante il film originale) di mantenere alta la tensione che si stempera anche a causa di una durata eccessiva. Del cast, la più incisiva e la Watts.

Belfagor 14/02/12 15:36 - 2628 commenti

I gusti di Belfagor

Autoremake troppo lungo e per nulla necessario di L'ascensore, è un horror di serie B che non riesce a creare la giusta tensione. Il cast non è privo di attori capaci (Perlman, Ironside, Watts), ma la sceneggiatura blanda non dà loro molto da migliorare. La computer grafica usata con poca accuratezza toglie buona parte del fascino alla messa in scena di un soggetto interessante, probabilmente destinato a compiersi nel film originale senza andare oltre.

Cloack 77 17/06/12 10:48 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Su questa fatica di Dick Maas c'è ben poco da dire, come spesso accade per forme cinematografiche ibride. Con il regista originale che "rivede" la sua opera si va incontro al disastro e anche stavolta non si sfugge alla regola. Si è al cospetto di una sceneggiatura ancor più che ridicola, al di là dell'ammissibile. Attori che devono reggere conversazioni da bambini della quinta elementare, un finale allucinante per pigrizia e svogliatezza sia di scrittura che di realizzazione.

Rambo90 15/09/14 16:32 - 6513 commenti

I gusti di Rambo90

L'idea di partenza sarebbe meritevole (ascensori dotati di vita propria che iniziano a uccidere i passeggeri), ma il ritmo e la confezione non sono delle migliori. L'inizio è troppo lento, la storia ci mette molto a entrare nel vivo e così l'attenzione cala dopo poco. Ci sono alcune sequenze degne di nota (la decapitazione, l'ascensore lanciato verso l'alto), ma sono davvero poche. Cast non troppo malvagio con la Watts, Ironside e Perlman a fare da volti famosi.

Homesick 22/06/15 08:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Oggi, si sa, vanno di moda i remake, anche dei propri film. Così, Maas si mette a rifare in chiave moderna il suo L'ascensore, ma lo priva del senso di inquietudine originario esplicitando e "umanizzando" la causa (parascientifica) dell'orrore e ricorrendo a sovrabbondanti effetti digitali: il clima è infatti quello dei tanti blockbusters americani fracassoni e vuoti, come dimostra l'epilogo da mediocre action. Le scene di morte sono una ripetizione pedissequa, quindi non aggiungono meriti.
MEMORABILE: L'educatrice che insulta i bambini prevedendo per loro un pessimo futuro; la bambina e la bambola.

Trivex 21/09/15 09:12 - 1519 commenti

I gusti di Trivex

Film pessimo e non poco. A parte il paragone con il discreto precedente, qui si può parlare di un fallimento totale anche senza fare confronti. Il palazzone è stile "fumetto" e va bene; le porte mantengono una certa "forma" idonea ad annunciare l'orrore; ma il resto è da buttare. Ironie assurde tra brutti dialoghi, sceneggiatura che spesso barcolla e si affanna a riempire vuoti senza riuscirci, attori evidentemente poco motivati (compreso il mitico Ironside) e un finale sgangherato che rappresenta il punto peggiore dell'intera pellicola.
MEMORABILE: Il pessimo finale, con corpi speciali, missili Stinger, giornalisti ed elettricisti a caccia... dell'ascensore!

Rufus68 20/04/17 22:11 - 3219 commenti

I gusti di Rufus68

Piatto, prevedibile, estenuante. Maas scioglie nell'acido hollywoodiano la sua già non irresistibile operina (che almeno vantava un suo fascino grezzo) e ne esce una sbobba annacquatissima dove gli unici sussulti sono gli sbuffi d'insofferenza. I soliti attori, tutti egualmente anonimi, recitano le consuete battutine d'ordinanza.

Gestarsh99 28/12/19 16:30 - 1347 commenti

I gusti di Gestarsh99

Un remake "spezzacarriera" con la iella incorporata. Revisionato nel posto sbagliato (New York) al momento sbagliato (2001) con twist tematici sbagliati (il terrorismo), L'ascensore-reborn non è mai entrato in funzione nelle sale americane proprio a causa delle infelici premonizioni sull'incombente attentato aereo alle Twin Towers: per fatale coincidenza infatti, durante il film vengono sinistramente citati fra una battutona e l'altra la guerra in Iraq, l'attacco esplosivo del '93 al WTC e, last but not least, Osama Bin Laden! Wannabe-horror, wannabe-thriller, wannablack-comedy, wannab-movie.
MEMORABILE: "Per poco non buttavano giù le Twin Towers 10 anni fa"; "Se vedi Bin Laden, salutamelo!" (le ultime parole famose involontariamente premonitrici...).

Anthonyvm 6/12/19 10:33 - 2278 commenti

I gusti di Anthonyvm

Maas ripropone uno dei suoi horror più noti in salsa americana e over-the-top: avvalendosi di un budget superiore e di un cast di volti noti (la Watts, Ironside, Perlman...), il regista olandese si sbizzarrisce con sequenze spettacolari (nemmeno l'esercito viene risparmiato) degne dei suoi colleghi a stelle e strisce, pur non rinunciando all'ironia politicamente scorretta (né bambini né animali sfuggono al body count). La sottile inquietudine de L'ascensore è lontanissima, ma nel complesso ci si diverte e qualche sequenza gore ravviva il tutto.
MEMORABILE: Lo stacco di montaggio dalle donne partorienti agli hamburger sulla piastra; Il cane morto; La maestra cattiva; La frecciatina profetica a Bin Laden.

Edward Herrmann HA RECITATO ANCHE IN...

Caesars 3/12/20 09:37 - 2817 commenti

I gusti di Caesars

Maas deve proprio essere legato al suo L'ascensore: dopo averlo ampiamente "citato" nel precedente Do not disturb, infatti, decide di farne un vero e proprio remake targato Hollywood, con tutti i guai che possono derivare da un'idea simile. Se già l'originale non era così entusiasmante, questo rifacimento, oltre che inutile, risulta davvero poco potabile, trascinandosi per quasi due ore fino a una conclusione fracassona e scontatissima. Spiace vedere la Watts, altrove assai efficace, non all'altezza della situazione; meglio di lei James Marshall. Deludente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.