Distanza di sicurezza

Media utenti
Titolo originale: Distancia de rescate
Anno: 2021
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Fever Dream". Tratto dall'omonimo racconto di Samanta Schweblin.
Numero commenti presenti: 5
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/10/21 DAL BENEMERITO ANTHONYVM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Anthonyvm 14/10/21 01:57 - 3133 commenti

I gusti di Anthonyvm

Fascinoso mystery di cui è difficile rintracciare un'appartenenza di genere, sospeso enigmaticamente fra il dramma psicologico, l'horror paranormale e l'eco-thriller. L'inquietudine stilla silenziosamente dall'evanescenza delle immagini, dall'onirica vaghezza dei suoni, dalla nebulosità del plot, fra conturbanti tensioni saffiche e incubi genitoriali che stanno fra E ora parliamo di Kevin e Cimitero vivente. Un mosaico mentale proposto con qualche tessera mancante, ma a conti fatti non particolarmente complesso da riordinare: proprio negli spazi vuoti risiede il cuore dell'atmosfera.
MEMORABILE: La morte del cavallo; Nella Casa Verde; I germani reali sotterrati da David; David chiuso in casa con Nina; I bambini deformi; La "sorpresa" finale.

Kinodrop 16/10/21 18:46 - 1996 commenti

I gusti di Kinodrop

Alla periferia di un villaggio agricolo in Argentina si è creata un'atmosfera di ambiguità e tensione a causa di effetti collaterali dovuti alla contaminazione da pesticidi che hanno provocato malformazioni e morte. Un dramma tutto al femminile, sospeso tra presagi e inquietudini, realtà e falsi ricordi, con incursioni oniriche e misteriche che legano le due protagoniste in uno stato ansiogeno di protezione per i figli, e ciò fa sì che la narrazione sia artificiosamente molto criptica e di difficile condivisione. I dettagli vanno bene, ma anche l'insieme ha il suo peso.

Lupus73 18/10/21 12:02 - 1028 commenti

I gusti di Lupus73

Legame di protezione madre/figlia (visto in maniera psicologica/soprannaturale) e concimi velenosi. Lentissimo, triste in tutti sensi; anche in quello più stucchevole, fastidioso (e piagnucoloso alle soglie dei vecchi lacrima movie), perfino pretenzioso e retorico, con "profondi" dialoghi mentali per tutta la durata che diventano insopportabili. Sceneggiatura criptica (insensatamente e intimisticamente cervellotica) mescolata a metafore che vorrebbero sublimare un concetto semplice trasformandolo in forma d'arte con l'effetto contrario di cuocere l'aria. Tempo davvero sprecato.

Daniela 18/10/21 11:42 - 10782 commenti

I gusti di Daniela

"Fai attenzione ai dettagli" è l'invito che il piccolo alieno David rivolge costantemente ad Amanda, una giovane madre in pena per la sua bambina. E lo spettatore in questi dettagli si perde volentieri facendosi affascinare da un racconto suggestivo in cui si intrecciano l'istinto materno di protezione, riti magici di trasmigrazione delle anime, minacce ambientali invisibili dagli esiti nefasti. Però alla fine del viaggio non viene offerto alcun approdo, solo altri punti interrogativi che lasciano un senso di spossatezza. Film bello ma tanto criptico da risultare frustrante.

Mco 25/10/21 12:49 - 2216 commenti

I gusti di Mco

Qual è la distanza giusta da tenere coi propri figli? Quanto spazio va loro dato senza che questo diventi esiziale? A questi interrogativi cerca di fornire una risposta l'opera di Llosa, che si allaccia all'omonimo romanzo della Schweblin. La narrazione avanza tra ricordi, frustrazioni e tentativi di spiegare i dettagli (come ricorda in continuazione la voce fuori campo). Si ruota attorno ad un cerchio magico, misterioso e che appare come un vortice che tutto inghiotte ("tutti sono malati qui"), un'ubicazione malsana da cui non si scampa. Non tutto funziona, ma il fascino non manca.
MEMORABILE: La Fonzi che impara a guidare; La curatrice.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.